Firenze 30 ottobre 2010 – Seminario di approfondimento riservato ai Maestri della Comunione massonica del Grande Oriente d’Italia.

Firenze 30 ottobre 2010 – Seminario di approfondimento riservato ai Maestri della Comunione massonica del Grande Oriente d’Italia.

Il Collegio circoscrizionale toscano ha promosso un seminario riservato ai fratelli maestri della regione e non solo. Si svolgerà il 30 ottobre – dalle ore 15 – all’hotel Mediterraneo di Firenze (Lungarno del Tempio).

Parteciperanno il Gran Segretario Giuseppe Abramo, moderatore dei lavori insieme al vicepresidente circoscrizionale Moreno Milighetti, e il Gran Maestro Gustavo Raffi che chiuderà i lavori del seminario.
Info: Collegio Circoscrizionale della Toscana (055 2340544)

Leggi la locandina per il programma dettagliato [ Scarica file File Formato PDF Size 36.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cagliari 29 ottobre 2010 – L’immagine e lo spazio sacro: la raffigurazione dei Santi Quatuor Coronati. Conferenza della loggia cagliaritana dedicata ai patroni della Massoneria.

Cagliari 29 ottobre 2010 – L’immagine e lo spazio sacro: la raffigurazione dei Santi Quatuor Coronati. Conferenza della loggia cagliaritana dedicata ai patroni della Massoneria.

La loggia “Quatuor Coronati” (1365) di Cagliari celebra il suo primo anno di vita il 29 ottobre con una conferenza sul simbolismo legato ai patroni della Libera Muratoria a cui è intitolata. Sarà un fratello della Gran Loggia Nazionale Francese, Jean Luc Leguay, l’oratore della serata con la relazione “L’immagine e lo spazio sacro: la raffigurazione dei Santi Quatuor Coronati”, che sarà tenuta in tornata nella casa massonica cagliaritana di Piazza Indipendenza (ore 20.00).

Jean Luc Laguay è stato iniziato all’arte dell’alluminatura da un monaco italiano, ed è divenuto l’erede di un’arte rara e poco conosciuta che apre le porte verso il mondo infinito della “Conoscenza”.

In conformità alla regola degli alluminatori, firma i suoi lavori con il nome che gli è stato conferito alla sua iniziazione, tuttavia rivolge un cenno che non è contemplato dalla consuetudine delle regole del suo ordine: alla morte del suo Maestro, si è trovato solo, con la missione di trasmettere la conoscenza fabrile.

Autore di numerosi studi e ricerche ha pubblicato con la tecnica dell’alluminatura – tra gli altri – il “Libro dell’Apocalisse”, “Rituale di Consacrazione della Loggia” e sta per essere stampato “Le Mutus Liber de l’Initiation”.

Leggi la locandina [ Scarica file File Formato PDF Size 914.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Bruxelles 15 ottobre 2010 – Ue: Raffi (G.O.I.), creare un Forum permanente delle associazioni umanistiche contro povertà ed esclusione sociale.

Bruxelles 15 ottobre 2010 – Ue: Raffi (G.O.I.), creare un Forum permanente delle associazioni umanistiche contro povertà ed esclusione sociale.

Il Gran Maestro al Meeting di Bruxelles con i vertici dell’Unione, lavoriamo per restituire dignità alle persone

“Un forum permanente delle associazioni umanistiche sulla povertà e l’esclusione sociale, che si riunisca con cadenza annuale e a turno, nei diversi paesi membri dell’Unione Europea. Un osservatorio che si affianchi agli altri organismi già pensati dall’Unione per le politiche attive di contrasto a questi fenomeni diffusi e abbia come compito quello di contribuire, con idee e proposte concrete di gruppi umanistici e laici, ad indicare soluzioni possibili”. E’ la proposta avanzata oggi dal Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Gustavo Raffi, nel suo intervento al Meeting con i rappresentanti delle associazioni umanistiche non confessionali sul tema ‘Combattere la povertà e l’esclusione sociale. Un imperativo per la governance europea’, che si è tenuto al Parlamento europeo alla presenza del presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, del presidente del Parlamento Ue, Jezry Buzek e dal presidente del Consiglio europeo, Herman von Rompuy.

Per la Libera Muratoria di Palazzo Giustiniani “l’Europa dell’euro viene dopo l’Europa dell’anima. Lotta alla povertà – ha rimarcato Raffi – deve significare restituire dignità alle persone, nei diversi ambiti del loro vissuto. L’apporto della libero-muratoria alla storia europea non si declina tanto in soluzioni pratiche ai problemi contingenti quanto nella sua capacità, consolidata nei secoli, di mettere gli uomini che avvicinano l’Istituzione nelle condizioni di camminare sul sentiero della conoscenza e di lavorare la propria pietra grezza per divenire parte dell’unico tempio dell’umanità. La Massoneria – ha aggiunto l’avvocato ravennate alla guida della più antica Obbedienza massonica italiana – si candida ad essere un’agenzia per il risveglio della responsabilità e della consapevolezza di ciascuno. La consapevolezza di essere uomini e fratelli, accomunati da un unico destino”.

