Siena 19 ottobre 2009 – Massoneria e religioni civili. Nuova presentazione dell’ultimo libro sulla Massoneria di Fulvio Conti.

Siena 19 ottobre 2009 – Massoneria e religioni civili. Nuova presentazione dell’ultimo libro sulla Massoneria di Fulvio Conti.

Dopo la presentazione a settembre a Massa Marittima, lo storico Fulvio Conti, dell’Università di Firenze, ripropone il 19 ottobre a Siena il suo ultimo saggio sulla Libera Muratoria “Massoneria e religioni civili – Cultura laica e liturgie politiche fra XVIII e XX secolo”, edito quest’anno da Il Mulino.

L’autore incontra il pubblico all’Enoteca Italiana (Fortezza Medicea – Piazza della Libertà 1 – ore 17,30) per illustrare il suo nuovo studio sull’influenza dell’attività massonica nella vita pubblica del nostro Paese in tre secoli di storia.
Le ‘liturgie’ di loggia alimentarono, infatti, nel nome del laicismo e del progresso, una forma di vera e propria religione civile.
Introduce il vicepresidente del Collegio toscano Moreno Milighetti.

Info: mmilig@tin.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Malcesine (VR) Dal 1 agosto fino al 15 ottobre 2009 – Mostra documentaria la rivoluzione della Repubblica romana tra celebrazione e satira 1849-2009.

Malcesine (VR) Dal 1 agosto fino al 15 ottobre 2009 – Mostra documentaria la rivoluzione della Repubblica romana tra celebrazione e satira 1849-2009.

Dal 1 agosto fino al 15 ottobre 2009 il Comune di Malcesine (VR) esporrà presso la Sala della Casermetta nel Castello Scaligero la mostra documentaria allestita dal Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia e presentata in occasione dell’ultima Gran Loggia a Rimini dal 3 al 5 aprile 2009.

La breve, seppure intensa, esperienza della Repubblica Romana del 1849 costituisce da centosessanta anni, un fondamentale riferimento ideale e politico per l’Italia e l’Europa; ad essa deve essere doverosamente riconosciuto il ruolo avuto nella ricerca dell’assetto per una Democrazia repubblicana nazionale.
Le schiere di giovani eroi che in quelle giornate caddero valorosamente difendendo la Patria e la Libertà, saranno per sempre simboli della democrazia non solo italiana.
La potenza di questi valori simbolici è testimoniata, per la prima volta nella storia, dalla messe vastissima di documenti prodotti nella breve ma significativa stagione della Repubblica Romana del 1849: bandi, proclami, stampe, quadri e cimeli che la fanno rivivere, cogliendone gli aspetti celebrativi politici, sociali e istituzionali. Un valore simbolico forse più diretto lo possiedono le raffigurazioni satiriche; la contraffazione delle sembianze, le inverosimili scenografie, la negazione dell’iconografia classica giocano un interessante ruolo nel proporci aspetti storici e sociali difficili, se non impossibili, da rappresentare con la stessa immediatezza attraverso gli strumenti tradizionali.
In questo contesto si colloca la mostra “La Rivoluzione della Repubblica Romana, tra celebrazione e satira – 1849/2009” che già nel titolo indica con chiarezza le sue caratteristiche. Si è proceduto ad una selezione, il più possibile esaustiva, dell’ampia documentazione storica disponibile, presentando i pezzi giudicati più significativi per illustrare gli avvenimenti e gli aspetti umani e sociali legati ai momenti esaltanti della Repubblica Romana del 1849.
Il materiale esposto è espressione diretta della collaborazione tra la casa editrice Gangemi ed il Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia.

Info: bibliogoi@grandeoriente.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Livorno 14 ottobre 2009 – In ricordo del fratello Benedetto Brin. Il fondatore dell’Accademia Navale livornese celebrato dalle logge della città.

Livorno 14 ottobre 2009 – In ricordo del fratello Benedetto Brin. Il fondatore dell’Accademia Navale livornese celebrato dalle logge della città.

Il 14 ottobre il Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi sarà nell’aula magna dell’Istituto Nautico Statale “Alfredo Cappellini” di Livorno per rappresentare il Grande Oriente d’Italia in occasione della premazione, da parte delle logge cittadine, di studenti meritevoli dell’Istituto alla memoria del massone Benedetto Brin, conosciuto dai livornesi per aver fondato nel 1881 l’Accademia Navale della città, ma personaggio illustre della storia italiana come grande ingegnere navale, uomo politico, ministro e capo di stato maggiore della Marina, che rinnovò la nostra flotta militare, creò il nuovo organismo della Marina e progettò modernissimi tipi di navi da guerra.
A lui si deve pure lo sviluppo delle acciaierie nazionali e la nascita del complesso siderurgico di Terni.

Il fratello Emilio Novi, a nome dell’Oriente di Livorno, consegnerà 8 borse di studio ai ragazzi che si sono cimentati in una ricerca sulla figura di Brin e due computers a servizio degli studenti.
All’evento sono state invitate le autorità cittadine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Reggio Calabria 9 ottobre 2009 – “L’Aureo Compasso”. Onorificenza simbolica della loggia “Eadem Resurgo” per il suo quinto compleanno.

Reggio Calabria 9 ottobre 2009 – “L’Aureo Compasso”. Onorificenza simbolica della loggia “Eadem Resurgo” per il suo quinto compleanno.

Il 9 ottobre la loggia “Eadem Resurgo” (1249) di Reggio Calabria festeggia il quinto anno di vita e per celebrare degnamente il primo lustro ha istituito l’onorificenza simbolica “L’Aureo Compasso”.
Avrà cadenza annuale e sarà assegnata dall’officina al fratello libero muratore che si sarà distinto, con fatti e idee, nell’esercizio del lavoro muratorio secondo i principi di fratellanza, tolleranza e solidarietà.
Il primo conferimento avverrà il 9 ottobre, nella sede massonica di Reggio Calabria, con una tornata alle ore 19.
Le segnalazioni, corredate di motivazioni, potranno essere inviare anche in forma anonima.

Leggi Info e dettagli [ Scarica file File Formato PDF Size 144.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torino 1 ottobre 2009 – Massoneria; Solidarietà: Gran Maestro Raffi “ogni uomo bene inestimabile che va preservato e tutelato nel bisogno”.

