Cagliari, 27 febbraio 2008 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (Goi) “siamo un punto di riferimento culturale e multiculturale” – a Cagliari sabato 1 marzo tavola rotonda “Massoni e Democratici tra ‘800 e ‘900”.

Cagliari, 27 febbraio 2008 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (Goi) “siamo un punto di riferimento culturale e multiculturale” – a Cagliari sabato 1 marzo tavola rotonda “Massoni e Democratici tra ‘800 e ‘900”.

Alberto Mario, Carlo Cattaneo, Giuseppe Ferrari, Francesco Crispi, Cristoforo Bonavino, Giorgio Asproni e Guido Laj: sono questi gli importanti rappresentanti della cultura laica del nostro Paese che saranno al centro della tavola rotonda “Massoni e Democratici tra ‘800 e ‘900” in programma a Cagliari sabato prossimo, 1 marzo.

L’iniziativa culturale cagliaritana – alla quale parteciperà l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia – organizzata dalla Loggia intitolata a Giorgio Asproni, in collaborazione con il Collegio dei Maestri Venerabili della Sardegna – prevede anche la presentazione dei volumi “Giorgio Asproni, eredità morale e attualità politica”, a cura di Anna Maria Isastia dell’università di Roma e “L’eredità di Nathan. Guido Laj (1880-1948), Pro sindaco di Roma e Gran Maestro” di cui la stessa Isastia è coautrice.

L’appuntamento di sabato si inserisce nelle attività culturali che caratterizzano in tutta Italia la presenza della Massoneria del Grande Oriente d’Italia.

“Siamo una Massoneria viva e feconda – sottolinea il Gran Maestro Gustavo Raffi – che continua proporsi alla società come luogo di incontro culturale e multiculturale, con i suoi valori di pace e di tolleranza. Rappresentiamo un punto di riferimento per un dialogo libero da ogni condizionamento dottrinario o metafisico e che abbia nell’uguaglianza, nella solidarietà e nella libertà i principi regolatori dei rapporti tra gli uomini. A questo proposito non è certo un caso che la Gran Loggia 2008, la maggiore assise annuale della nostra istituzione, in programma a Rimini dal 4 al 6 aprile prossimi, avrà per titolo ‘Tu sei mio fratello’.”

Alla Tavola Rotonda che si terrà, alle ore 17,00, nella Casa Massonica cagliaritana, Piazza Indipendenza 1, interverranno – moderati da Gavino Angius, dell’Associazione culturale Giorgio Asproni – Paolo Virginio Gastaldi dell’università di Pavia e presidente del Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Lombardia; Santi Fedele, dell’università di Messina; Tito Orrù dell’università di Cagliari e Anna Maria Isastia. Chiuderà i lavori il Gran Maestro Raffi.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Montecatini Terme 23-24 febbraio 2008 – Seminario di studi esoterici. I valori della Massoneria.

Montecatini Terme 23-24 febbraio 2008 – Seminario di studi esoterici. I valori della Massoneria.

Sarà interamente dedicato ai massoni del Grande Oriente d’Italia il seminario di studi esoterici che si terrà il 23 e il 24 febbraio a Montecatini. Potranno partecipare i fratelli di ogni grado.

Grand Hotel Vittoria – Viale della Libertà 2/A
www.hotelvittoria.it

Info: Moreno Milighetti, vicepresidente Collegio circoscrizionale della Toscana (329 4929886 o mmilig@tin.it)

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 20.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 12 febbraio 2008 – Ebrei: black list; Massoneria, Raffi (Goi) “una esecranda infamia” Grande Oriente d’Italia per la civiltà ed il diritto, contro l’odio della barbarie.

Roma 12 febbraio 2008 – Ebrei: black list; Massoneria, Raffi (Goi) “una esecranda infamia” Grande Oriente d’Italia per la civiltà ed il diritto, contro l’odio della barbarie.

“I Massoni del Grande Oriente d’Italia esprimono la propria indignazione per l’infame black list che espone al pubblico ludibrio i nomi di 162 docenti universitari ritenuti appartenenti ad una fantomatica “lobby ebraica” e qualificati come minoranza etnica solidale ad una entità politica extranazionale come Israele. Condannano l’inqualificabile esposizione mediatica alla quale sono stati ingiustamente sottoposti i docenti della black list – molti dei quali neppure di stirpe ebraica ma “rei” solo di aver sottoscritto, a suo tempo, un appello contro l’iniziativa di alcuni universitari inglesi che proponevano il boicottaggio di ricerche congiunte con istituzioni culturali israeliane”.

Lo afferma l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

“Nonostante le persecuzioni che storicamente hanno contrassegnato per secoli le vicende del popolo ebraico, nonostante la tragedia immane dell’olocausto, registriamo ancora una volta – ha aggiunto – il ritorno di spaventosi fantasmi che pure, con l’affermazione della civiltà del diritto, ritenevamo esorcizzati per sempre. Purtroppo, dobbiamo invece nuovamente constatare di esserci sbagliati: la teoria del complotto mondiale descritto nel bieco falso dei Protocolli dei Savi Anziani di Sion – designata, in un non lontano passato tutto da dimenticare, come pluto-giudaico-massonica – è stata dissennatamente riesumata dalla tomba della Storia da mani irresponsabili e sacrileghe, capaci solo, coi propri vaneggiamenti assurdi per quanto pericolosi, di dispensare a piene mani odio, risentimento, ostilità verso chi è considerato, antropologicamente e culturalmente, un avversario da demonizzare e, auspichevolmente, da annientare”.

“Il Grande Oriente d’Italia – conclude il Gran Maestro Raffi – esprime la propria incondizionata solidarietà ai professori così discriminati, e alla intera comunità ebraica nazionale da tempo oggetto di una delirante campagna d’odio. Anche la Massoneria italiana, nonostante la sua storia gloriosa di fondatrice della cultura moderna ed a dispetto del suo essere scuola di vita e di virtù, ha conosciuto più volte la vergogna delle liste di proscrizione, alla quale si sono sempre accompagnate discriminazioni, messe all’indice, persecuzioni. Per questo motivo, con il fratello Voltaire, i Massoni italiani tutti invitano gli uomini liberi e di buoni costumi a schiacciare per sempre questa esecranda infamia”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Torino 10 febbraio 2008 – Cultura come dialogo e confronto.

Torino 10 febbraio 2008 – Cultura come dialogo e confronto.

Il 18 luglio dello scorso anno numerosi massoni piemontesi hanno costituito a Torino un’associazione culturale intitolata a Silvio Pilocane, il presidente del Collegio circoscrizionale di Piemonte-Valle d’Aosta precocemente scomparso nel 2003. Presieduta dalla vedova, Sandra Bernatti, è apartitica, apolitica, non confessionale e senza fini di lucro e si prefigge l’approfondimento e lo studio della tradizione occidentale e della religiosità, con un approccio laico e multidisciplinare. A questo scopo realizza eventi e dibattiti culturali, diffusione e prestito di libri e finanziamento di borse di studio.