“Non dobbiamo dimenticare – ha quindi messo in guardia il Gran Maestro del G.O.I. – che oltre a quella materiale esiste un’altra povertà, non meno pericolosa e insidiosa: è quella culturale e spirituale, che affligge tutto il mondo e troppo spesso dimentichiamo. Il disagio spesso assume i connotati della crisi di identità che, insieme al bisogno materiale, può essere causa di scontri fratricidi, di totali incomprensioni e insensata violenza. A questa ‘nuova povertà’ bisogna porre rimedio prima che diventi un laboratorio permanente di odio Ed esclusione sociale. Perché – ha concluso Raffi – come la storia ci ha insegnato, dall’ignoranza e dalla superstizione si sviluppa il peggio dell’umanità”.

Bruxelles, 15 ottobre 2010

 

Guarda il video dell’apertura dei lavori: European Commission
YouTube

Roma 13 ottobre 2010 – Ue: intervento del Gran Maestro Raffi al Meeting organizzato dalla Commissione Europea con Barroso, Buzek e van Rompuy.

Roma 13 ottobre 2010 – Ue: intervento del Gran Maestro Raffi al Meeting organizzato dalla Commissione Europea con Barroso, Buzek e van Rompuy.

Venerdì 15 ottobre Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia – Palazzo Giustiniani, parteciperà al Meeting ‘Combattere la povertà e la esclusione sociale: un imperativo per la governance europea’, promosso dalla Commissione Europea su invito del Presidente José Manuel Barroso. All’incontro, co-presieduto dal Presidente del Parlamento Europeo, Jezry Buzek, e dal Presidente del Consiglio Europeo, Herman von Rompuy, parteciperanno i leader di associazioni umanistiche non confessionali, i Grandi Maestri della Gran Loggia Unita d’Inghilterra, del Lussemburgo, della Gran Loggia Unita di Germania e della Gran Loggia Nazionale di Romania.

“I padri della Massoneria europea –  sottolinea il Gran Maestro Raffi – hanno eretto le cattedrali del vecchio Continente e costruito strade di pietra e di sapienza che hanno sfidato il tempo. I moderni Liberi Muratori, uomini del dubbio e della promozione di ciò che è autenticamente umano, vogliono contribuire con il proprio pensiero, ma anche con proposte e azioni concrete, all’oggi dell’Europa”.

La proposta di Raffi è che l’incontro diventi un appuntamento fisso nel calendario delle Istituzioni europee, da tenersi annualmente a turno nelle capitali d’Europa. “Di fronte alle grandi sfide che ci attendono – conclude l’avvocato ravennate alla guida del GOI – occorre dilatare i campi della speranza e lavorare per sconfiggere vecchie e nuove povertà, lottando contro le tante ingiustizie. Bisogna costruire il futuro: per un’Europa dei popoli, non dei banchieri. Perché l’Europa dell’euro viene dopo l’Europa dell’anima”.

Bergamo 6 novembre 2010 – Da Bergamo a Marsala con Garibaldi: il compimento dell’Unità d’Italia.

Bergamo 6 novembre 2010 – Da Bergamo a Marsala con Garibaldi: il compimento dell’Unità d’Italia.

Le iniziative per celebrare l’imminente anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia si moltiplicano nel nostro Paese. Il Grande Oriente d’Italia è l’Istituzione che, forse, sta dedicando maggiore attenzione all’avvenimento prima di dare il via al suo ricco programma per il 2011.

Il Collegio circoscrizionale della Lombardia ha indetto per il 6 novembre un convegno dal titolo Da Bergamo a Marsala con Garibaldi: il compimento dell’Unità d’Italia che ha ricevuto il patrocino della Regione lombarda, della Provincia, del Comune e l’Associazione amici del Museo di Bergamo. Si svolgerà all’Hotel Excelsior San Marco (Piazzale della Repubblica 6) con inizio alle ore 16.

Intervengono: la costituzionalista Anita Garibaldi (Università di Siena) con Il mito di Garibaldi, lo storico delle dottrine politiche Paolo Gastaldi (Università di Pavia) che affronterà il tema Il Risorgimento, un problema storiografico irrisolto, il filosofo di scienze sociali Claudio Bonvecchio (Università Insubria di Varese) con Il senso della commemorazione, lo storico Antonio Maria Orecchia (Università Insubria di Varese) con Garibaldi e la stampa italiana, l’ex vicesindaco della città Carlo Salvioni, presidente dell’Associazione Amici Museo Storico di Bergamo, che parlerà di Bergamo per l’Unità d’Italia. Conclude il Gran Maestro Gustavo Raffi. All’ex senatore Valerio Zanone, presidente del Comitato celebrazioni del Grande Oriente d’Italia, è stato affidato l’incarico di introdurre e moderare il convegno

 

Leggi la locandina. [ Scarica file File Formato PDF Size 366.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 22 ottobre 2010 – Presentazione ristampa della rivista “L’Ipotenusa 1959-1964”.

