“Solo”. Il romanzo di Riccardo Nencini su Giacomo Matteotti

Nel suo ultimo libro “Solo”, appena uscito per i tipi di Mondadori, Riccardo Nencini ricostruisce in forma romanzesca, con la precisione dello studioso, la passione dell’uomo politico e la creatività dell’intellettuale e narratore, la vita di Giacomo Matteotti, il primo vero antagonista di Mussolini e il fantasma che ha aleggiato sul fascismo per tutta la sua durata della dittatura: l’infanzia, le prime esperienze politiche, gli amori, le amicizie, la militanza comune con Mussolini nel Partito socialista, e i giorni drammatici della durissima opposizione al fascismo nascente, opposizione che gli costò la vita. Il risultato è un affresco epico e struggente di una stagione cruciale della nostra storia, il ritratto emozionante di un uomo coraggioso e solo, come tutti i grandi eroi.

Riccardo Nencini è un politico, storico, scrittore, vice ministro del governo Renzi, nel 2004 ha ricevuto dall’Università di Leicester (Regno Unito) la laurea ad honorem in Lettere. È autore dei saggi Corrotti e corruttori (Shakespeare and Company Florentia, 1993), Il trionfo del trasformismo (Loggia de’ Lanzi, 1996), Il giallo e il rosa (Giunti, 1998), dei romanzi storici La battaglia. Guelfi e Ghibellini a Campaldino nel sabato di San Barnaba (Polistampa, 2001-2006) e L’Imperfetto Assoluto (Pagliai, 2009-2010) e del fortunato memoriale Oriana Fallaci Morirò in piedi (Polistampa, 2007-2008). Ha collaborato, assieme a Emiliano Gucci, Sandro Veronesi, Marco Vichi e altri, alla stesura di Decameron 2013 (Felici, 2013). Finalista del Premio Acqui Storia e del Premio Scanno, gli è stato assegnato, come ideatore del Dizionario della Libertà, il premio letterario internazionale Il Molinello (2007). Ha collaborato con l’Istituto Internazionale del Restauro e con la Fondazione Spadolini Nuova Antologia nel dipartimento di formazione dei docenti di storia.

Nencini, tra i politici che hanno espresso in più occasioni solidarietà e vicinanza al Grande Oriente, è stato insignito in occasione della Gran Loggia 2017 della Galileo Galilei, la massima onorificenza che il Goi destina ai non massoni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.