La prima manifestazione si è svolta il 1° dicembre 2007 con la tavola rotonda “Scuola pubblica e insegnamento religioso: situazione attuale e futuri scenari”, patrocinata dalla Provincia di Torino.
Per i primi mesi del 2008, l’associazione ha in programma tre conferenze del padre domenicano Bruno Uvini, teologo e docente di Patristica:

Martedì 26 febbraio “La teologia cristiana dal Nuovo Testamento ai Padri apostolici: temi, pluralità, dinamiche”

Martedì 11 marzo “La teologia cristiana come discorso su Cristo”

Martedì 8 aprile “La teologia cristiana come discorso su Dio-Trinità”

Info: Associazione “Silvio Pilocane” – Via Sineo 7/4 – 10124 Torino
Tel/Fax 011 8391571 (martedì, mercoledì e giovedì, dalle 16,30 alle ore 19,30)

minfo@associazionepilocane.orgwww.associazionepilocane.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 9 febbraio 2008 – Anniversario Repubblica Romana.

Roma 9 febbraio 2008 – Anniversario Repubblica Romana.

Il 9 febbraio si celebra l’anniversario della proclamazione della Repubblica Romana e le logge capitoline “Dio e Popolo” (786) e “Goffredo Mameli” (169) hanno organizzato, con il patrocinio del Collegio circoscrizionale del Lazio, una cerimonia al Sacrario dei Caduti della Repubblica sul Colle Gianicolo. L’appuntamento è alle ore 09.00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Genova 9 febbraio 2008 – Giuseppe Garibaldi. La Massoneria mette sotto processo il suo Gran Maestro.

Genova 9 febbraio 2008 – Giuseppe Garibaldi. La Massoneria mette sotto processo il suo Gran Maestro.

Per il 9 febbraio il Collegio dei maestri venerabili della Liguria ha promosso e organizzato, sotto l’egida del Grande Oriente nazionale, una grande manifestazione in onore di Garibaldi che si avvale dei patrocini del Ministero delle Politiche Giovanili e del Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi. Parteciperà il Gran Maestro Gustavo Raffi.

Il programma prevede – alle 15,30 – l’inaugurazione del cartiglio massonico (restaurato dal Collegio ligure) della corona ai piedi del monumento equestre di Giuseppe Garibaldi a Piazza De Ferrari-Largo Pertini. Di seguito (ore 16,30) si svolgerà a Palazzo Ducale, uno dei principali poli museali di Genova, un convegno pubblico dal titolo “Giuseppe Garibaldi. La Massoneria mette sotto processo il suo Gran Maestro”.

Il sottosegretario Elidio De Paoli parteciperà ad entrambe le iniziative e farà un saluto, in apertura del convegno, insieme al Gran Maestro Raffi. Tra i relatori figura il senatore Valerio Zanone.

“Genova garibaldina”, così è stata denominata nell’anno del bicentenario, ospita dallo scorso novembre numerose manifestazioni per la rassegna “Garibaldi. Il mito”, sostenuta anche dal Grande Oriente d’Italia. Si tratta di esposizioni sulla creazione del mito garibaldino, soprattutto dal punto di vista artistico. E c’è pure una rassegna gastronomica: con “Garibaldi a tavola” una trentina di ristoranti genovesi convezionati propongono piatti del ricettario di casa Garibaldi conosciuto per la sua genuinità. Info: www.garibaldiilmito.it

Il 9 febbraio sarà caratterizzato anche da una tornata rituale nella casa massonica della città (Via La Spezia 7) con la loggia “Garibaldi” (317) di Nizza della Gran Loggia Nazionale Francese.

Tutti i fratelli sono invitati a partecipare. I lavori avranno inizio alle ore 10,30. info@goiliguria.it

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 315.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Genova 7 febbraio 2008 – Massoneria: Garibaldi; Grande Oriente gli dedica iniziative di sabato 9 febbraio inaugurazione del restauro della corona bronzea del monumento equestre di Garibaldi in Largo Pertini (ore 15,30).

Genova 7 febbraio 2008 – Massoneria: Garibaldi; Grande Oriente gli dedica iniziative di sabato 9 febbraio inaugurazione del restauro della corona bronzea del monumento equestre di Garibaldi in Largo Pertini (ore 15,30).

“Giuseppe Garibaldi, la Massoneria mette sotto processo il suo Gran Maestro”.

La Liguria – con circa 1000 iscritti e 41 Logge – una delle realtà più importanti per la Massoneria.

“Sarà un tribunale d’eccezione che permetterà di analizzare la variegata personalità di Garibaldi, un personaggio che ha segnato un momento fondamentale della storia del nostro Paese. Amato da molti, anche se detestato da alcuni, nel suo mito ritroviamo l’orgoglio e la volontà del patto di fratellanza della nazione. Non è certamente un caso che quando si vuole mettere in crisi la nazione e lo Stato italiano, ed è successo anche di recente, il primo obiettivo è quello di denigrare Garibaldi per distruggere i valori del Risorgimento”.

Lo sottolinea il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, avvocato Gustavo Raffi, anticipando i temi che saranno oggetto della iniziativa organizzata dal Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Liguria “Giuseppe Garibaldi, la Massoneria mette sotto processo il suo Gran Maestro” in programma a Genova sabato prossimo 9 febbraio (ore 16,30, Palazzo Ducale, Sala del Minor Consiglio) che si avvale dei patrocini del Ministero delle Politiche Giovanili e del Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi.

Nel “processo” che sarà aperto dai saluti del Presidente dei Maestri Venerabili della Liguria, Francesco Paolo Barbanente, dell’onorevole Elidio De Paoli, sottosegretario al Ministero per le politiche giovanili e del Gran Maestro Gustavo Raffi, il ruolo di Pubblico Ministero sarà svolto da Paolo Virginio Gastaldi, storico e saggista, presidente del Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Lombardia; mentre il Collegio giudicante sarà presieduto dal senatore Valerio Zanone e composto, quali giudici a latere, dagli storici Fulvio Conti e Luigi Polo Friz. La difesa dell’imputato Garibaldi sarà affidata allo storico Santi Fedele.

La Massoneria dedicherà l’intera giornata di sabato 9 febbraio al Gran Maestro Garibaldi: alle ore 15,30, infatti, si terrà la cerimonia di inaugurazione del restauro della corona bronzea posta ai piedi del monumento equestre di Garibaldi in Piazza Pertini.

In Liguria sono circa 1000 gli appartenenti al Grande Oriente d’Italia distribuiti in 41 Logge. Presidente del Collegio dei Maestri Venerabili della Liguria è l’avvocato Francesco Paolo Barbanente. Ligure è anche una delle più alte cariche a livello nazionale, l’avvocato Giuseppe Anania, Gran Maestro Aggiunto del Grande Oriente d’Italia.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Genova 5 febbraio 2008 – Massoneria: Il Grande Oriente d’Italia processa Garibaldi Sabato 9 febbraio a Genova “Giuseppe Garibaldi, la Massoneria mette sotto processo il suo Gran Maestro” (Palazzo Ducale, Sala del Minor Consiglio).

Genova 5 febbraio 2008 – Massoneria: Il Grande Oriente d’Italia processa Garibaldi Sabato 9 febbraio a Genova “Giuseppe Garibaldi, la Massoneria mette sotto processo il suo Gran Maestro” (Palazzo Ducale, Sala del Minor Consiglio).