Roma 22 ottobre 2010 – Presentazione ristampa della rivista “L’Ipotenusa 1959-1964”.

Venerdì 22 ottobre 2010, ore 20:15 in collaborazione con la Libreria Aseq (Via dei Sediari 10-11, Roma), PRESENTAZIONE DELLA RISTAMPA DELLA RIVISTA “L’IPOTENUSA 1959-1964” (CASA EDITRICE EXCELSIOR 1881); interverranno Francesco Siniscalchi, autore e testimone della nascita del periodico, e Massimo Raffo, Direttore Editoriale del Centro di Documentazione Ipotenusa.

L’introvabile rivista piemontese di studi esoterici in ambito massonico, che divenne anche rivista nazionale del Grande Oriente d’Italia, è oggi disponibile in un’edizione anastatica che ripropone l’intera serie dal 1959 al 1964. Tra i grandi meriti della rivista L’Ipotenusa vi è quello di saldare le esperienze di personalità massoniche appartenenti al Grande Oriente d’Italia prima dello scioglimento del 1925 con quelle di altri fratelli iniziati nel secondo dopoguerra, coagulando intorno a sé le migliori energie presenti nell’istituzione seppure di diverso orientamento esoterico.

Le tematiche affrontate da L’Ipotenusa (1959-1964) rientrano in un progetto che risulta valido ancora oggi: quello di preparare, attraverso lo studio della tradizione, i tempi futuri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Firenze 16 ottobre 2010 – Conoscere l’Islam. Incontro con l’Imam Elzir.

Firenze 16 ottobre 2010 – Conoscere l’Islam. Incontro con l’Imam Elzir.

Incontro pubblico il 16 ottobre (ore 16) nella sede circoscrizionale toscana (Borgo Albizi 18) dell’Imam di Firenze Izzedin Elzir, presidente dell’Ucoii. Palestinese, da 18 anni vive nel capoluogo toscano. Terrà una conferenza sull’Islam. Introducono il presidente del Collegio della Toscana Stefano Bisi e il bibliotecario circoscrizionale Francesco Borgognoni.
L’iniziativa si inserisce nel programma di attività culturali che le logge di Firenze organizzano da due anni per massoni e non.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 16 ottobre 2010 – La Società Teosofica nella biblioteca del Grande Oriente d’Italia.

Roma 16 ottobre 2010 – La Società Teosofica nella biblioteca del Grande Oriente d’Italia.

Sabato 16 ottobre sarà inaugurata una esposizione di libri e documenti presenti in biblioteca o prestati da privati sul movimento teosofico e sui suoi legami con la massoneria. La mostra rimarrà aperta fino al 25 ottobre con orari dal lunedì al venerdì dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18:00.

Biblioteca di Villa Il Vascello (Via di San Pancrazio, 8 – Roma).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 16 ottobre 2010 – Seminario “La Società Teosofica in Italia”.

Roma 16 ottobre 2010 – Seminario “La Società Teosofica in Italia”.

Il Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia organizza il seminario “La Società Teosofica in Italia” con una comunicazione introduttiva del Prof. Marco Pasi (Università di Amsterdam) autore del saggio “Teosofia e antroposofia nell’Italia del primo Novecento” contenuto nell’Annale 25 della Storia d’Italia Einaudi sull’esoterismo; la relazione documenta il ruolo della società teosofica nella vita culturale e nella ricerca esoterica in Italia e le concordanze tra società teosofica e massoneria.
Sarà presente il Dott. Antonio Girardi, Segretario Generale della sezione italiana della Società Teosofica.

Sabato 16 ottobre ore 16:00 Biblioteca di Villa Il Vascello (Via di San Pancrazio, 8 – Roma).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 28 settembre 2010 – Massoneria: Raffi (GOI), Berlusconi, Verdini, Letta e tale Carboni non sono iscritti al Grande Oriente.

Roma 28 settembre 2010 – Massoneria: Raffi (GOI), Berlusconi, Verdini, Letta e tale Carboni non sono iscritti al Grande Oriente.

“Il Grande Oriente d’Italia non si occupa né di politica, né di religione, osservando i principi fondamentali delle massonerie regolari del mondo. Non è quindi né di destra, né di centro, né di sinistra e, pertanto, non detta linee politiche”. E’ quanto dichiara il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Gustavo Raffi, in riferimento all’articolo apparso su “Il Fatto quotidiano” del 28/9/2010, sotto il titolo “Silvio il venerabile”, sottotitolo “in un libro un capo massone rivela: alla sua loggia ne fanno parte Previti e molti leader PDL” ed altri articoli a corredo.

