Un libro di Stefano Bisi sul “biennio nero 1992-93”/Nuovo Giornale Nazionale

 02 FEBBRAIO 2022

di Francesco Pullia

Un’inchiesta avviata nell’autunno 1992 da Agostino Cordova, allora a capo della Procura della Repubblica di Palmi, successivamente procuratore a Napoli. Perquisizioni, a cominciare da Villa Il Vascello di Roma, sede del Grande Oriente d’Italia, faldoni sequestrati insieme a computer nella forsennata ricerca degli elenchi, tra l’altro mai tenuti segreti, con i nomi di rispettabilissimi cittadini facenti parte delle logge, a seguire interrogatori. Un clima persecutorio, alimentato da teoremi argillosi e rivelatisi vere e proprie farneticazioni, un accanimento giudiziario cui non sono stati estranei il mondo politico e quello, con rare eccezioni, della cosiddetta informazione. Commissioni parlamentari approdate, con sperpero di denaro pubblico, a nulla di fatto e soprattutto, ciò che è più grave, la mortificazione del dettato costituzionale, della libertà individuale, dei diritti civili.

Stefano Bisi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, ha dedicato a quel periodo decisamente critico e difficile nella storia del Paese un libro che in modo semplice e lineare ricostruisce le fasi di una vicenda risoltasi, a dirla in modo semplice ma efficace,  in una bolla di sapone non senza il lascito, però, di pesanti strascichi nell’opinione pubblica.

“Il biennio nero 1992-93. Massoneria e legalità trent’anni dopo”, edito da Perugia libri (info@perugialibri.it) parte dall’avvio dell’indagine mirante a screditare la più antica comunione massonica italiana, che ha come corollario la sentenza di condanna nei confronti dello stesso magistrato inquirente al pagamento e le spese processuali a favore del GOI.

Da queste pagine, che nonostante la complessità dei fatti descritti risultano scorrevoli, si evince in modo netto come certi impianti accusatori siano ispirati dall’annosa idiosincrasia e dalla preconcetta avversione, da parte di schieramenti fortemente ideologizzati e/o rispondenti a visioni di fondo clericali e oscurantiste, nei confronti del libero pensiero e di chiunque si batta per garantire l’affrancamento individuale e collettivo dalle morse di ogni forma di totalitarismo. Anche se i danni morali e materiali e le ferite, come scrive Bisi, restano, la verità non va tuttavia in prescrizione, resiste, si afferma, prevale su qualsiasi tipo di preclusione, occultamento, intolleranza.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.