Inaugurazione del restauro della corona bronzea del monumento equestre di Garibaldi in Largo Pertini

Gran Maestro Raffi “Garibaldi, mito vivente nel cuore degli italiani”.

Aver invaso, senza alcuna dichiarazione di guerra, un Regno legittimo, sovrano ed indipendente provocandone l’annessione ad un altro, con notevoli danni morali, civili ed economici per le popolazioni del mezzogiorno; aver compromesso lo sviluppo socio-economico delle floride regioni padane, gravandole del peso derivante dall’annessione delle arretrate regioni del Mezzogiorno; essere stato per decenni il principale punto di riferimento di tutti i tentativi ispirati all’empio proposito di mettere fine, con il ricongiungimento di Roma all’Italia, al plurisecolare potere temporale dei Papi: sono questi i principali capi di accusa che saranno mossi all’imputato Garibaldi Giuseppe che fu Gran Maestro del Grande Oriente nel corso del “processo” che si svolgerà sabato 9 febbraio, alle ore 16,30, nella Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale.

Il ruolo di Pubblico Ministero sarà svolto da Paolo Virginio Gastaldi, storico e saggista , presidente del Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Lombardia, mentre il Collegio giudicante sarà presieduto dal senatore Valerio Zanone e composto, quali giudici a latere, dagli storici Fulvio Conti e Luigi Polo Friz. La difesa dell’imputato Garibaldi sarà affidata allo storico Santi Fedele.

Il processo sarà aperto dai saluti del Presidente dei Maestri Venerabili della Liguria, Francesco Paolo Barbanente, dell’onorevole Elidio De Paoli, sottosegretario al Ministero per le politiche giovanili e del Gran Maestro Gustavo Raffi.

L’iniziativa che si avvale dei patrocini del Ministero delle Politiche Giovanili e del Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi ed è organizzata dal Grande Oriente d’Italia e dal Collegio dei Maestri Venerabili della Liguria – sarà preceduta, alle ore 15, 30 in Largo Pertini – dalla inaugurazione del restauro della corona bronzea posta ai piedi del monumento equestre di Garibaldi.

Garibaldi, sicuramente il Massone più famoso dell’ottocento, aderì alla Libera muratoria a metà della sua esistenza, quando in esilio trovò solo nello Logge un clima di libertà e di solidarietà, e divenne nel 1864 Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia. Fu impegnato nelle file del movimento pacifista e nella battaglia, che vide ovunque i massoni in prima fila, per promuovere la costituzione di organismi di arbitrato a livello internazionale che scongiurassero il ricorso alle guerre. Così come la Massoneria di quegli anni, si prodigò per l’affermazione del suffragio universale, per l’emancipazione femminile, per la diffusione dell’istruzione obbligatoria, laica e gratuita e per diffondere in Italia l’idea e la pratica della cremazione

“Garibaldi – sottolinea il Gran Maestro Gustavo Raffi – rappresenta la storia di ogni singolo italiano. Nella sua veste di edificatore della Nazione, per la sua umanità e per i suoi principi, diventò un punto di riferimento per coloro che volevano creare un’Italia unita, libera e giusta. E lo è ancora: il sogno garibaldino ossia l’idea di una società civile libera e democratica conserva ancora oggi una grande attualità e rappresenta un obiettivo che incarna gli ideali massonici. E’un mito vivente nel cuore degli italiani e della Massoneria :è vivo perché è la nostra profonda coscienza democratica”.

Il Grande Oriente d’Italia nel corso delle celebrazioni del Bicentenario dalla nascita di Giuseppe Garibaldi, ha collaborato con il Comune di Genova e con Palazzo Ducale a numerose iniziative dedicate all’ Eroe dei Due mondi. Tra queste le mostre: “Da Lega a Guttuso” a Palaz

Pisa 26 gennaio 2008 – Shoah: Massoneria: Raffi (Goi) ” nel suo ricordo costruire una umanità migliore” – “indispensabile ricostruire clima di laicità”.

Pisa 26 gennaio 2008 – Shoah: Massoneria: Raffi (Goi) ” nel suo ricordo costruire una umanità migliore” – “indispensabile ricostruire clima di laicità”.

“La Libera Muratoria, erede di principi universali di fratellanza, uguaglianza e solidarietà, alza con forza il suo grido contro ogni barbarie, contro ogni intolleranza, contro ogni forma di oppressione e discriminazione verso chi ci appare diverso e contro ogni manifestazione volta a umiliare e a distruggere la dignità dell’Uomo”.

“Solo alimentando il ricordo della Shoah, che mai dovrà essere negata, o ancor peggio cadere nell’oblio oppure essere calpestata dal revisionismo, saremo in grado di trovare dentro di noi la forza per costruire quella nuova Umanità che i nostri fratelli travolti da quella follia avrebbero voluto veder realizzata. E’ in nome loro che dobbiamo, tutti insieme, edificarla”.

Lo ha detto l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani che, nel corso del Convegno “Lo stato laico in una società multiconfessionale” – organizzato a Pisa dalla Massoneria Toscana – ha voluto innanzitutto ricordare il Giorno della Memoria che domani si celebra in tutto il mondo.

Sul tema della laicità il Gran Maestro Raffi ha aggiunto che “è indispensabile ricostruire nel nostro Paese un clima di laicità che consenta il rispetto di tutti gli orientamenti religiosi e culturali, ma che, allo stesso tempo, impedisca che ci sia qualcuno che tenda a presidiare i confini dell’etica e ad imporre il proprio. La cultura laica non ha, e non ha mai avuto, un contenuto anticristiano, ne’ un contenuto irreligioso. Essa ha le sue basi nel pluralismo, nell’uso sistematico della ragione, nel rispetto delle opinioni altrui in ogni campo, nella centralità dell’essere umano in sè. Principi che costituiscono la nostra identità’, l’essenza del nostro modo di essere, le radici dei nostri giudizi”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Pisa 26 gennaio 2008 – Convegno della Massoneria toscana.

Pisa 26 gennaio 2008 – Convegno della Massoneria toscana.

“Lo Stato laico in una società multiconfessionale” è il tema del quindicesimo convegno della Massoneria toscana che si terrà il 26 gennaio (ore 16,30) a Pisa nell’aula magna della Sapienza in via Curtatone e Montanara.

I lavori saranno aperti dai saluti del rettore dell’Università di Pisa Marco Pasquali e del presidente del Collegio dei maestri venerabili della Toscana Stefano Bisi. Moderati da Romano Lazzeroni, già prorettore vicario dell’ateneo pisano e accademico dei Lincei, interverranno: Roberto Barzanti (ex vicepresidente del parlamento europeo), Gian Mario Cazzaniga (ordinario di Filosofia morale all’Università di Pisa), Raimondo Cubeddu (ordinario di Filosofia politica all’Università di Pisa), Mario Montorzi (ordinario di storia del Diritto medievale e moderno all’Università di Pisa), Gaetano Quagliariello (ordinario di Storia dei partiti politici all’Università Luiss di Roma e senatore della Repubblica).
Le conclusioni saranno del Gran Maestro Gustavo Raffi. Una cena chiuderà la serata.