“Il Grande Oriente d’Italia –rimarca Raffi- la cui dirigenza, nelle varie istanze, è pubblica, si è espresso e si esprime esclusivamente sui grandi temi che attengono la libertà e la dignità dell’Uomo ed in particolare, sulla scuola pubblica, la libertà di ricerca scientifica e sul dialogo, nel rispetto dell’alterità, come si può evincere dalle pubbliche manifestazioni e da quanto viene riportato dal proprio sito ufficiale www.grandeoriente.it. Gli Onorevoli Berlusconi, Verdini, Letta e tale Carboni non sono iscritti al Grande Oriente. Il Grande Oriente non ha strutture riservate e logge coperte: ha espresso reiteratamente e pubblicamente la condanna senza appello del gellismo e, comunque, della P2. Gli elenchi degli iscritti sono a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in qualsiasi momento. Dall’esame degli elenchi degli ultimi 30 anni – scandisce il Gran Maestro di Palazzo Giustiniani – non risulta l’iscrizione dell’On. Previti che, diversamente, a seguito della condanna riportata, sarebbe stato immediatamente prima sospeso poi espluso”.

Il Gran Maestro ha già dato mandato ai propri legali di procedere nei confronti de “Il fatto quotidiano”, ritenendo diffamatorio l’accostamento del proprio nome a personaggi che, a torto o a ragione, risultano inquisiti o semplicemente coinvolti nell’inchiesta P3, la c.d. “cricca” (articolo pubblicato in data 2/9/2010). Delle sue dichiarazioni risponderà nelle sedi giudiziarie il sig. Gioele Magaldi, che non ha mai rivestito cariche apicali neppure a livello regionale, essendo stato Maestro Venerabile per un solo anno, in quanto non rieletto.

“Desta inquietudine –conclude Raffi – il fatto che un quotidiano prenda per oro colato un personaggio in cerca di notorietà, senza operare nessun riscontro sulla fantomatica corrente di dissidenti: una struttura – se esistente – di cui si tengono volutamente celati i nominativi degli esponenti a livello nazionale, regionale, provinciale e comunale che, guarda caso, pubblicizza un libro. De hoc satis”.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 22 settembre 2010 – Ior: Massoneria: Raffi (Goi), non si gettino ombre su Istituzione, non ci occupiamo di alta finanza.

Roma 22 settembre 2010 – Ior: Massoneria: Raffi (Goi), non si gettino ombre su Istituzione, non ci occupiamo di alta finanza.

Gioco della torre non ci interessa, nessun cappuccio o grembiule dietro il Cupolone e le sue banche.

“Si tranquillizzi l’amico e gran giornalista Alberto Statera e con lui ‘la Repubblica’ e i suoi lettori: Il Grande Oriente d’Italia non si occupa di banche e alta finanza. La Libera Muratoria di Palazzo Giustiniani è una scuola di pensiero e di vita. E la laicità è un’altra cosa. Non si gettino ombre, noi non attentiamo perciò a Ettore Gotti Tedeschi o allo Ior, per colpire Ratzinger, come scrive nell’articolo, sia pure con un punto interrogativo. E’ un gioco della torre che non ci interessa affatto. Non c’è alcun cappuccio o grembiule dietro il Cupolone e le sue finanze. E quel banchiere che la stampa germanica continua a definire ‘mister Arrogance’ non ha alcun rapporto con la nostra istituzione. Se la Chiesa deve scegliere ‘tra Dio e mammona’, come dicono i testi evangelici, è un fatto loro. Noi serviamo un solo ‘padrone’: la libertà”..

Così il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Gustavo Raffi, replica all’articolo di oggi de ‘la Repubblica’, dal titolo ‘Quel banchiere voluto dal Papa per scacciare le ombre dello Ior’.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Firenze 10 ottobre 2010 – “Lettere e Simboli”: conferenza sui Templari.

Firenze 10 ottobre 2010 – “Lettere e Simboli”: conferenza sui Templari.

Per il ciclo “Lettere e Simboli”, la rassegna di conversazioni mensili di storia, cultura arti e scienze ideata dal compianto fratello Guido D’Andrea, si svolgerà il 10 ottobre la conferenza di Gino Bertini “I Templari, storia mito mitologia”. L’appuntamento è alle ore 10 nell’Antico Ristoro “Le Colonnine” di Firenze (Via Benci 6).
Presenta l’iniziativa Moreno Milighetti, vicepresidente del Collegio circoscrizionale toscano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Livorno 20 settembre 2010 – Massoneria: Livorno, domani apertura dell’anno massonico nel nome di Garibaldi.

Livorno 20 settembre 2010 – Massoneria: Livorno, domani apertura dell’anno massonico nel nome di Garibaldi.

“Un Massone che seppe coniugare i principi con l’azione; un grande promotore di libertà; un grande educatore; un uomo coerente mai disposto a transigere sui valori. Fu Gran Maestro e per noi Liberi Muratori è un grande onore averlo annoverato nel Grande Oriente. Il sogno garibaldino, ossia l’idea di una società civile libera e democratica, conserva ancora una grande attualità e rappresenta un obiettivo che incarna gli ideali massonici”.

