Un teatro che riapre/La Stampa

Due anni di ristrutturazione nei mesi di lockdown, in seguito
al distacco di parte della vecchia controsoffittatura. «Nel mezzo
delle difficoltà nascono le opportunità» ha ricordato il vicesindaco,
citando Albert Einstein. A fare gli onori di casa il sindaco
Paoletti. Ed ecco il teatro Borelli di Boves restituito
alla comunità, luogo per spettacoli,
concerti, conferenze. Un appuntamento ritrovato
grazie al green pass.
Elegante e funzionale, soprattutto messo in
sicurezza. Nuove poltroncine
in sostituzione delle
sedie, rinnovata balconata,
aumento della capienza
da 100 a 150 posti, abbattimento delle bar-
riere architettoniche. Non manca un piccolo
foyer con gigantografie della vita comunitaria. Pannelli non
solo decoratavi, ma fonoassorbenti per migliorare l’acustica.
Una serata di cultura, relatore il prof. Luigi Pellegrino. Un
excursus su Battista Borelli, primario al Mauriziano e senatore.
Un personaggio a tutto tondo. Nato nel 1813 da famiglia
agiata, fu battezzato due volte. Nell’immediato, per la
gracilità, e successivamente con la dovuta pompa. Un predestinato.
Una vita dedicata alla medicina e alla passione
politica. Massone e anticlericale, volle ornare il giardino
della casa estiva, sulla collina di Boves, con tempietto della
dea Ragione e obelisco. Simbologie. Al suo
arrivo issava la bandiera, segnale di presenza
e di disponibilità a visitare le persone meno
abbienti. Spesso univa medicine e cibo.
Un filantropo. A sue spese fece costruire il
teatro, un punto d’orgoglio con Cuneo, Mondovì,
Saluzzo, Savigliano, Ceva, Dronero. Ottenne
che la linea ferroviaria Cuneo-Nizza
toccasse la città. Eletto più volte senatore,
non gli mancarono amarezze per una dedizione
pubblica non sempre riconosciuta.
Un teatro nel cuore della gente, una storia versatile: prosa,
cinema, serate carnevalesche, balli delle filere e dei coscritti.
Alla morte, nel 1891, Boves gli dedicò la piazza antistante e un
busto in bronzo destinato negli anni della guerra abissina a essere
fuso per fare cannoni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.