Per prenotazioni, entro il 10 gennaio: 333 1504933 – 050 564167.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 25 gennaio 2008 – Presentazione del volume promossa dal Centro Sperimentale di Cinematografia.

Roma 25 gennaio 2008 – Presentazione del volume promossa dal Centro Sperimentale di Cinematografia.

Cineteca Nazionale Da La presa di Roma a Il piccolo garibaldino. Risorgimento, Massoneria e Istituzioni: l’immagine della Nazione nel cinema muto (1905-1909).

Il Servizio Biblioteca del GOI è lieto di segnalarvi la presentazione del volume promossa dal Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale Da La presa di Roma a Il piccolo garibaldino. Risorgimento, Massoneria e Istituzioni: l’immagine della Nazione nel cinema muto (1905-1909)
A cura di Sergio Toffetti e Mario Musumeci
Gangemi Editore, Roma, 2007

VENERDI 25 GENNAIO 2008 alle ore 18 Cinema Sala Trevi Vicolo del Puttarello, 25 (zona Fontana di Trevi) – Roma

Incontro con

Il Gran Maestro GUSTAVO RAFFI, SERGIO TOFFETTI, LUCIO VILLARI, MARIO MUSUMECI, BERNARDINO FIORAVANTI, ROBERTO BALZANI, GIOVANNI LASI, IRELA NUNEZ.

Il volume, primo frutto di un progetto di ricerca in collaborazione fra il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e il Grande Oriente d’Italia – Servizio Biblioteca, è stato pubblicato in occasione delle celebrazioni per il bicentenario dalla nascita di Garibaldi e contiene saggi sui film, sulla nascente cinematografia italiana e sul contesto storico-politico.
Il Grande Oriente d’Italia, attraverso il Servizio Biblioteca, ha contribuito al restauro del film muto del 1909, Il piccolo garibaldino, breve e commovente vicenda di un giovane e appassionato patriota che, seguendo suo padre – volontario garibaldino – fugge da casa e cade eroicamente combattendo con la camicia rossa. Il film, pur citato in numerose filmografie, è praticamente sconosciuto.
Prodotto dalla Cines, fondata dal fratello Filoteo Alberini, prosegue il suo impegno in favore della diffusione dei valori del Risorgimento, in particolare per la formazione dei giovani cittadini dell’Italia postunitaria.
A seguire ci sarà la proiezione dei due film restaurati La presa di Roma (1905) e Il piccolo garibaldino (1909) e di Viva l’Italia (1961) di Roberto Rossellini, nel quale viene rievocata a cento anni di distanza la spedizione dei Mille.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pisa 24 gennaio 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; Raffi (Goi) “siamo laici e non laicisti”. Convegno di studi della Massoneria toscana “Lo stato laico in una società multiconfessionale” – sabato 26 gennaio, ore 16,30, Università di Pisa.

Pisa 24 gennaio 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; Raffi (Goi) “siamo laici e non laicisti”. Convegno di studi della Massoneria toscana “Lo stato laico in una società multiconfessionale” – sabato 26 gennaio, ore 16,30, Università di Pisa.

“I Liberi Muratori sono laici e non laicisti: essere laici oggi , infatti, significa garantire e mantenere spazi di libertà all’interno dei quali diversità culturali, religiose e politiche trovano una occasione di confronto, di tolleranza e di dialogo. Trovando anche regole comuni attraverso le quali posizioni apparentemente inconciliabili riescano a mediarsi. La laicità rappresenta un momento di garanzia anche per le spiritualità e per le culture religiose poiché consente di poter mettere in discussione i propri assunti e le proprie credenze, senza per questo abbandonarle, ma semmai arricchendole con l’apporto di altri assunti e di altre credenze”.

Lo ha detto il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani anticipando alcuni dei temi che saranno affrontati nel corso del XV Convegno di studi della Massoneria toscana “Lo Stato laico in una società multiconfessionale” che si terrà sabato prossimo 26 gennaio a Pisa.

Organizzato dal Grande Oriente d’Italia e dal Collegio dei Maestri Venerabili della Toscana, il Convegno si aprirà alle ore 16,30 nell’Aula Magna della Sapienza di Pisa (Via Curtatone e Montanara).

Dopo il saluto del Rettore dell’Università di Pisa, Marco Pasquali, e del Presidente del Collegio dei Maestri Venerabili della Toscana, Stefano Bisi, al Convegno – moderato da Romano Lazzeroni, già Prorettore Vicario dell’ateneo pisano e Accademico dei Lincei – parteciperanno Roberto Barzanti, ex Vicepresidente del Parlamento Europeo, Gian Mario Cazzaniga, Ordinario di Filosofia morale all’Università di Pisa, Raimondo Cubeddu, Ordinario di Filosofia politica all’Università di Pisa, Mario Montorzi, Ordinario di storia del Diritto medievale e moderno all’Università di Pisa, Gaetano Quagliariello, Ordinario di Storia dei partiti politici all’Università Luiss di Roma e Senatore della Repubblica.
I lavori saranno conclusi dal Gran Maestro Raffi.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Castel S. Pietro Terme 20 gennaio 2008 – Tornata rituale del Collegio Circoscrizionale dell’Emilia-Romagna.

Castel S. Pietro Terme 20 gennaio 2008 – Tornata rituale del Collegio Circoscrizionale dell’Emilia-Romagna.

Il Collegio Circoscrizionale dell’Emilia-Romagna ha organizzato per domenica 20 gennaio 2008 una Tornata a Logge Riunite in Grado di Apprendista, con la presenza del Gran Maestro Gustavo Raffi e dei membri di Giunta.

La Tornata sarà aperta ritualmente dal Maestro Venerabile della più antica Loggia della regione, la “Risorgimento – VIII Agosto”, N. 102 e chiusa dal Maestro Venerabile della più recente Loggia costituita in Emilia-Romagna, la “Guido Nozzoli”, N. 1282.

Il programma prevede l’inizio dei Lavori alle ore 10.00 ed è prevista la partecipazione di numerosi Fratelli della regione e ospiti. La Tornata del Collegio si terrà presso il Centro Congressi di Castel San Pietro Terme (Bo), Viale Terme, 1010/B.

Per informazioni: goi.bo@tin.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 16 gennaio 2008 – Papa/Sapienza: Massoneria; Gran Maestro Raffi (Goi) “no al rifiuto della tolleranza come strumento di confronto”.

Roma 16 gennaio 2008 – Papa/Sapienza: Massoneria; Gran Maestro Raffi (Goi) “no al rifiuto della tolleranza come strumento di confronto”.

“Nell’impossibilità di poter parlare all’Università “La Sapienza” di Roma, il Pontefice, con un coup de théâtre, vi ha platealmente rinunziato, cogliendo l’occasione per denunciare il clima di intolleranza che si era ingenerato. SS Benedetto XVI ha provato su di sé, come tanti altri semplici cittadini – oggi e nel passato – cosa significa il rifiuto della tolleranza come strumento di confronto”.

Lo ha dichiarato l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

“I Liberi Muratori del Grande Oriente d’Italia – ha aggiunto – condannano questo, come ogni altro evento, in cui il dialogo e la tolleranza soccombono di fronte all’intolleranza e all’arroganza del dogmatismo”.