Così il Gran Maestro Aggiunto del Grande Oriente, Massimo Bianchi alla vigilia dell’inaugurazione dell’anno massonico delle logge livornesi dedicata proprio alla memoria di Garibaldi.

Alle 17,30 la Massoneria livornese, presente con i labari delle logge della città, deporrà, una corona al monumento a Giuseppe Garibaldi (in Piazza Garibaldi) che nel 1882 le stesse logge donarono a Livorno.

Le iniziative proseguiranno, alle ore 18, con la presentazione del saggio di Vittorio Gnocchini “Logge e Massoni in Toscana dal 1737 al 1925” che si terrà presso la Sala Consiliare della Camera di Commercio (Piazza Civica, 3).
Parteciperanno Gian Mario Cazzaniga, docente di filosofia morale all’Università degli Studi di Pisa; Roberto Bernabò, direttore de Il Tirreno e lo stesso Gran Maestro Aggiunto Bianchi. Sarà presente l’Autore.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 20 settembre 2010 – Roma Capitale: Massoneria; Raffi (Goi), noi coerenti a Porta Pia. La storia non può essere stravolta.

Roma 20 settembre 2010 – Roma Capitale: Massoneria; Raffi (Goi), noi coerenti a Porta Pia. La storia non può essere stravolta.

“Tutto si può comprendere nell’ottica della democrazia e di quel dialogo cui teniamo più di tutto. Ma la storia cammina, non torna indietro. Abbiamo partecipato con la coerenza di sempre alle celebrazioni di Porta Pia, ma sentire la preghiera di Pio IX pronunciata dal cardinale Tarcisio Bertone, è una cosa che fa davvero ‘breccia’ nelle coscienze libere che non possono far passare facili revisionismi di circostanza. Dal palco lasciato al Vaticano avremmo tanto voluto sentire, oltre al riferimento a quel papa che si dichiarò ‘prigioniero dello stato italiano’, anche una parola per i bersaglieri e gli uomini liberi che entrarono in quelle mura volendo costruire un’Italia unita e diversa. A quei ragazzi – soldati di ieri, che oggi hanno il volto del tenente Alessandro Romani, caduto in Afghanistan per la pace – va il nostro tributo laico e vero, il grazie della patria per aver combattuto per l’Unità”.

Così Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia.

“Nel Pantheon di una salutare laicità – sottolinea – avremmo anche voluto che fosse ricordato Ernesto Nathan, insieme ad altre figure di una storia risorgimentale che non va chiusa in soffitta perché risulta scomoda per alcuni. La nostra presenza, sia Porta Pia sia in Campidoglio, ha inteso proprio ricordare queste storie che sono un patrimonio di libertà per l’intero paese. E’ proprio vero quanto abbiamo detto sabato 18 alle celebrazioni di villa ‘Il Vascello’: il 150° dell’Unità d’Italia è un fabbricato allo stato grezzo, con pilastri e strutture portanti, ma l’opera non è terminata. Il nostro impegno concreto andrà in quella direzione: superare l’incompiuto portando progetti e pietre di verità contro l’irenismo di maniera. Perché – conclude il Gran Maestro – a Porta Pia non si va per fare rievocazioni “a tarallucci e vino”, ma con la mano sul petto ad ascoltare una lezione di vita, l’inno nazionale e a respirare storia che serve al domani della nazione”.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Saint Barthélemy 25 settembre 2010 – Astri e Cioccolata: Un Connubio Possibile? Conferenza della loggia Mont Blanc, Saint Vincent.

Saint Barthélemy 25 settembre 2010 – Astri e Cioccolata: Un Connubio Possibile? Conferenza della loggia Mont Blanc, Saint Vincent.

In occasione del VII° anniversario dall’innalzamento delle Colonne, la loggia Mont Blanc all’Oriente di Saint Vincent organizza la Conferenza “Astri e Cioccolata: Un Connubio Possibile?”.

L’iniziativa è prevista per sabato 25 settembre alle ore 17,30, presso l’Osservatorio Astronomico di Saint Barthélemy.

 

Leggi la locandina. [ Scarica file File Formato PDF Size 713.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Livorno 21 settembre 2010 – Massoneria labronica celebra Giuseppe Garibaldi.

Livorno 21 settembre 2010 – Massoneria labronica celebra Giuseppe Garibaldi.

150° Unità d’Italia: Massoneria labronica celebra Giuseppe Garibaldi. Con l’apertura delle celebrazioni per il 150esimo dell’Unità d’Italia i liberi muratori di Livorno ricordano il Gran Maestro Giuseppe Garibaldi.

L’omaggio è previsto il 21 settembre, alle ore 17,30, con la deposizione di una corona ai piedi del suo monumento, donato dalla Massoneria italiana nel 1882.
Alle 18, una conferenza nella sala della Camera di Commercio (Piazza Civica) proseguirà i festeggiamenti con la presentazione dell’ultimo libro di Vittorio Gnocchini “La storia delle logge toscane dal 1737 al 1925” edito da Erasmo.