Torino 1 ottobre 2009 – Massoneria; Solidarietà: Gran Maestro Raffi “ogni uomo bene inestimabile che va preservato e tutelato nel bisogno”.

Sabato 3 ottobre in mattinata inaugurazione nuovi locali dell’Associazione Piccolo Cosmo e visita Asili Notturni Umberto I°; nel pomeriggio riunione rituale congiunta di tutte le Logge del Piemonte e della Valle d’Aosta.
Il 23 e 24 ottobre celebrazioni per il 150° della Loggia Ausonia.

Torino 1 ottobre 2009. “In una società incentrata sulle logiche dell’arido profitto, realtà come quelle degli Asili Notturni e del Piccolo Cosmo testimoniano che ogni uomo è un bene inestimabile che va preservato e tutelato nel bisogno con disinteresse e, soprattutto, nel rispetto della propria dignità. I Liberi Muratori sono da sempre animati dal desiderio di aiutare concretamente chi soffre, senza nulla chiedere, con discrezione, ma soprattutto, rispettando la dignità di ogni uomo in quanto partecipe di uno stesso destino, al di fuori delle vicende contingenti che lo costringono a chiedere aiuto”.

Lo ha detto l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, che sarà a Torino, sabato prossimo 3 ottobre, per l’inaugurazione dei nuovi locali ristrutturati dell’Associazione “Piccolo Cosmo”, in Via Ormea 119, sede anche degli “Asili Notturni Umberto I°”.

Piccolo Cosmo, un progetto di solidarietà del Grande Oriente d’Italia, è la più importante – per numero di letti – associazione italiana che offra accoglienza gratuita ad ammalati e ai loro familiari che si trasferiscono a Torino per cure mediche – principalmente oncologiche – in particolare all’Ospedale Infantile Regina Margherita o all’Istituto per la Ricerca sul Cancro di Candiolo.
Con le sue tre strutture a Torino e Stupinigi mette a disposizione 65 posti letto in camere con bagno, uso di cucina e spazi comuni per la socializzazione.

Di antica tradizione tra le iniziative massoniche di solidarietà sono gli “Asili Notturni Umberto I°”, associazione che dal 1886 offre ricovero ai senza tetto.
Grazie al contributo delle Logge di Torino del Grande Oriente d’Italia, sono circa 8mila le persone, giovani e anziani che ogni anno ricevono alloggio gratuito; circa 20mila i pasti che vengono distribuiti; oltre 700 le visite mediche offerte negli ambulatori che forniscono servizi di medicina generale e in quello per la cura delle emergenze odontoiatriche.

Una giornata ricca di iniziative per i Liberi muratori quella di sabato prossimo a Torino. Dopo la visita agli Asili notturni, infatti, nel pomeriggio, alle ore 14, si terrà la riunione rituale, “tornata”, in gergo massonico, di tutte le Logge del Piemonte e della Valle d’Aosta, che ogni anno si svolge nel capoluogo piemontese.

Il 2009 è un anno importante per il Grande Oriente d’Italia e per la Massoneria del Piemonte. Si celebra infatti il 150° anniversario della fondazione della loggia “Ausonia”, che venne istituita con l’ambizioso progetto di costituire un organismo massonico in un Italia unita sotto il nome dei Savoia.
Momento significativo delle celebrazioni, il Convegno di studi “Massoneria e Unità d’Italia, la rinascita della Libera Muratoria nella Torino del 1859” in programma il 23 e 24 ottobre prossimi all’Archivio di Stato in Piazza Castello.
“I nostri padri fondatori – sottolinea il dottor Marco Jacobbi, Presidente del Collegio del Piemonte e della Valle d’Aosta – misero allora in gioco la vita per gli ideali di libertà, uguaglianza e fratellanza attraverso i quali fondare una Italia unità. E’ nostro dovere onorare la loro memoria e quella di tutti i Liberimuratori che, in questi 150 anni, hanno dimostrato con il loro operato i valori fondanti della nostra Istituzione”.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Cagliari 30 settembre 2009 – Compleanno della loggia “Arquer”. Celebrazioni nella casa massonica.

Cagliari 30 settembre 2009 – Compleanno della loggia “Arquer”. Celebrazioni nella casa massonica.

La Massoneria sarda ha un’antica tradizione. La sua presenza nell’isola è documentata con precisone alla nascita del Grande Oriente Italiano di cui quest’anno si celebrano i 150 anni.
La “Arquer” di Cagliari, intitolata a un martire cagliaritano dell’Inquisizione, nasce più tardi, nel 1890, rimane in vita fino al 1925 (anno di scioglimento delle officine del Grande Oriente dopo la promulgazione della legge fascista contro le associazioni) e poi si risveglia nel 1969. Tuttora lavora nell’oriente cagliaritano.

Il 30 settembre, i fratelli dell’officina celebrano i primi 35 e i secondi 40 anni di vita con un convegno a Cagliari nella casa massonica di Palazzo Sanjust (Piazza Indipendenza 1). L’appuntamento è alle ore 18.

Intervengono: Giulio Angioni, Ordinario di Antropologia culturale nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Cagliari (Sigismondo o del morir di teologia); Sergio Bullegas, professore di Storia del Teatro e dello Spettacolo nella stessa Facoltà (“Il fuoco dello spirito e il corpo nelle fiamme”. Le “Coplas” tragica autobiografia di Sigismondo Arquer); Giorgio Pellegrini, assessore alla cultura del Comune di Cagliari (“Timor Domini initium sapientiae”. Sigismondo Arquer e il peccato della curiosità); Gianfranco Murtas, giornalista e storico della Massoneria (Il profilo della Libera Muratoria cagliaritana nell’età giolittiana e nel post 1968. La duplice esperienzadi una loggia intitolata ad Arquer, martire della libertà del pensiero e della coscienza).

Apriranno i lavori i saluti del maestro venerabile della loggia “Arquer” Francesco Marongiu, del presidente del Collegio circoscrizionale sardo Andrea Allieri, del Gran Maestro Onorario Bruno Fadda e del sindaco di Cagliari Emilio Floris.