“Ci auguriamo che ciò che è accaduto e di cui è stato vittima il Papa – ha concluso – più che una sterile e pretestuosa polemica diventi una tappa di riflessione sulla strada della libertà, le cui tappe sono il dialogo, la chiarezza, la tolleranza e il rispetto: i cardini della Libera Muratoria, che esprime le sue idee con la forza della ragione, ripudiando le ragioni della forza”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Roma 16 gennaio 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; Gran Maestro Raffi a inaugurazione, sabato 19 gennaio, nuovo Tempio Serenissima Gran Loggia della Repubblica di San Marino.

Roma 16 gennaio 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; Gran Maestro Raffi a inaugurazione, sabato 19 gennaio, nuovo Tempio Serenissima Gran Loggia della Repubblica di San Marino.

Il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, avvocato Gustavo Raffi sarà a San Marino, sabato 19 gennaio, per partecipare alla inaugurazione del nuovo Tempio della Serenissima Gran Loggia della Repubblica di San Marino.

Alla cerimonia che si svolgerà in forma rituale (ore 17,00) il Gran Maestro sarà accompagnato da numerosi componenti la Giunta del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

Un altro importante appuntamento è fissato per domenica 20 gennaio: a Castel San Pietro Terme (Bologna) si terrà una riunione, “tornata” in gergo massonico, di tutte le trentaquattro logge che compongono il Collegio Circoscrizionale dell’Emilia Romagna del Grande Oriente d’Italia. E’ prevista la presenza di oltre quattrocento Liberi Muratori provenienti da tutte le regioni d’Italia.

Una curiosità: i lavori della tornata saranno aperti dal Maestro Venerabile della loggia più antica, la loggia “Risorgimento VIII agosto” di Bologna e saranno chiusi dal Maestro Venerabile della loggia più giovane, “Guido Nozzoli” di Rimini.

Ad entrambe le iniziative è prevista la partecipazione del segretario esecutivo della Conferenza mondiali delle Grande Logge massoniche Thomas Jackson.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Frosinone 12 gennaio 2008 – Conoscenza tra filosofia e scienza.

Frosinone 12 gennaio 2008 – Conoscenza tra filosofia e scienza.

La loggia frusinate “Il Vello d’Oro” (1247) organizza in città un convegno aperto al pubblico dal titolo “Conoscenza: una parola contesa tra scienza e filosofia”. L’incontro, patrocinato dal Collegio dei maestri venerabili del Lazio, è in programma il 12 gennaio all’Henry Hotel (Via Fedele Calvosa, 10) dalle ore 16.

Dopo l’apertura dei lavori da parte del presidente circoscrizionale Bruno Battisti D’Amario, intervengono: Vincenzo Fiasconaro (Centro Ricerche ENEA di Frascati), Carmelo Muscato (Università di Messina), Alessandro Fiasconaro (Università di Palermo), Bent Parodi (giornalista, scrittore e Grande Oratore Aggiunto del Grande Oriente d’Italia). Modera Danilo Tiberi, maestro venerabile della loggia “Il Vello d’Oro”.

Info: 328 5571013 – 338 284 4832

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 10 gennaio 2008 – Anniversario ONU: Massoneria, Gran Maestro Raffi; “dotare l’Onu di quegli strumenti di cui oggi è carente”.

Roma 10 gennaio 2008 – Anniversario ONU: Massoneria, Gran Maestro Raffi; “dotare l’Onu di quegli strumenti di cui oggi è carente”.

“L’aspirazione alla pace di per sé, senza il supporto di Istituzioni internazionali adeguate, non realizza un ordine mondiale stabile e tanto meno le condizioni di una “pace possibile”. La pace, invero, deve essere configurata non solo come assenza di guerre, ma come processo di eliminazione delle cause di conflitto. Solo così nessuna Potenza potrà agire autonomamente per tutelare quelli che ritiene i propri interessi nazionali o quelli umanitari, minacciati ad esempio dal terrorismo internazionale, invocando i princìpi sanciti dalla Carta dell’Onu e denunziando, al contempo, l’incapacità decisionale e operativa delle Nazioni Unite”.

Lo ha detto l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani in occasione dell’anniversario della prima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, che si tenne a Londra il 10 gennaio 1946, erede della Società delle Nazioni, ideata dai Liberi Muratori e concepita come luogo di mediazione delle controversie internazionali e di affermazione dei valori quali i diritti primari e il valore della persona umana; l’eguaglianza tra gli Stati, grandi o piccoli; la giustizia e il rispetto degli obblighi derivanti dai trattati e dalle altre fonti di diritto internazionale; il mantenimento della pace e della sicurezza internazionali; il divieto dell’uso della forza; la promozione del progresso economico e sociale di tutti i popoli.

“Purtroppo – ha aggiunto il Gran Maestro Raffi – l’Onu è attualmente in crisi, paralizzata non solo da un anacronistico diritto di veto, attribuito ai singoli membri permanenti del Consiglio di Sicurezza – anomalia politica che ne inibisce il buon funzionamento ma soprattutto dalla carenza di quei poteri e strumenti che possono farle assumere un ruolo attivo e funzionale al perseguimento e alla realizzazione in concreto dei grandi princìpi e valori che la stessa Carta delle Nazioni Unite afferma. Il diritto internazionale e l’O.N.U. non possono essere, infatti, modellati sulla presunzione utopica che si possa prescindere dal fatto che gli Stati siano o meno coerenti nella loro azione con i princìpi fondanti dell’Ente e che rispettino, in particolare, i diritti umani”.

“Come Liberi Muratori sentiamo il dovere di rammentare ai governanti l’importanza centrale della costruzione di processi di pace, che potrà essere assicurata solo rinunziando ai propri interessi particolari, dotando l’Onu di quei poteri e di quegli strumenti di cui oggi è carente”.


Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Roma 21 dicembre 2007 – Anniversario Costituzione: Massoneria; Raffi (GOI) “riaffermiamo solenne impegno a difesa democrazia e libertà”.

Roma 21 dicembre 2007 – Anniversario Costituzione: Massoneria; Raffi (GOI) “riaffermiamo solenne impegno a difesa democrazia e libertà”.

“Sessant’anni fa, il 22 dicembre 1947 l’Assemblea Costituente approvava la Carta Costituzionale della Repubblica. Nel celebrarne l’anniversario, i Liberi Muratori del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, riaffermano solennemente, oggi come ieri, il loro strenuo impegno a difesa della democrazia e delle libertà garantite dalla Costituzione repubblicana”.

Lo ha detto l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

“I Liberi Muratori Meuccio Ruini, Presidente della Commissione dei 75 per l’elaborazione della Costituzione e Giovanni Conti, Vice Presidente della Costituente, appassionati ed intransigenti testimoni delle virtù repubblicane – ha detto ancora – contribuirono insieme ad altri Massoni a realizzare la Carta fondamentale della Repubblica, che 60 anni or sono fece degli Italiani finalmente dei cittadini di uno Stato democratico”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 18 dicembre 2007 – Pena di morte: Onu; Massoneria; Gran Maestro Raffi (Goi) “iniziativa di portata storica”.