Intervengono il filosofo Gian Mario Cazzaniga, il direttore del quotidiano “Il Tirreno”, Roberto Bernabò, e il Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi che chiuderà l’incontro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 9 ottobre 2010 – Presentazione del volume “Le Iniziazioni e L’Iniziazione Massonica” di Irène Mainguy.

Roma 9 ottobre 2010 – Presentazione del volume “Le Iniziazioni e L’Iniziazione Massonica” di Irène Mainguy.

Sabato 9 ottobre 2010, ore 18:30 Biblioteca di Villa Il Vascello, PRESENTAZIONE DEL VOLUME “LE INIZIAZIONI E L’INIZIAZIONE MASSONICA” (EDIZIONI MEDITERRANEE) DI IRÈNE MAINGUY; interverrà insieme all’autrice il Prof. Claudio Bonvecchio (Università dell’Insubria – Varese).
Conclusioni del Gran Maestro Gustavo Raffi.

I più autorevoli studi etnologici mettono in evidenza, fin dall’antichità, la pratica di cerimonie iniziatiche presso qualsiasi cultura. L’iniziazione è, quindi, un argomento molto vasto e impossibile da trattare in maniera esaustiva: ecco perché Irène Mainguy ne propone una sintesi documentale, prendendo obiettivamente in considerazione le varie e differenti tesi.
Questa pubblicazione ha lo scopo di permettere ai lettori di seguire un filo di Arianna nel dedalo delle centinaia di studi pubblicati sull’argo­mento.

 

Leggi l’invito. [ Scarica file File Formato PDF Size 184.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 20 settembre 2010 – Unità d’Italia: Massoneria; Raffi (GOI), domani a Porta Pia con la nostra storia e la forza del pensiero laico.

Roma 20 settembre 2010 – Unità d’Italia: Massoneria; Raffi (GOI), domani a Porta Pia con la nostra storia e la forza del pensiero laico.

invito Alemanno ci è giunto solo il giorno dopo il nostro comunicato

“Porta Pia è simbolo della battaglia di libertà per l’Unità d’Italia. Una conquista laica che è passata anche per la lotta e il sangue degli Uomini liberi del Grande Oriente d’Italia. Era perciò naturale, perfino ovvio, che fossimo presenti domani, con la nostra storia e i nostri progetti, alle Celebrazioni del XX Settembre, sia a Porta Pia sia in Campidoglio. Tagliando corto su ogni dietrologia e a differenza di quanto riportato anche oggi da alcuni organi di informazione precisiamo e ribadiamo, ancora una volta, che ci è giunto solo il giorno dopo il nostro comunicato, l’invito – peraltro anticipato via email – da parte del Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, a partecipare domani alla seduta straordinaria dell’Assemblea Capitolina nell’Aula Giulio Cesare, in occasione della visita del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nella ricorrenza dei 140 anni di Roma Capitale. Ciò del resto, era stato da noi affermato in maniera inequivocabile in un comunicato ufficiale del 17 settembre – come si può facilmente verificare dai lanci delle maggiori agenzie di stampa e come attesta anche il sito internet del Grande Oriente d’Italia (www. grandeoriente.it) cui rimandiamo per ogni ulteriore e dirimente parola sulla questione”.

E’ quanto afferma Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

“L’occasione di questo necessario chiarimento – aggiunge Raffi – ci permette al contempo di rimarcare su scala nazionale che non siamo per nulla interessati a vetrine e a celebrazioni museali delle iniziative per il centocinquantenario dell’Unità. Controvento, liberi e sicuri come sempre, gli uomini del Grande Oriente d’Italia – conclude – hanno tanto da dire e da lavorare per contribuire a realizzare una nuova idea di Paese, più libero e consapevole delle grandi sfide che ci attendono. Lo abbiamo fatto ieri, non ci fermeremo domani”.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 20 settembre 2010 – Unità d’Italia: Raffi (GOI), “dopo 150 anni passione laica e Risorgimento della ragione per restare insieme”.

Roma 20 settembre 2010 – Unità d’Italia: Raffi (GOI), “dopo 150 anni passione laica e Risorgimento della ragione per restare insieme”.

Serve una generazione di ribelli perché il nostro paese diventi una ‘terra bellissima’

“Un ponte per superare l’incompiuto e pensare una nuova idea di Paese. Questo è per noi il senso profondo del 150° dell’Unità d’Italia. L’immagine che i nostri occhi vedono è quella di un fabbricato allo stato grezzo: ci sono pilastri e strutture portanti, ma l’opera non è terminata. La scommessa è un ‘Nuovo Risorgimento della Ragione’. Gli ideali oggi non hanno grande benzina nei serbatoi. Proprio per questo c’è un rinnovato bisogno di parole vere e di idee forti, di una rivolta delle coscienze che porti, ciascuno nel proprio campo, a lavorare sul tanto che ancora resta da edificare. La Libera Muratoria, forza morale e argine posto contro la deriva del pensiero unico, intende dare un contributo attivo a questa storia di verità. Basta con il disfattismo di chi ha la pancia a corte e la testa nelle catacombe: questo è per tutti il tempo della responsabilità”.