Info: gifigus@libero.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Preci 27 settembre 2009 – I Monti Sibillini e le loro valli – luoghi dell’anima. Convegno del Centro Studi Sociali di Macerata e del Circolo di Corrispondenza della Quatuor Coronati di Perugia.

Preci 27 settembre 2009 – I Monti Sibillini e le loro valli – luoghi dell’anima. Convegno del Centro Studi Sociali di Macerata e del Circolo di Corrispondenza della Quatuor Coronati di Perugia.

Il Comune di Preci, nel perugino, ospita il 27 settembre un convegno del Centro Studi Sociali di Macerata e del Circolo di Corrispondenza della Quatuor Coronati di Perugia. Titolo dell’incontro: “I Monti Sibillini e le loro valli – luoghi dell’anima”.

L’appuntamento è alle ore 9,30 nella sala multimediale della sede comunale (Piazza G. Marconi) con la conferenza di Claudio Vitiello sul tema del convegno. Apriranno l’incontro i saluti delle autorità locali e dei maestri venerabili Luciano Pupilli (“Resurrezione” di Portocivitanova) e Raffaele Stoppini (“Quatuor Coronati” di Perugia).
In chiusura è previsto un dibattito con interventi programmati.

Nel pomeriggio – dopo un pranzo (ore 13) all’Hotel Agli Scacchi di Preci – è possibile effettuare una visita guidata all’Abbazia di Sant’Eutizio a Piedivalle di Preci e al Castel Sant’Angelo sul Nera.

Info: pupilliluciano@libero.it oppure presidente@quatuorcoronati.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

San Giovanni in Persiceto 23-25 settembre 2009 – Pettazzoni e la storia delle religioni. Convegno dell’Università di Bologna con il contributo del Grande Oriente d’Italia.

San Giovanni in Persiceto 23-25 settembre 2009 – Pettazzoni e la storia delle religioni. Convegno dell’Università di Bologna con il contributo del Grande Oriente d’Italia.

Raffaele Pettazzoni è uno storico delle religioni della prima ora quando studiare la materia religiosa – in modo scientifico e comparativo – significava ricevere gli strali della Chiesa e del fronte laico.
Siamo nei primi del Novecento e può capirsi il clima: c’è chi avocava a sé il diritto esclusivo di occuparsene oppure chi lo riteneva una perdita di tempo.

Ecco perché Pettazzoni merita di essere ricordato, ma non solo per questo, visto che il suo nome è legato anche a un grande impegno civile.
E per il Grande Oriente d’Italia pure per la sua appartenenza alla Massoneria: entrò nella loggia “Rienzi” di Roma nel novembre del 1907.

Tre giorni di convegno, dal 23 al 25 settembre, a San Giovanni in Persiceto – suo paese natale nel bolognese – ne celebreranno la figura nell’ambito della Summer School dell’Università di Bologna, con enti patrocinatori di tutto rilievo e il contributo del Grande Oriente d’Italia.
Tra i promotori dell’iniziativa figura Antonio Panaino, direttore scientifico della nostra rivista “Hiram”, questa volta nella sua veste accademica, nell’ateneo bolognese, di professore di Storia religiosa del mondo iranico.

Il convegno “Pettazzoni e la Storia delle Religioni2 si svolgerà nella Sala Consiliare del Comune (Corso Italia 74) con tre giornate fitti di lavori dalle 9,30 alle 17,30.

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 1.29 Mb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Firenze 20 settembre 2009 – XX Settembre, un concerto a piazza della Signoria.

Firenze 20 settembre 2009 – XX Settembre, un concerto a piazza della Signoria.

L’associazione Fratellanza fiorentina onlus, insieme al Collegio circoscrizionale toscano e al Consiglio dei maestri venerabili di Firenze, organizza per il 20 settembre un concerto in piazza della Signoria.
L’iniziativa, prevista dalle ore 10.30 sulla scalinata “l’arengario” di Palazzo Vecchio, celebrerà non solo lo storico anniversario della Breccia di Porta Pia, ma anche i 150 anni dell’unità di Firenze e della Toscana al Regno d’Italia.

Si esibirà la Filarmonica Gioacchino Rossini di Firenze, costituita al tempo di Firenze capitale, che interpreterà un vasto repertorio di musica classica.

Parteciperanno le logge della circoscrizione con i loro labari.

Info: Moreno Milighetti (mmilig@tin.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 19 settembre 2009 – Massoneria: Raffi (Goi), “non cemento ma pensiero e confronto. Il 150° dell’Unità d’Italia significhi riscoprire il senso della Nazione”.

Roma 19 settembre 2009 – Massoneria: Raffi (Goi), “non cemento ma pensiero e confronto. Il 150° dell’Unità d’Italia significhi riscoprire il senso della Nazione”.

Il Gran Maestro, è il tempo della priorità della cultura contro i virgolettati urlanti della politica e lo squallore del gossip.

“Il 150° dell’Unità d’Italia sia un terreno di dialogo tra culture, storie e appartenenze diverse che si ritrovano però con cuore e progetto nel segno dell’identità nazionale ed europea”.

È il messaggio che il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Gustavo Raffi, lancia nella sua allocuzione al Vascello, in occasione delle celebrazioni per il XX Settembre.

“Il compito – rimarca Raffi – è ancora una volta cercare il senso delle cose. Il tempo della celebrazione non può essere infatti sterile esercizio di parole senza carne bensì un ritrovarsi della comunità e dei suoi valori profondi, un’identità diffusa nel Paese che ha bisogno di essere rimessa in piedi, liberando energie e progetti per un futuro sempre da costruire”.

“Questo deve essere il tempo della priorità della cultura contro i virgolettati urlanti della politica – scandisce Raffi – il pensiero capace di costruire destino e pezzi di verità contro lo squallore dei gossip e il potere dei metalli.
Il tempo delle coscienze contro le apparenze senza volto. Identità contro decadenza morale, formazione civile rispetto a strampalate idee di secessione che rischiano di condurci nelle trappole cieche del pensiero unico e dell’omologazione”
.