Roma 18 dicembre 2007 – Pena di morte: Onu; Massoneria; Gran Maestro Raffi (Goi) “iniziativa di portata storica”.

La Massoneria del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani plaude alla decisione assunta oggi dall’Onu che ha approvato, con una iniziativa di portata storica, la moratoria sulla pena di morte.

“Il voto dell’Assemblea generale dell’Onu – afferma il Gran Maestro Gustavo Raffi – rappresenta il primo passo verso la conquista di un nuovo diritto umano e civile, una vittoria che riafferma la sacralità della vita. Rappresenta anche una pagina importante per la diplomazia italiana che della moratoria è stata promotrice”.

“La coscienza di ogni Libero Muratore – prosegue Raffi – da sempre si ribella alla pena di morte, un barbaro strumento che deve, senza indugio, essere bandito da ogni ordinamento giudiziario”.

“Auspico – conclude – che quanto prima la moratoria diventi un obbligo giuridico per gli Stati, affinché mai più si assista all’ignobile spettacolo di un uomo messo a morte”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa

Siracusa 15-16 dicembre 2007 – Da Garibaldi alla loggia Archimede.

Siracusa 15-16 dicembre 2007 – Da Garibaldi alla loggia Archimede.

Sessantesimo anniversario di nascita della loggia siracusana “Archimede” (342) che ha organizzato per il 15 e 16 dicembre un’altra iniziativa per le sue celebrazioni. Significativa quella dello scorso giugno con la presentazione del volume “Architettura e Massoneria” di Marcello Fagiolo da parte di stimati accademici.

La nuova manifestazione, dal titolo “Da Garibaldi alla loggia Archimede: 60 anni dalla ricostituzione della loggia Archimede”, avrà inizio il 15 mattina (ore 9) con un convegno al Palazzo del Governo (Via Roma 31). Dopo il saluto del maestro venerabile della loggia, Giovanni Conigliaro, interverranno: il Gran Maestro Onorario Morris Ghezzi, sociologo del diritto all’università di Milano, (“Garibaldi Massone”); il Grande Oratore Aggiunto Bent Parodi, giornalista e scrittore, (“Ruolo sociale della Massoneria siciliana”); il dottor Benedetto Brandino (“Origine e storia della RL Archimede”).
Chiuderà i lavori, moderati da Biagio Scandurra, il Gran Maestro Gustavo Raffi.

L’indomani mattina, dopo lo scoprimento, alle ore 9, di una lapide commemorativa all’esterno della casa massonica, la sede delle logge siracusane (via dell’Arsenale 54) sarà aperta al pubblico fino alle 13. L’iniziativa si avvale del patrocinio del Collegio circoscrizionale della Sicilia, dell’Associazione culturale Giordano Bruno, e degli enti locali del Comune e della Provincia di Siracusa.

Info: 3381978263 – 3929582531 – info@loggiaarchimede.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 14 dicembre 2007 – Livorno e Firenze: origine e continuità della massoneria.

Roma 14 dicembre 2007 – Livorno e Firenze: origine e continuità della massoneria.

Venerdì 14 dicembre alle ore 18:30 presso Villa Il Vascello si terrà la presentazione di due volumi, curati da Fulvio Conti, sulla storia della massoneria in Toscana. I testi, frutto del lavoro di studiosi di diversa formazione, ricostruiscono una storia plurisecolare sulla scorta di una ricca e inedita documentazione di archivio.

Ne “La massoneria a Livorno. Dal Settecento alla Repubblica” si ripercorrono le tappe fondamentali della fondazione delle prime logge intorno al 1730 ad opera della comunità mercantile inglese che a partire da quel periodo si insediarono profondamente nel tessuto sociale e culturale della città.

“La massoneria a Firenze. Dall’età dei Lumi al secondo Novecento” ricostruisce la nascita, nel 1731 e 1732, di quella che è considerata la prima loggia massonica italiana e successivamente racconta come la massoneria gettò profonde radici nella città, divenendo un tratto caratterizzante della vita sociale e politica fiorentina. L’incontro sarà introdotto dal Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi e parteciperanno Marcello Verga (Università di Firenze), Gabriella Ciampi (Università della Tuscia – Viterbo), Ferdinando Cordova (Università di Roma), Fulvio Conti (Università di Firenze) e il Gran Maestro Gustavo Raffi.

La Massoneria a Livorno La Massoneria a Firenze Leggi l’invito [ Scarica file File Formato PDF Size 154.7 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Siracusa 11 dicembre 2007 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (GOI) a Siracusa il 15 e il 16 dicembre. Domenica 16 dicembre apertura della Casa Massonica della città.

Siracusa 11 dicembre 2007 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (GOI) a Siracusa il 15 e il 16 dicembre. Domenica 16 dicembre apertura della Casa Massonica della città.

Il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, avvocato Gustavo Raffi, sarà a Siracusa sabato 15 e domenica 16 dicembre in occasione del sessantesimo anniversario della fondazione della loggia “Archimede”. Le celebrazioni prevedono due importanti iniziative: il convegno di studi “Da Garibaldi alla loggia Archimede: 60 anni dalla ricostituzione della loggia Archimede”, in programma sabato 15 alle ore 9 al Palazzo del Governo (Via Roma 31); l’apertura al pubblico, il giorno successivo domenica 16 dicembre, dalle 9,30 alle 13, della Casa Massonica della città.

Il convegno di studi “Da Garibaldi alla loggia Archimede: 60 anni dalla ricostituzione della loggia Archimede”, che si avvale dei Patrocini del Comune e della Provincia di Siracusa, del Collegio Circoscrizionale dei Maestri venerabili della Sicilia e dell’Associazione culturale Giordano Bruno sarà aperto dai saluti del Maestro venerabile della loggia, Giovanni Conigliaro. Interverranno, moderati da Biagio Scandurra, Morris Ghezzi, sociologo del diritto, università di Milano e Gran Maestro Onorario del Grande Oriente d’Italia su “Garibaldi Massone”; Bent Parodi, giornalista e scrittore e Grande Oratore Aggiunto del Grande Oriente d’Italia, su “Ruolo sociale della Massoneria siciliana”; Benedetto Brandino su “Origine e storia della Loggia Archimede”. I lavori saranno chiusi dal Gran Maestro Gustavo Raffi.

Il giorno successivo, domenica 16 dicembre, dopo lo scoprimento, alle ore 9, di una lapide commemorativa all’esterno della casa massonica, la sede delle logge siracusane, situata in Via dell’Arsenale 54, sarà aperta al pubblico fino alle 13, in coerenza con la politica della trasparenza e del confronto con la società civile che ormai da anni contraddistingue l’attività del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 3 dicembre 2007 – Massoneria: la Gran Loggia Nazionale di Francia ristabilisce le relazioni con il Grande Oriente d’Italia.

Roma 3 dicembre 2007 – Massoneria: la Gran Loggia Nazionale di Francia ristabilisce le relazioni con il Grande Oriente d’Italia.