Così Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, in un passaggio della sua allocuzione, tenuta oggi a Villa ‘Il Vascello’ in occasione delle celebrazioni per il XX Settembre e l’Equinozio d’autunno.

“Che cosa ci manca? – chiede Raffi – Il Grande Oriente d’Italia lo dice da tempo: il senso laico del dovere e della responsabilità. Ai livelli alti e bassi della scala sociale. Gli italiani hanno bisogno di sapere che esistono persone oneste e disinteressate, in grado di farsi carico degli immani problemi di una nazione in caduta libera. E’ successo altre volte, nella nostra storia. Ci sono stati uomini, durante il Risorgimento, che hanno governato a Roma tornandosene più poveri di quando vi erano arrivati. Sapevano benissimo cosa li aspettava, eppure continuarono ad agire sorretti dalle loro idee e scommettendo sul futuro. Lo fecero perché credevano occorresse dare l’esempio. Per ricomporre un’identità culturale e di vissuto, il Paese ha bisogno di riscoprire una laica purezza d’intenti: laica, perché determinata dall’esclusivo servizio alla collettività, dal senso del dovere, da una doverosa percezione dei propri limiti, da un uso appassionato della ragione per superare l’incompiuto e stendere ponti all’incontro”.

“Il Grande Oriente d’Italia – conclude Raffi – cerca di raccoglierli, questi ‘eretici necessari’, persone apparentemente così estrane al mondo che le circonda, perché sa che essi sono una riserva di energie preziose per la democrazia. La storia che amiamo è quella che è sempre in cammino. L’augurio più bello che possiamo fare alla nostra Italia è che nel suo seno cresca una generazione di giovani ribelli che possano far propria la speranza e la lotta di Paolo Borsellino, quando diceva a voce alta e ferma: “Un giorno questa terra sarà bellissima”. Lo sarà se tutti noi vi lavoreremo con passione e ragione. Dopo 150 anni per restare insieme”.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 20 settembre 2010 – XX Settembre: Massoneria; Raffi (GOI), accogliamo invito Alemanno, non potevamo non essere presenti.

Roma 20 settembre 2010 – XX Settembre: Massoneria; Raffi (GOI), accogliamo invito Alemanno, non potevamo non essere presenti.

“Accogliamo l’invito, che ci è giunto oggi, del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, a partecipare alla seduta straordinaria dell’Assemblea Capitolina che si terrà lunedì 20 settembre alle ore 11,00 in Campidoglio nell’Aula Giulio Cesare rinnovata in occasione della visita del Presidente della Repubblica alla Città nella ricorrenza dei 140 anni di Roma Capitale. Non potevamo non esserci con la nostra storia”.

Lo afferma l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 20 settembre 2010 – XX Settembre: Massoneria; Raffi (Goi) “il nuovo Risorgimento inizia già da domani”.

Roma 20 settembre 2010 – XX Settembre: Massoneria; Raffi (Goi) “il nuovo Risorgimento inizia già da domani”.

Le iniziative del Grande Oriente d’Italia.

I regnanti di Casa Savoia, Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini, Ugo Bassi, i due eroi massoni Zamboni e De Rolandiis, Luigi Einaudi: sono questi solo alcuni dei personaggi dell’“Intervista a Giosuè Carducci”, di Marco Poli, ideata, interpretata e diretta da Emanuele Montagna.

Lo spettacolo – che farà rivivere “in carne e ossa” il grande poeta, Premio Nobel per la Letteratura – si tiene sabato 18 settembre, alle ore 17,30 – a Villa Il Vascello in occasione delle celebrazioni del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani per le ricorrenze del XX Settembre e dell’Equinozio di Autunno, data che segna la ripresa dei lavori massonici, e che saranno dedicate al 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

“Un cantiere aperto sulla storia da costruire: è questo – secondo il Gran Maestro Gustavo Raffi – il senso che il Grande Oriente d’Italia dà alle celebrazioni per il 150° dell’Unità, un evento che deve parlare al cuore e alla testa degli italiani, e diventare un necessario confronto sulle sfide poste dai grandi temi contemporanei”.

“La Libera Muratoria, sempre al fianco degli uomini in ricerca – spiega ancora il Gran Maestro – invita a riscoprire un verbo unitario fatto di progetti e di energia morale. In nome dell’Umanità vogliamo più tolleranza e pensiero, percorsi autentici e rispetto per l’altro: il nuovo Risorgimento inizia, dunque, già da domani”.

Su questi temi il Grande Oriente d’Italia ha chiamato al confronto storici e studiosi che nella mattina di sabato, alle ore 10,30, parteciperanno al convegno di studi “Unità d’Italia, dopo 150 anni per restare insieme”. Moderati da Valerio Zanone interverranno Lucio Villari (Il risorgimento cavouriano e il risorgimento alternativo dei democratici e dei repubblicani); Santi Fedele (“Una d’arme, di lingua, d’altare”: i cattolici, il Risorgimento,l’Italia unita); Giorgio Rebuffa (I fattori costitutivi dell’identità nazionale nei 150 anni della storia unitaria); Massimo Teodori (La tradizione laica nell’unità d’Italia).