Per Raffi, “l’Unità d’Italia non è un’anticaglia sentimentale ma una storia di sangue e ragione tessuta nel corpo della Nazione. E men che meno può ridursi a battesimo di piazze e sostituzione di targhe.
L’accento strategico deve piuttosto spostarsi dagli assetti infrastrutturali alla cultura come idea-forza, pensando l’Unità come ethos e cultura capace di fare strada a un necessario confronto sulle grandi questioni nazionali. E’ un metodo e una lettura dei tempi, che oggi implica il rispetto per la storia di tutti, dei piemontesi come dei ‘briganti’ del Sud, uomini il cui ruolo va valorizzato anche nei manuali di una storia che racconta come sempre solo i vincitori”
.

“Sogniamo perciò un programma di eventi che non ignori pagine ancora aperte dell’Unità d’Italia, come la questione meridionale. Ma niente cemento per celebrare l’Unità nazionale – scandisce il numero uno di Palazzo Giustiniani – non serve qualche colata di calce o nuovi monumenti per celebrare un’idea guida, quanto invece recuperare dalla storia, fatta di volti e appartenenze tenute controvento, molti dei pensieri e delle conquiste che valgono anche per l’oggi. Basta insomma con un Risorgimento marmoreo, piuttosto si valorizzi il suo spirito profondo, le sue regole di libertà fondate sulla ragione e sulla laicità della convivenza civile. I valori di quel messaggio risorgimentale possono costituire l’antidoto più efficace contro la disgregazione civile”.

“Ecco perché – tiene a rimarcare il Gran Maestro Raffi – la Massoneria guarda al Risorgimento, come a una riforma morale della Nazione.
Come liberi muratori, uomini del dubbio e di senso, pazienti costruttori di umanità., intendiamo contribuire con rinnovata energia alla costruzione del senso nazionale e lanciamo ponti di dialogo con altre istituzioni e forze sociali, confrontandoci come sempre senza sconti.
Battiamo le strade della speranza possibile indicando e incarnando i principi inossidabili della tolleranza, della laicità, dell’emancipazione e della giustizia sociale. C’è bisogno di un pensiero profondo che fondi il vivere civile e indirizzi la politica e i processi economici, senza subirli. Chiedersi a schiena dritta come celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia significa mettersi in discussione, pensare a come ricominciare a sentirci più

Roma 19 settembre 2009 – Massoneria: Raffi (Goi), “libertà, migrazioni, bioetica, lavoro e famiglia banco di prova per i Liberimuratori”.

Roma 19 settembre 2009 – Massoneria: Raffi (Goi), “libertà, migrazioni, bioetica, lavoro e famiglia banco di prova per i Liberimuratori”.

In corso le celebrazioni per il XX Settembre (“rappresenta la laicità, valore irrinunciabile”) e l’Equinozio d’Autunno; domani corona d’alloro a Porta Pia.

“Il confronto sulla libertà, le migrazioni, la bioetica, i grandi temi del lavoro e della famiglia è per i massoni – appassionati di umanità – la grande sfida di oggi, banco di prova che regga l’urto della globalizzazione di tutti i conflitti, da quello sulle regole della vita alle nuove guerre economiche o di religione”.

“I Massoni sono cercatori solitari della verità, forse cristiani senza chiesa ma uomini veri, del dubbio e della ricerca.
La pretesa di fare della propria parola la parola di verità per tutti porta al conflitto. Solo rimanendo sul sentiero della relazione la parola non diverrà cieca violenza ma farà strada alla luce”
.

Lo ha detto il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore Istituzione massonica del nostro Paese, Gustavo Raffi chiudendo il convegno di studi su “Il Sacro e la Ragione, percorsi e confronti anche alla luce dell’enciclica ‘Cartas in Veritate'”, che ha caratterizzato la seconda giornata della celebrazioni per il XX Settembre e l’Equinozio d’Autunno.

Domani, giornata di chiusura della tre-giorni di celebrazioni per il XX Settembre e per l’Equinozio d’Autunno – il Gran Maestro Raffi deporrà, insieme ad una delegazione di Massoni, la tradizionale corona d’alloro alla breccia di Porta Pia che rappresenta l’essenza stessa della laicità, valore irrinunciabile per tutti i liberimuratori.

Intervenendo poi sul tema del 150° dell’Unità nazionale, Raffi ha detto che mai “avremmo immaginato che esso potesse finire al centro di polemiche e politiche tanto sconcertanti”.

“Crediamo – ha detto ancora il Gran Maestro – che una classe dirigente complessivamente incapace di dar vita ad un autentico programma pedagogico di educazione nazionale, in grado di restituire dignità e orgoglio a noi tutti e a nostri figli, possa difficilmente dar prova di quella capacità di visione, d’immaginazione creativa, di cui l’Italia ha una disperata necessità per uscire dal cono d’ombra di un declino annunciato e apparentemente ineluttabile”.

“Nel 1911, il Cinquantesimo dell’indipendenza – ha detto ancora Raffi – fu salutato da esposizioni memorabili che culminarono a Roma nella consacrazione del Vittoriano. Nel 1961, l’Italia del boom, allora in piena espansione economica, dopo le Olimpiadi di Roma confermava i valori fondanti della coesistenza unitaria, ponendo la lingua italiana e la formazione dei giovani al centro del riscatto di tante famiglie appena uscite dalla miseria”.

Raffi si è infine chiesto: “E oggi? Dovremmo tornare ai dialetti, ai vessilli regionali, alla celebrazione dei Borbone o degli Asburgo? E da questa negazione del vincolo unitario che cosa dovremmo aspettarci?”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
Comunicazione e rapporti con la stampa.

Roma 18-19 settembre 2009 – Celebrazioni Equinozio di Autunno e XX Settembre 2009. Il Manifesto e l’Allocuzione del Gran Maestro Raffi per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Roma 18-19 settembre 2009 – Celebrazioni Equinozio di Autunno e XX Settembre 2009. Il Manifesto e l’Allocuzione del Gran Maestro Raffi per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

 

‘Allocuzione del Gran Maestro Gustavo Raffi’ [ Scarica file File Formato PDF Size 174.0 Kb ]

 

‘Il manifesto del Gran Maestro Gustavo Raffi’ [ Scarica file File Formato PDF Size 9.2 Mb ]

 

programma pubblico

venerdì 18 settembre 2009     ore 18:30
Sala ‘Paolo Ungari’

convegno
1859. La rinascita della Massoneria e l’inizio dell’unificazione dell’Italia: due percorsi a confronto

intervengono
Santi Fedele
storico dell’Università di Messina
Fulvio Conti
storico dell’Università di Firenze
Ferdinando Cordova
storico dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma

modera e introduce
Marco Novarino
storico dell’Università di Torino

conclude
Gustavo Raffi
Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia


sabato 19 settembre 2009     ore 10:30
parco di Villa ‘Il Vascello’

convegno
Il Sacro e la Ragione. Percorsi e confronti anche alla luce dell’Enciclica “Caritas in Veritate”

intervengono
Valerio Zanone
politico
Michele Ciliberto
filosofo della Scuola Normale Superiore di Pisa
Alessandro Meluzzi
psichiatra, opinionista e scrittore
Giancarlo Elia Valori
economista e docente universitario
Massimo Teodori
politologo e docente universitario

modera e introduce
Antonio Panaino
orientalista e storico dell’Università di Bologna (sede Ravenna)

conclude
Gustavo Raffi
Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia

info: ufficio.stampa@grandeoriente.it

programma solo per invitati

sabato 19 settembre 2009
parco di Villa ‘Il Vascello’      dalle ore 18:00

· ricevimento n

Roma, 17 settembre 2009 – Attentato Kabul: Massoneria, Raffi (Goi), “nostri soldati morti per condividere ideali di pace, giustizia, libertà e democrazia”.

Roma, 17 settembre 2009 – Attentato Kabul: Massoneria, Raffi (Goi), “nostri soldati morti per condividere ideali di pace, giustizia, libertà e democrazia”.

“Il Paese intero si stringa solidale e grato a questi Uomini che con il sacrificio estremo della loro vita hanno voluto testimoniare il supremo valore di quegli ideali di pace, giustizia, libertà e democrazia – propri del patrimonio intoccabile della nostra Nazione – che essi hanno voluto condividere con il popolo afgano”.

È questo uno dei passaggi più significativi del telegramma che l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani ha inviato oggi al Presidente della Repubblica, al Ministro della Difesa e ai Capi di Stato Maggiore della Difesa e dell’Esercito subito dopo il tragico attentato di Kabul.

“A nome della Massoneria del Grande Oriente d’Italia e dei massoni italiani tutti – scrive Raffi – esprimo all’Esercito italiano e ai familiari delle vittime i sensi del nostro più profondo cordoglio per il tragico e vile attentato – avvento oggi a Kabul – contro i militari italiani.
La Massoneria rende onore agli Uomini caduti e ai feriti formula i migliori auguri per una pronta guarigione”
.

“In questo tragico momento la Massoneria rivolge anche un augurio al popolo afgano – conclude Raffi – affinché, anche nel nome dei nostri Caduti e di quegli ideali per i quali hanno sacrificato la vita, sappia finalmente trovare la via della pace, della democrazia e della solidarietà”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Roma 15 settembre 2009 – Massoneria: 150° Unità: Gran Maestro Raffi “no a polemiche e politiche sconcertanti”. “Sia una riflessione per costruire il futuro del nostro Paese”.

Roma 15 settembre 2009 – Massoneria: 150° Unità: Gran Maestro Raffi “no a polemiche e politiche sconcertanti”. “Sia una riflessione per costruire il futuro del nostro Paese”.

Il programma delle iniziative previste per il XX settembre e per l’Equinozio d’Autunno.

“Non avremmo mai pensato che il 150° dell’Unità nazionale potesse finire, nel nostro Paese, al centro di polemiche e politiche tanto sconcertanti”.

Inizia così il tradizionale Manifesto – a firma dell’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore Istituzione massonica del nostro Paese – in occasione delle celebrazioni per il XX Settembre.

“Nel 1911, il Cinquantesimo dell’indipendenza – scrive ancora Raffi – fu salutato da esposizioni memorabili che culminarono a Roma nella consacrazione del Vittoriano.
Nel 1961, l’Italia del boom, allora in piena espansione economica, dopo le Olimpiadi di Roma confermava i valori fondanti della coesistenza unitaria, ponendo la lingua italiana e la formazione dei giovani al centro del riscatto di tante famiglie appena uscite dalla miseria”
.

Raffi si chiede poi: “E oggi? Dovremmo tornare ai dialetti, ai vessilli regionali, alla celebrazione dei Borbone o degli Asburgo? E da questa negazione del vincolo unitario che cosa dovremmo aspettarci?”

“Appare lontano – afferma il Gran Maestro – un nuovo Rinascimento, o un nuovo Medioevo comunale”.

“Crediamo – scrive ancora Raffi – che una classe dirigente complessivamente incapace di dar vita ad un autentico programma pedagogico di educazione nazionale, in grado di restituire dignità e orgoglio a noi tutti e a nostri figli, possa difficilmente dar prova di quella capacità di visione, d’immaginazione creativa, di cui l’Italia ha una disperata necessità per uscire dal cono d’ombra di un declino annunciato e apparentemente ineluttabile”.

“Abbiamo bisogno di futuro, come le donne e gli uomini del Risorgimento – conclude. Il 150° dell’Unità a questo deve servire: non alla facile retorica o a celebrazioni dal sapore un po’ stantio, ma alla riflessione comune per progettare quello che dovremo essere. Tutti insieme”.

Le iniziative per la ricorrenza del XX settembre e dell’Equinozio d’Autunno prenderanno il via venerdì 18 a Villa Il Vascello, sede del Grande Oriente d’Italia.
Due i temi che verranno trattati in due distinti convegni: il contributo della Massoneria al processo di unificazione nazionale e quello dei rapporti tra il “sacro e la ragione”, anche alla luce della recente Enciclica “Caritas in Veritate” di Papa Benedetto XVI.

Il primo convegno, venerdì pomeriggio alle ore 18,30, ha per titolo: “1859 la rinascita della Massoneria e l’inizio dell’unificazione dell’Italia: due percorsi a confronto”.
Prevista la partecipazione dagli storici Santi Fedele, dell’Università di Messina; Fulvio Conti, dell’Università di Firenze; e Ferdinando Cordova, dell’Università La Sapienza di Roma; moderatore Marco Novarino, dell’Università di Torino.

Seconda occasione di confronto, sabato 19 alle 10,30, con il convegno “Il Sacro e la Ragione. Percorsi e confronti anche alla luce dell’Enciclica ‘Caritas in Veritate'”, che vedrà l’intervento di Valerio Zanone, Michele Ciliberto, Giancarlo Elia Valori e Alessandro Meluzzi, moderatore Antonio Panaino, dell’Università di Bologna.

Sempre sabato alle ore 19, il Gran Maestro Raffi pronuncerà il suo intervento – “allocuzione” in gergo massonico – sugli impegni e sulle iniziative della Istituzione nei prossimi mesi.

Domenica mattina 20 settembre a Porta Pia – infine – è prevista la cerimonia per la deposizione di una corona di alloro davanti al monumento che ricorda la ‘breccia’ e che rappresenta per i massoni italiani – come ricorda Raffi –

Massa Marittima 12 settembre 2009 – Massoneria e religioni civili. Il massonologo Conti presenta il suo ultimo libro nella sala del Consiglio Comunale.

Massa Marittima 12 settembre 2009 – Massoneria e religioni civili. Il massonologo Conti presenta il suo ultimo libro nella sala del Consiglio Comunale.

L’ultimo saggio di Fulvio Conti “Massoneria e religioni civili – Cultura laica e liturgie politiche fra XVIII e XX secolo”, edito quest’anno da Il Mulino, sarà alla ribalta il 12 settembre a Massa Marittima in un incontro organizzato nella sede del Consiglio Comunale (via Norma Parenti) su iniziativa delle logge massetane “Vetulonia”, “Giustizia e Libertà” e “A. Zarra”, in collaborazione con il Collegio toscano.

L’appuntamento è previsto alle ore 17. Il vicepresidente circoscrizionale Moreno MIlighetti introdurrà l’argomento che sarà approfondito dall’autore, Fulvio Conti, storico dell’Università di Firenze, che con questo suo nuovo studio sulla Massoneria ha evidenziato l’influenza dell’attività massonica nella vita pubblica del nostro Paese in tre secoli di storia.
Le ‘liturgie’ di loggia alimentarono, infatti, nel nome del laicismo e del progresso, una forma di vera e propria religione civile.

Info: Moreno Milighetti (mmilig@tin.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 8 settembre 2009 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia, tre giorni di festeggiamenti per XX Settembre e Equinozio d’Autunno.

Roma 8 settembre 2009 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia, tre giorni di festeggiamenti per XX Settembre e Equinozio d’Autunno.

Prendono il via venerdì 18 settembre a Villa Il Vascello, sede del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani le iniziative con le quali la più importante istituzione massonica italiana intende – quest’anno – celebrare la ricorrenza del XX Settembre e quella dell’Equinozio di Autunno, data quest’ultima che segna la ripresa dei lavori massonici.

Due – infatti – i grandi temi che verranno trattati in due distinti Convegni: quello del contributo della Massoneria al processo di unificazione nazionale, e quello dei rapporti tra il “sacro e la ragione” anche alla luce dell’Enciclica“Caritas in Veritate”.

Il primo sarà affrontato venerdì pomeriggio alle ore 18,30 dagli storici Santi Fedele, dell’Università di Messina, Fulvio Conti, dell’Università di Firenze e Ferdinando Cordova dell’Università “La Sapienza” di Roma, coordinati da Marco Novarino, dell’Università di Torino.

Sui rapporti tra Sacro e Ragione, Caritas e Veritas, poli di una dialettica imprescindibile per la società postmoderna si confronteranno, sabato19 settembre alle ore 10,30 sempre a Villa Il Vascello – moderati da Antonio Panaino, dell’Università di Bologna, sede di Ravenna – Valerio Zanone, Michele Ciliberto, della Scuola Normale Superiore di Pisa; Giancarlo Elia Valori, economista e docente universitario; Alessandro Meluzzi, psichiatra e scrittore.

Entrambi i Convegni saranno chiusi dall’intervento del Gran Maestro Gustavo Raffi che, nel pomeriggio di sabato, alle ore 19, pronuncerà il suo intervento – “allocuzione” in gergo massonico – sugli impegni e sulle iniziative della Istituzione nei prossimi mesi.

Domenica 20, infine, a Porta Pia è prevista la cerimonia per la deposizione di una corona di alloro davanti al monumento che ricorda la Breccia e che rappresenta, per i Massoni, il valore irrinunciabile della laicità.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Radicofani 6 settembre 2009 – La Tornata Rituale al Bosco Isabella.

Radicofani 6 settembre 2009 – La Tornata Rituale al Bosco Isabella.

Nuovo appuntamento a Radicofani – a pochi chilometri da Siena – per l’ormai consueta, e attesa, tornata rituale in grado di apprendista nel Bosco Isabella, organizzata ogni anno dalla loggia “XX Settembre” (604) di Montepulciano, in collaborazione con il Collegio della Toscana. L’appuntamento è domenica 6 settembre alle ore 9,30 e dopo i lavori ci sarà un’agape bianca nel vicino Ristorante “La Torre”.

Il Bosco Isabella fu creato tra la fine dell’Ottocento e primi del Novecento dal massone Odoardo Luchini, senatore del Regno, nativo di Radicofani.
Per la realizzazione del “tempio” l’ideatore utilizzò specie arboree e arbusti a carattere simbolico. Dedicò l’opera alla moglie Isabella Andreucci.

Info e prenotazioni (entro il 31 agosto): l.ventisettembre.604@virgilio.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Grosseto 6 agosto 2009 – “Le Lacrime di Hiram” Il libro di poesie di Morris Ghezzi presentato nel palazzo della Provincia.

Grosseto 6 agosto 2009 – “Le Lacrime di Hiram” Il libro di poesie di Morris Ghezzi presentato nel palazzo della Provincia.

La Provincia di Grosseto ospita il 6 agosto la presentazione del libro del Gran Maestro Onorario Morris Ghezzi “Le Lacrime di Hiram. Autobiografia incompleta di un libero muratore” edito dalla Confraternita Sufi Jerrahi-Halveti in Italia.
Il volume è una raccolta di poesie vincitore lo scorso anno del primo premio del Concorso Nazionale di Poesia Mistica e Religiosa indetto dalla stessa Confraternita.

L’appuntamento è alle ore 17 a Palazzo Aldobrandeschi (Piazza Dante Alighieri – Sala Pegaso).
Introduce Paolo Pisani dell’associazione “Grosseto Nostra”, patrocinatrice dell’evento che si svolge nell’ambito degli incontri culturali “Fra… di Noi”. Interviene l’Autore.

Al termine (ore 20) la loggia “Randolfo Pacciardi” (1339) di Giuncarico ha in programma l’Agape di San Lorenzo presso il Ristorante “Lucignolo” di Grosseto (via Bruno Buozzi 7/A).

Info e prenotazioni: 338 6551728 oppure 338 2064416

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tempio Pausania 5 agosto 2009 – Fratelli in Sardegna: Non solo Vacanze.

Tempio Pausania 5 agosto 2009 – Fratelli in Sardegna: Non solo Vacanze.

La loggia tempiese “Caprera” (893) rinnova – come ogni anno – il suo invito ai fratelli (con familiari) che trascorrono in agosto le vacanze in Sardegna per un incontro festoso dal tipico ‘sapore’ isolano.
L’appuntamento è il 5 agosto alle ore 19 nella località “Nuraghe Majori”, al Km 2 sulla strada per Tempio in direzione di Palau.

Il programma prevede una visita guidata al sito archeologico del Nuraghe Majori dove si esibiranno gruppi locali con musiche e canti. Un’agape bianca chiuderà la serata.

Info e prenotazioni (non oltre il 30 luglio): Giò Mura (giomura@tiscali.it) e Giuseppe Fresi (giusefre@inwind.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 4 agosto 2009 – Le condoglianze del Gran Maestro Gustavo Raffi per la morte del fr. Augusto Comba.

Roma 4 agosto 2009 – Le condoglianze del Gran Maestro Gustavo Raffi per la morte del fr. Augusto Comba.

Il Gran Maestro Gustavo Raffi e i Membri della Giunta del Grande Oriente d’Italia partecipano commossi al dolore dei familiari e dei Liberi Muratori per la scomparsa dell’Illustrissimo Fratello Augusto Comba, già Grande Dignitario dal 1961 al 1970 e direttore della rivista massonica “Hiram”, e ne ricordano le grandi doti, il profondo rigore morale, lo spessore culturale mai ostentato.

Promotore del risveglio spirituale della Massoneria Italiana negli anni ’50 – ’60, ha testimoniato e garantito negli anni bui del piduismo che il Grande Oriente d’Italia si identifica con i valori della Democrazia e della Carta Repubblicana.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Radicondoli (Siena) 1 agosto 2009 – Mitra e compasso. Conversazione pubblica sul libro di Stefano Bisi sui rapporti tra Chiesa e Massoneria.

Radicondoli (Siena) 1 agosto 2009 – Mitra e compasso. Conversazione pubblica sul libro di Stefano Bisi sui rapporti tra Chiesa e Massoneria.

Per il pomeriggio del 1° agosto (ore 17), l’associazione culturale “Radicondoli Arte” ha organizzato al palazzo Bizzarrini di Radicondoli una conversazione pubblica sulla seconda edizione del libro di Stefano Bisi “Mitra e Compasso” (Storia dei rapporti tra Chiesa cattolica e massoneria da Clemente XII a Benedetto XVI).

Oltre all’autore partecipa il professor Maurizio Boldrini dell’Università di Siena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Viareggio 25 luglio 2009 – Laicità e le dimensioni del sacro. Convegno della loggia viareggina “Dante Alighieri”. Partecipa il Gran Maestro Raffi.

Viareggio 25 luglio 2009 – Laicità e le dimensioni del sacro. Convegno della loggia viareggina “Dante Alighieri”. Partecipa il Gran Maestro Raffi.

Incontro del Grande Oriente d’Italia a Viareggio su iniziativa della loggia cittadina “Dante Alighieri” (932) che per il 25 luglio ha organizzato un dibattito con il Gran Maestro Gustavo Raffi e il filosofo Michele Ciliberto della Scuola Normale Superiore di Pisa.

“Laicità e le dimensioni del Sacro. Frammenti di riflessioni e di pensieri per il divenire dell’Uomo: processi di conoscenza a confronto, dalla dialettica accademica al metodo iniziatico” è il titolo dell’iniziativa che si svolgerà all’Hotel Esplanade (Piazza Puccini 8) dalle ore 18,30.
Sarà uno scambio di vedute su temi che, secondo gli organizzatori, “il frastuono della quotidianità e delle fascinazioni del mondo dell’avere, sempre più confinano nell’intimo di ogni uomo”.

Moderano il presidente del Collegio della Toscana Stefano Bisi e la giornalista del Tg3 regionale Tiziana Missigoi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Viareggio 24 luglio 2009 – Massoneria: domani a Viareggio dibattito “Laicità e le dimensioni del Sacro”. Gran Maestro Raffi: “ricostruire nel nostro Paese un clima di laicità”, “la Massoneria non è anticlericale”.

Viareggio 24 luglio 2009 – Massoneria: domani a Viareggio dibattito “Laicità e le dimensioni del Sacro”. Gran Maestro Raffi: “ricostruire nel nostro Paese un clima di laicità”, “la Massoneria non è anticlericale”.

Solidarietà per la tragedia dello scorso 30 giugno e interventi per favorire la ricostruzione della sede della Pubblica Assistenza Croce Verde di Viareggio.

“Laicità e le dimensioni del Sacro. Frammenti di riflessioni e di pensieri per il divenire dell’Uomo: processi di conoscenza a confronto, dalla dialettica accademica al metodo iniziatico” è il tema del dibattito, organizzato a Viareggio, per domani, sabato 25 luglio, dalla loggia del Grande Oriente d’Italia, Dante Alighieri, e al quale parteciperanno il Gran Maestro Gustavo Raffi ed il filosofo Michele Ciliberto della Scuola Normale Superiore di Pisa.

“La Massoneria – sottolinea il Gran Maestro Raffi, anticipando alcuni dei temi che verranno toccati nel corso dell’iniziativa – non ha nulla a che vedere con il luogo comune ormai logoro dell’anticlericalismo fondato sulla contrapposizione esasperata fra laici e cattolici, così come la cultura laica non ha, e non ha mai avuto, un contenuto anticristiano, nè un contenuto irreligioso. Essa ha le sue basi nel pluralismo, nell’uso sistematico della ragione, nel rispetto delle opinioni altrui in ogni campo, nella centralità dell’essere umano in sé. Su questi principi la Massoneria non consente deroghe perché essi costituiscono la nostra identità, l’essenza del nostro modo di essere, le radici dei nostri giudizi. E’ indispensabile, e lo riaffermiamo con forza, ricostruire nel nostro Paese un clima di laicità che consenta il rispetto di tutti gli orientamenti religiosi e culturali, ma che, allo stesso tempo, impedisca che ci sia qualcuno che tenda a presidiare i confini dell’etica e ad imporre il proprio credo”.

L’incontro moderato dal presidente del Collegio dei Maestri Venerabili della Toscana Stefano Bisi e dalla giornalista Tiziana Missigoi si terrà all’Hotel Esplanade (Piazza Puccini 8) alle ore 18,30.

Nel rispetto della tradizione massonica che ha nella solidarietà uno dei suoi valori fondamentali, le logge di Viareggio Dante Alighieri e Felice Orsini ed il Collegio della Toscana sono impegnate in una iniziativa di solidarietà per aiutare la popolazione ferita dalla tragedia dello scorso 30 giugno: l’impegno è quello di ricostruire la sede della Pubblica Assistenza Croce Verde di Viareggio e di ripristinare un sistema di assistenza che è al servizio della città da oltre 120 anni.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Roma 22 luglio 2009 – Pietra e Progetto, verso il Centro Polifunzionale del Grande Oriente D’Italia, ora che il Comune di Roma ha rilasciato il “Permesso di costruire”.

Roma 22 luglio 2009 – Pietra e Progetto, verso il Centro Polifunzionale del Grande Oriente D’Italia, ora che il Comune di Roma ha rilasciato il “Permesso di costruire”.

Palazzo Giustiniani lancia un nuovo ponte sulle culture con la riqualificazione dell’Ex Cinema Belsito, acquisito per farlo diventare laboratorio di umanità per la Massoneria universale.
Gli eredi dei costruttori delle cattedrali tornano al lavoro. Il Grande Oriente d’Italia ha infatti acquistato all’asta l’ex Cinema Belsito di Roma, in Piazza Medaglie d’Oro, per farlo diventare entro settembre 2011 il primo “Centro Polifunzionale della Massoneria del Grande Oriente d’Italia”. I lavori, assicurano al Vascello, inizieranno a breve. L’intento è quello di farne la sede del Collegio romano di Palazzo Giustiniani, riunendo in un luogo fisico tutti i templi dell’Urbe ma nell’importante progetto c’è dell’altro: nel nuovo complesso nascerà infatti una grande Sala delle Conferenze, in grado di ospitare incontri e convegni di respiro internazionale.
E poi un archivio storico, una biblioteca aperta al pubblico e non ultima una libreria specializzata e multimediale che punta a diventare un riferimento culturale in particolare per le ricerche dei giovani studiosi.

Ingresso principale del futuro Centro Polifunzionale della Massoneria
Ingresso principale del futuro Centro Polifunzionale della Massoneria Rivestimento interno in travertino
Rivestimento interno in travertino

Non è finita. C’è infatti un’altra particolarità che arricchisce l’offerta del nuovo sito che porterà l’insegna della squadra e del compasso: grazie ai lavori di ristrutturazione l’edificio, con il progetto architettonico ed esoterico denominato “Luce nel Tempio” prenderà luce dall’alto per portarla in tutti gli ambienti attraverso un sofisticato sistema di specchi. E c’è di più: le pareti saranno di vetro, a indicare anche plasticamente la completa trasparenza di Palazzo Giustiniani tracciata in particolare nell’ultimo decennio dalla linea della “Primavera” voluta dal Gran Maestro Gustavo Raffi, che con

la sua guida ha impresso un costante e costruttivo confronto con la società, il mondo culturale e i giovani che hanno aderito con entusiasmo all’Istituzione.

Sezioni dell'edificio
Sezioni dell’edificio – [ Guarda Foto Grande ]

I 3.000 metri quadri del nuovo Centro Polifunzionale del GOI non diranno però solo il recupero di un’opera di pregio che a suo tempo fu concepita dall’illustre architetto Luccichenti. In cantiere, gli uomini del dubbio che scheggiano la pietra per cercare luce hanno anche un altro progetto: quello di collocare all’interno del complesso centinaia di opere d’arte, in modo da trasformare il sito in una sorta di museo vivente del pensiero. A tutti sar

Ravenna 20 luglio 2009 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia, gli auguri del Gran Maestro Gustavo Raffi al cardinale Tonini per i suoi 95 anni.

Ravenna 20 luglio 2009 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia, gli auguri del Gran Maestro Gustavo Raffi al cardinale Tonini per i suoi 95 anni.

“In occasione del suo novantacinquesimo compleanno, nel solco di una amicizia, la nostra, che dura da più di venti anni, desidero formularLe i più sinceri e sentiti auguri. In questa circostanza mi preme esaltare il suo fondamentale contributo per l’affermazione della cultura della pace e del dialogo che Lei, per tutta la vita, ha fornito alla Comunità: cultura della pace e del dialogo che i Liberi Muratori ritengono essere il bene più prezioso per l’umanità, e mai come oggi necessaria per affrontare le drammatiche sfide che colpiscono tante parti del globo”.

E’ questo uno dei passaggi più significativi del messaggio di auguri che l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, ha inviato al cardinale Ersilio Tonini per i suoi novantacinque anni.

“In una umanità lacerata da conflitti e da tensioni – continua il messaggio – il Suo impegno offre a tutti noi un altissimo ed autentico esempio in favore del dialogo tra i popoli, tra le religioni, tra laici e cattolici nella costante affermazione della centralità dell’uomo e dei suoi valori.”

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.