Un ulteriore passo di rilevanza strategica, dopo il meeting delle Massonerie Europee Regolari, tenutosi a Novembre a Londra è stato compiuto nel cammino verso una sempre più qualificata presenza del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani nel novero delle Massonerie regolari mondiali: la Gran Loggia Nazionale di Francia, nel corso della sua assemblea annuale, svoltasi a Parigi all’inizio di dicembre ha ufficialmente ristabilito le relazioni con il Grande Oriente d’Italia.

Il Gran Maestro Gustavo Raffi, accompagnato dal Gran Segretario Giuseppe Abramo e dal Gran Tesoriere Antonio Catanese, alla testa di una folta e qualificata delegazione, è stato ricevuto solennemente nel Tempio, tra scroscianti applausi e alla presenza delle Delegazioni Estere di tutti i Continenti del mondo e di oltre 4.000 fratelli.

“Il riconoscimento della Gran Loggia Nazionale di Francia – ha dichiarato il Gran Maestro – premia il silente e incessante lavoro diplomatico svolto dalla nostra Obbedienza, in questi ultimi 9 anni, che ha raccolto solidarietà e consensi in Europa nel mondo massonico, forte del prestigio conseguito in quello profano, sia nazionale che internazionale”.

“Il Grande Oriente d’Italia – ha aggiunto con soddisfazione – ritrova nel consesso delle Gran Logge dell’Europa la dovuta collocazione e la centralità che ad esso compete, quale legittima Obbedienza, rappresentativa dei massoni regolari nel nostro Paese. Mancava all’appello la Francia: ora il vulnus è stato cancellato”.

Il riconoscimento della Gran Loggia di Francia apre ora nuovi scenari. Seguiranno, infatti, i riconoscimenti di tutte le Gran Logge dell’Africa francofona. La stessa Gran Loggia del Sudafrica ha preannunciato il ripristino delle relazioni con il Grande Oriente d’Italia.

“La nostra Obbedienza – ha concluso il Gran Maestro Raffi – potrà così svolgere in quell’area tormentata del globo, così come è nella sua tradizione, una funzione primaria di promozione dei valori della tolleranza, della solidarietà umana, del dialogo e, soprattutto, del rispetto della dignità e libertà dell’Uomo, calpestati dai fondamentalismi etnici e religiosi”.

Il riconoscimento era stato ritirato dalla Gran Loggia Nazionale di Francia 14 anni or sono, all’epoca della costituzione della Gran Loggia Regolare d’Italia, ad opera dell’allora Gran Maestro Di Bernardo, che aveva precipitosamente abbandonato il Grande Oriente d’Italia.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 3 dicembre 2007 – Funzione sociale della Massoneria.

Roma 3 dicembre 2007 – Funzione sociale della Massoneria.

Quarant’anni fa nasceva la loggia capitolina “Acacia” (669) e l’anniversario sarà celebrato il 3 dicembre con il convegno “La funzione sociale della Massoneria”.
L’incontro è previsto all’Hotel Rouge et Noir (via di Pietralata, 162) alle 17.
Intervengono: la storica Anna Maria Isastia (“Il Grande Oriente d’Italia nella società italiana tra la fine dell’Ottocento e il primo Novecento”), il giornalista Aldo Chiarle, Gran Maestro Onorario, (“Eppur la nostra idea è solo idea d’Amor”), il giornalista e saggista Bent Parodi, Grande Oratore Aggiunto del Grande Oriente d’Italia (“Lavorare per il bene e il progresso dell’Umanità”) e l’assirologo Claudio Saporetti (“Il mio approccio alla Massoneria”).

Il Gran Maestro Gustavo Raffi chiuderà i lavori, presieduti dal presidente circoscrizionale del Lazio Bruno Battisti D’Amario e moderati dal maestro venerabile della loggia, Giuseppe Seganti.
Nel corso della manifestazione saranno consegnati gli attestati di membro onorario della “Acacia” ai Gran Maestri Onorari Luigi Sessa e Aldo Chiarle, al Grande Oratore Aggiunto Bent Parodi e al Grande Ufficiale Domenico Macrì. Info: Giuseppe Seganti (347 0412926 – sebe@flashnet.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Londra dicembre 2007 – “Special Meeting” a Londra delle Gran Logge d’Europa.

Londra dicembre 2007 – “Special Meeting” a Londra delle Gran Logge d’Europa.

Dopo 14 anni un Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia varca la soglia del tempio della Gran Loggia Unita d’Inghilterra

Nei giorni scorsi, per la prima volta dal 1993, un Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia ha varcato la soglia del Tempio della Gran Loggia Unita d’Inghilterra, in occasione del “Meeting speciale” sui principi della regolarità massonica e sui riconoscimenti internazionali tra le Gran Logge svoltosi a Londra.

Il Meeting al quale hanno partecipato tutte le Massonerie regolari europee, accolte dal Duca di Kent, Gran Maestro della Gran Loggia Unita d’Inghilterra è stato introdotto dal Pro Gran Maestro, Marchese di Northampton.

Al Gran Maestro Gustavo Raffi, invitato quale relatore ufficiale, insieme ai Gran Maestri di Austria, Francia, Estonia, Svezia, Repubblica Ceca, il compito di illustrare l’originalità delle linee guida dell’azione seguita in questi anni dal Grande Oriente per attualizzare i principi della Libera Muratoria e parteciparli alla società e alle nuove generazioni, nel rispetto della tradizione e della regolarità massonica.

“In questi anni – ha detto il Gran Maestro nel suo intervento – stiamo proponendo la Massoneria come esempio civile di impegno, di rigore etico e di confronto: oggi lo scenario è globalizzato e quindi il dialogo con le minoranze, con altre culture, trova anche nella Massoneria uno strumento di equilibrio, di assimilazione ed educazione ai valori della tolleranza, del rispetto e della costruzione di una società più giusta”.

“In presenza di una serie drammatica di nuovi fondamentalismi – ha proseguito – è determinante il ruolo storico della Massoneria come punto d’unione universale di uomini desiderosi di pace e di conoscenza, capaci di contribuire alla costruzione di un nuovo tessuto nei rapporti umani e sociali”.

“Non posso che esprimere la mia soddisfazione – ha detto ancora – per gli onori riservatimi, a coronamento di anni di lavoro supportati dall’impegno corale dei Liberi Muratori per l’affermazione dei valori di una Massoneria, attenta alle problematiche dell’oggi e del domani, forte della sua tradizione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Firenze 1 dicembre 2007 – Festa della Luce.

Firenze 1 dicembre 2007 – Festa della Luce.

Nuova edizione della “Festa della Luce” che quest’anno si svolge il 1° dicembre (ore 17,30) al Grand Hotel Firenze (piazza Ognissanti 1). Il Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi porterà il saluto del Gran Maestro Gustavo Raffi, impegnato all’estero per impegni istituzionali.

La manifestazione, organizzata dal Collegio circoscrizionale dei maestri venerabili della Toscana, prevede una parte aperta a familiari e amici. Nel corso dei lavori sarà consegnato un riconoscimento ai fratelli con oltre quaranta anni di anzianità massonica e si esibirà il violoncellista Marco Severi. Un’agape bianca chiuderà la serata.

Info e prenotazioni entro il 25 novembre: Collegio circoscrizionale della Toscana, dal lunedì al venerdì, ore 9-12 (tel. 055 2340543)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Milano 25 novembre 2007 – Libertà e solidarietà: la lezione di Garibaldi.