Sempre sabato 18, alle 18,30 circa – dopo l’intervista a Giosuè Carducci e la proiezione di un brano del film “Casa Ricordi” (1954) di Carmine Gallione – prevista la tradizionale allocuzione del Gran Maestro Raffi sugli impegni e sulle iniziative della massima Istituzione massonica italiana nei prossimi mesi.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 20 settembre 2010 – XX Settembre: Massoneria; Raffi (Goi), “Alemanno non dimentichi chi celebra Porta Pia da 140 anni e con essa Roma Capitale”.

Roma 20 settembre 2010 – XX Settembre: Massoneria; Raffi (Goi), “Alemanno non dimentichi chi celebra Porta Pia da 140 anni e con essa Roma Capitale”.

“E’ proprio il caso di dire che non si è voluto mettere il sulfureo pensiero laico insieme all’acqua santa. Non contestiamo il fatto che lunedì prossimo il Segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone, sia presente alla cerimonia al monumento ai caduti di Porta Pia. Ci permettiamo tuttavia di far notare che il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha forse dimenticato di invitare a quella celebrazione proprio il Grande Oriente d’Italia, che celebra Porta Pia da 140 anni, peraltro arrivando a quella mura non da Oltretevere, ma da molto più lontano e con una storia profondamente diversa, essendo Noi gli eredi del sindaco Ernesto Nathan. Dovremmo forse rivolgerci al responsabile delle pari opportunità, perché, oltre al rosso della porpora cardinalizia dei vinti della storia, aiuti a trovare uno spazio per il rosso garibaldino e il verde dei nostri labari”.

Così Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, sulle celebrazioni del XX Settembre in programma a Porta Pia.

“Siamo sicuri – aggiunge – che il cardinale Bertone non farà un elogio dello Stato Pontificio ma si ricorderà della lezione di Paolo VI, che giudicò ‘provvidenziale’ la fine del potere temporale della Chiesa”.

“Una storia condivisa di quell’evento – conclude Raffi – aiuta la memoria del Paese e soprattutto il suo futuro, onorando gli eroi del Risorgimento italiano. A Porta Pia, simbolo della laicità dello Stato, ci saremo come sempre”.

Silvia Renzi, 338 2366914
comunicazione e rapporti con la stampa

Roma 20 settembre 2010 – Manifesto del Gran Maestro Gustavo Raffi per la ricorrenza del XX Settembre 2010.

Roma 20 settembre 2010 – Manifesto del Gran Maestro Gustavo Raffi per la ricorrenza del XX Settembre 2010.

Sono trascorsi un secolo e mezzo dall’Unità d’Italia e centoquarant’anni da Porta Pia. Tanti, nella vita di una nazione moderna. Eppure, mai come ora, i cittadini si sentono impauriti dal futuro, sfiduciati, preoccupati: il clima è ben diverso dal 1960, quando il Paese era ancora una giovane democrazia in pieno boom economico.
Che cosa ci manca? Il Grande Oriente d’Italia lo dice da tempo: il senso laico del dovere e della responsabilità. Ai livelli alti e bassi della scala sociale. Negli uffici pubblici come nelle attività private. Un egoismo dilagante funge da solvente del legame di comunità, rende la parola “patriottismo” un termine grottesco e obsoleto, degno al più di sarcastica irrisione.
Gli Italiani hanno bisogno di sapere che esistono persone oneste e disinteressate, in grado di farsi carico degli immani problemi di una nazione in caduta libera. E’ successo altre volte, nella nostra storia. Ci sono stati uomini, durante il Risorgimento, che hanno governato a Roma, tornandosene più poveri di quando vi erano arrivati. Per molti di loro si aprirono poi le porte dell’esilio e di un’esistenza spesso triste e miserevole. Essi sapevano benissimo ciò che li aspettava, eppure lo fecero lo stesso, perché, semplicemente, credevano occorresse dare l’esempio.
Il Paese ha bisogno di questa laica purezza d’intenti: laica, perché determinata dall’esclusivo servizio alla collettività, dal senso del dovere, da una doverosa percezione dei propri limiti, da un uso appassionato della ragione. Il Grande Oriente d’Italia cerca di raccoglierli, questi individui apparentemente così estranei al mondo che li circonda, perché sa che essi sono una riserva di energie preziose per la democrazia: si rinnova così la continuità ideale ed etica con il tempo glorioso dell’adolescenza della Nazione. D’altronde, non c’è che un modo per ricordare davvero il Risorgimento: mostrarsene degni!

Roma, Villa ‘Il Vascello’, 20 settembre 2010

 

Guarda il Manifesto [ Scarica file File Formato PDF Size 276.0 Kb ]