Milano 25 novembre 2007 – Libertà e solidarietà: la lezione di Garibaldi.

Grande Oriente d’Italia e Società Umanitaria insieme per celebrare Garibaldi. Il Collegio circoscrizionale dei maestri venerabili della Lombardia e la prestigiosa istituzione storica milanese organizzano un convegno internazionale di studi dal titolo “Libertà e solidarietà: la lezione di Garibaldi” con il patrocinio del Comitato Nazionale del Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi.

L’incontro è previsto il 25 novembre (ore 16) nella sede della Società Umanitaria (via Daverio, 7 – Sala Facchinetti) alla presenza del Gran Maestro Gustavo Raffi.

Ricco il programma di lavori presieduti dal presidente dell’Umanitaria Piero Amos Nannini. Intervengono gli storici: Cosimo Ceccuti, dell’università di Firenze, (“Garibaldi: un mito che vive”); Zeffiro Ciuffoletti, dello stesso ateneo, (“Il volontariato garibaldino”); Annita Garibaldi Jallet, dell’università di Bordeaux, (“Garibaldi e la solidarietà ai popoli oppressi”); Marco Novarino, dell’università di Torino, (“L’associazionismo laico in Piemonte”); Paolo V. Gastaldi, dell’università di Pavia e presidente della circoscrizione lombarda, (“L’associazionismo milanese: il caso dell’Umanitaria”).

“Garibaldi e la Massoneria” sarà invece il tema affrontato dal Gran Maestro Raffi, in veste di relatore.

Dopo il convegno sarà proiettato il documentario “Garibaldi oltre il mito” di Angelo Bonfadini con la consulenza storica di Arturo Colombo.

La Società Umanitaria ospiterà anche una mostra di vignette e caricature di artisti contemporanei dal titolo “Alla garibaldina”.

Info: Collegio della Lombardia (tel. 02 6572442 – fax 02 65726069);
Società Umanitaria (tel. 02 5796831 – fax 02 5511846 – www.umanitaria.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sansepolcro 23 novembre 2007 – Celebrazioni della loggia “Armonia” di Città di Castello.

Sansepolcro 23 novembre 2007 – Celebrazioni della loggia “Armonia” di Città di Castello.

La loggia “Armonia” (1153) di Città di Castello festeggia il 23 novembre nove anni di nascita con una serata piena di eventi. L’appuntamento è al Borgo Palace Hotel di Sansepolcro (Via Senese Aretina, 80) dalle ore 16 ed è stata annunciata la presenza del Gran Maestro Gustavo Raffi.

Il programma si apre con un convegno pubblico sul tema “Cellule staminali: stato dell’arte, prospettive e bioetica” che sarà discusso dall’ematologo Adolfo Puxeddu, dal genetista Massimo Biondi, dal ginecologo Sandro Giardina e dal sociologo del diritto Morris Ghezzi, Gran Maestro Onorario del Grande Oriente d’Italia. Modererà i lavori il Maestro Venerabile della “Armonia”, Fausto Castagnoli. Seguiranno la presentazione del primo volume della loggia che raccoglie i lavori di questi anni e un intermezzo musicale del pianista Bruno Mangoni.

La manifestazione si chiuderà con un cena di gala, sempre al Borgo Palace Hotel, animata da una esibizione del Duncan Ballet, gruppo umbro di danza contemporanea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Milano 22 Novembre 2007 – Garibaldi: anche Giannelli, Altan, Bucchi, Forattini e Staino ne celebrano il Bicentenario.

Milano 22 Novembre 2007 – Garibaldi: anche Giannelli, Altan, Bucchi, Forattini e Staino ne celebrano il Bicentenario.

Il Convegno di studi “Libertà e solidarietà: la lezione di Garibaldi”; il documentario “Garibaldi oltre il mito”; la mostra “Alla garibaldina” vignette e caricature di artisti tra i quali Giannelli, Altan, Bucchi, Forattini, Staino: è una vera e propria full immersion dedicata all’Eroe dei Due Mondi quella prevista domenica prossima 25 novembre dal Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani e dalla Società Umanitaria per celebrare il Bicentenario della nascita di Garibaldi.

Ad aprire le iniziative – alle ore 16 (Sala Facchinetti – Società Umanitaria, via Daverio 7) il Convegno di studi al quale interverranno, presieduti da Piero Amos Nannini, presidente della Società Umanitaria, Cosimo Ceccuti, università di Firenze, “Garibaldi: un mito che vive”; Zeffiro Ciuffoletti, della stessa università, “Il volontariato garibaldino”; Annita Garibaldi Jallet, università di Bordeaux, “Garibaldi e la solidarietà ai popoli oppressi”; Marco Novarino, università di Torino “L’associazionismo laico in Piemonte”; Paolo Gastaldi, università di Pavia e presidente del Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Lombardia; Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani “Garibaldi e la Massoneria”.

La Società Umanitaria ospiterà anche dal 25 al 30 novembre una mostra di vignette e caricature di artisti contemporanei dal titolo “Alla garibaldina” organizzata dalla stessa Umanitaria e dalla Fondazione Riccardo Bauer. Dopo il convegno sarà proiettato il documentario “Garibaldi oltre il mito” di Angelo Bonfadini con la consulenza dello storico Arturo Colombo.

Sulla figura di Garibaldi che, come noto, fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, l’avvocato Gustavo Raffi sottolinea: “la sua adesione alla Massoneria fu meditata e consapevole e nacque dal desiderio di costruire uno stato laico e democratico. Il sogno garibaldino, l’idea di una società civile, libera e democratica conserva ancora una grande attualità e rappresenta l’ideale di tutti i Liberi Muratori”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa

Sanremo 22-24 novembre 2007 – Mostra internazionale di filatelia massonica.

Sanremo 22-24 novembre 2007 – Mostra internazionale di filatelia massonica.

Ventesimo anniversario della loggia sanremese “Lando Conti” (1058) che per l’occasione realizza, dal 22 al 24 novembre, una mostra internazionale di filatelia massonica.

L’esposizione, curata dall’Associazione Italiana di Filatelia Massonica del Grande Oriente d’Italia (Aifm-Goi), sarà allestita a Villa Ormond (corso Felice Cavallotti) con le collezioni di Renato Boeri e Sergio Giannini dedicate a massoni illustri, e di Gabriele Laurenzi sugli aspetti simbolici nella filatelia. L’orario di apertura è dalle 9 alle 18.

Saranno emessi due annulli postali speciali: uno, venerdì 23, che celebra l’anniversario della loggia e la figura di Lando Conti, il sindaco di Firenze trucidato dalle Brigate Rosse, e un altro, il giorno successivo, dedicato alla mostra. Sabato 24 novembre sono previsti altri eventi, con una tornata rituale nella casa massonica di Sanremo (via Vesco, 36, ore 16,30) e a Villa Ormond (dalle 18,30) con un aperitivo, la presentazione del libro “XX anniversario della loggia “Lando Conti” (1058) all’Oriente di Sanremo”, e un’agape che chiuderà la serata.

Info: agapelandoconti@gmail.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA