“Scienza e Conoscenza”. La Gran Loggia 2022

Si è conclusa la Gran Loggia del Grande Oriente d’Italia 2022 “Scienza e Conoscenza”. Una due giorni di lavori rituali, ma anche densa di appuntamenti dedicati alla attualità e alla cultura, occasioni per riflettere alla luce della nostra storia sul presente, sui grandi cambiamenti di cui in questi anni di pandemia siamo stati protagonisti, ma soprattutto sul mondo che verrà.

8 aprile

La Gran Loggia ha aperto i battenti nella mattinata di venerdì 8 aprile, alle ore 9 con l’inaugurazione alle 9, 15 della mostra del Servizio Filatelico e subito dopo, alle 9,30, della mostra del Servizio Biblioteca dedicata a Ernesto Nathan, indimenticabile sindaco di Roma e Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia dal 1896 al 1903 e dal 1917 al 1919, al centro anche di un convegno, con il Gran Maestro Stefano Bisi, gli storici Gian Mario Cazzaniga e Fulvio Conti, il Gmo e bibliotecario Bernardino Fioravanti e il giornalista Fabio Martini, autore del volume “Nathan e l’invenzione di Roma”, che è stato presentato nel corso dell’incontro.

Alle 13,30  la rassegna Incontro con gli autori, organizzata dal Servizio Biblioteca, con la presentazione dei volumi “Il biennio nero 1992-1993. Massoneria e legalità trent’anni dopo” di Stefano Bisi e “La Massoneria nel Parlamento” di Luca I. Fragale

Alle 14 l’inizio dei lavori nel Tempio e poi l’ingresso dei Corpi rituali, delle Delegazioni Estere, l’Onore alla Bandiera, il Saluto al Presidente della Repubblica, la lettura dei messaggi ricevuti.

Alle 16,45  l’incontro dal titolo “Pandemia COVID-19: Si vede la luce in fondo al tunnel?” con Nino Cartabellotta, medico, presidente della Fondazione Gimbe, che dal 1996 promuove l’integrazione delle migliori evidenze scientifiche in tutte le decisioni politiche, manageriali, professionali che riguardano la salute delle persone. Tra gli esperti più autorevoli di ricerca e sanità del nostro Paese.

Alle 17, 15 il dibattito “Un mondo fuori controllo. La scienza della politica tra tentazioni egemoniche ed equilibri internazionali”, con Paolo Mieli, saggista e giornalista, direttore de la Stampa dal 1990 al 1992, e del Corriere della Sera dal 1992 al 1997 e dal 2004 al 2009 e dal 2009 al 2016 presidente di RCS, ospite per la seconda volta in Gran Loggia; Alessandro Barbano, giornalista, scrittore e docente italiano, condirettore del Corriere dello Sport e già direttore de “Il Mattino” di Napoli; Alessandro Campi, ordinario di Storia delle dottrine politiche nell’Università di Perugia, e direttore del trimestrale Rivista di Politica.

Alle 19  l’allocuzione del Gran Maestro, clou della prima intensa giornata di Gran Loggia.

9 aprile

Alle 9 la ripresa dei lavori nel Tempio dopo l’ assemblea di bilancio ( 8.00 – 9.00) fino alle 13 e poi dalle 14, 15  alle 18.

Alle 14 il convegno dal titolo dal titolo “I Tesori della memoria. Conoscere per capire”. Presenti il Gran Maestro Stefano Bisiil sovrintendente dell’Archivio Centrale dello Stato Andrea De Pasquale, il Gran Bibliotecario Bernardino Fioravanti, i professori Fulvio Conti e Gian Mario Cazzanigala dottoressa Emanuela Locci. La proiezione di due videomessaggi, il  primo del direttore della Rivista “Remhlac”, Ricardo Martinez Esquivel (Costa Rica) e il secondo dello studioso Yasha Beresiner sulla rivista Ars Quattuor Coronatorum, la rivista espresssione della loggia di ricerca piu’ antica del mondo.

Di seguito rassegna Incontro con gli autori, organizzata dal Servizio Biblioteca, con la presentazione dei volumi : “Segreti massonici italiani. Giardini e luoghi d’ispirazione esoterica”, a cura di Giovanni Greco e Marco Rocchi“La Massoneria in Turchia tra storia e relazioni internazionali” di Emanuele Locci, “Le Dame Vaganti. Storie di fate, streghe, maghi, eresie” di Elena Castelvincenti.

Alle 18 ultimo appuntamento di Gran Loggia con una tavola rotonda dal titolo “Cattiva maestra la scienza?” con Edoardo Camurri, giornalista, conduttore su Rai 3 del programma #maestri realizzato da Rai Cultura in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, nonchè allievo del filosofo Gianni Vattimo; Maurizio Ferraris, accademico e professore di Filosofia Teoretica all’università di Torino, autore di numerosi saggi, tra gli ultimi “Documanità. Filosofia del mondo nuovo”, in cui smonta molti dei luoghi comuni sul rapporto fra esseri umani e tecnologia; Stefano Moriggi, anche lui filosofo della Scienza specializzato in teoria e modelli della razionalità e in fondamenti della probabilità, docente presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, conosciuto al grande pubblico attraverso la trasmissione TV E se domani di Rai 3.

Modalità di accesso

Affinché i Lavori al Palacongressi si svolgano nel modo migliore e per semplificare le procedure d’ingresso, nel pieno rispetto delle normative previste, come lo scorso anno verrà utilizzato il sistema della registrazione online. Con pochi e semplici passaggi potrai registrarTi utilizzando il seguente link:

https://rnmanager.vivaticket.com/registrazionefast?o=GOI22&tipo=PARTECIPANTI

Questo Ti permetterà di generare un biglietto con codice univoco (QR-code) che potrai stampare o scaricare direttamente sul Tuo smartphone e che dovrai esibire all’ingresso. La registrazione è personale e va fatta direttamente da tutti coloro che desidereranno accedere al Palacongressi, anche solo per visitare una mostra o assistere ai vari appuntamenti aperti al pubblico.

Per accedere al Palacongressi, oltre al QR-code, sarà necessario esibire il Super Green Pass.

In questo momento, la collaborazione di tutti ci aiuterà a svolgere i nostri Lavori con serenità, e nel pieno rispetto delle normative in vigore.

“Scienza e Conoscenza” è il titolo scelto per la Gran Loggia 2022, che  si terrà l’ 8 e 9 aprile, come di consueto,  al Palacongressi di Rimini. Una due giorni di lavori rituali, ma anche densa di appuntamenti dedicati alla attualità e alla cultura, occasioni per riflettere alla luce della nostra storia sul presente, sui grandi cambiamenti di cui in questi anni di pandemia siamo stati protagonisti, ma soprattutto sul mondo che verrà. Ecco il programma:

8 aprile

La Gran Loggia aprirà i battenti nella mattinata di venerdì 8 aprile, alle ore 9 con l’inaugurazione alle 9, 15 della mostra del Servizio Filatelico e subito dopo, alle 9,30 della mostra del Servizio Biblioteca dedicata a Ernesto Nathan, indimenticabile sindaco di Roma e Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia dal 1896 al 1903 e dal 1917 al 1919, che sarà anche al centro di un convegno, che avrà inizio alle 10,30. Vi prenderanno parte il Gran Maestro Stefano Bisi, gli storici Gian Mario Cazzaniga e Fulvio Conti, il Gmo e bibliotecario Bernardino Fioravanti e il giornalista Fabio Martini, autore del volume “Nathan e l’invenzione di Roma”, che verrà presentato nel corso dell’incontro.

Alle 13,30 al via la rassegna Incontro con gli autori, organizzata dal Servizio Biblioteca, che aprirà con la presentazione dei volumi “Il biennio nero 1992-1993. Massoneria e legalità trent’anni dopo” di Stefano Bisi e “La Massoneria nel Parlamento” di Luca I. Fragale

Alle 14 cominceranno i lavori nel Tempio con l’apertura della Gran Loggia. Verranno quindi fatti entrare come di consueto i Corpi rituali, le Delegazioni Estere, ci sarà l’Onore alla Bandiera, il Saluto al Presidente della Repubblica, la lettura dei messaggi ricevuti.

Alle 16,45 dopo la sospensione dei lavori si terrà l’incontro dal titolo “Pandemia COVID-19: Si vede la luce in fondo al tunnel?” con Nino Cartabellotta, medico, presidente della Fondazione Gimbe, che dal 1996 promuove l’integrazione delle migliori evidenze scientifiche in tutte le decisioni politiche, manageriali, professionali che riguardano la salute delle persone. Tra gli esperti più autorevoli di ricerca e sanità del nostro Paese.

Alle 17, 15 è in agenda il dibattito“Un mondo fuori controllo. La scienza della politica tra tentazioni egemoniche ed equilibri internazionali”, al quale parteciperanno Paolo Mieli, saggista e giornalista, direttore de la Stampa dal 1990 al 1992, e del Corriere della Sera dal 1992 al 1997 e dal 2004 al 2009 e dal 2009 al 2016 presidente di RCS, ospite per la seconda volta in Gran Loggia; Alessandro Barbano, giornalista, scrittore e docente italiano, condirettore del Corriere dello Sport e già direttore de “Il Mattino” di Napoli; Alessandro Campi, ordinario di Storia delle dottrine politiche nell’Università di Perugia, e direttore del trimestrale Rivista di Politica.

Per le 19 è prevista l’allocuzione del Gran Maestro, clou della prima intensa giornata di Gran Loggia.

9 aprile

La seconda giornata di Gran Loggia comincerà alle 9 con la ripresa dei lavori nel Tempio dopo l’ assemblea di bilancio ( 8.00 – 9.00) che andranno avanti fino alle 13 per riprendere alle 14, 15 per concludersi alle 18.

Alle 14 il convegno dal titolo dal titolo “I Tesori della memoria. Conoscere per capire”. Saranno presenti il Gran Maestro Stefano Bisi, il sovrintendente dell’Archivio Centrale dello Stato Andrea De Pasquale, il Gran Bibliotecario Bernardino Fioravanti, i professori Fulvio Conti e Gian Mario Cazzaniga, la dottoressa Emanuela Locci. E’ prevista la proiezione di un videomessaggio del direttore della Rivista “Remhlac”, Ricardo Martinez Esquivel (Costa Rica) e di un altro videomessaggio dello studioso Yasha Beresiner sulla rivista Ars Quattuor Coronatorum, la rivista espresssione della loggia di ricerca piu’ antica del mondo.

Seguirà la rassegna Incontro con gli autori, organizzato dal Servizio Biblioteca, con la presentazione dei volumi : “Segreti massonici italiani. Giardini e luoghi d’ispirazione esoterica”, a cura di Giovanni Greco e Marco Rocchi, “La Massoneria in Turchia tra storia e relazioni internazionali” di Emanuele Locci, “Le Dame Vaganti. Storie di fate, streghe, maghi, eresie” di Elena Castelvincenti.

Alle 18 ultimo appuntamento con una tavola rotonda dal titolo “Cattiva maestra la scienza?” con Edoardo Camurri, giornalista, conduttore su Rai 3 del programma #maestri realizzato da Rai Cultura in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, nonchè allievo del filosofo Gianni Vattimo; Maurizio Ferraris, accademico e professore di Filosofia Teoretica all’università di Torino, autore di numerosi saggi, tra gli ultimi “Documanità. Filosofia del mondo nuovo”, in cui smonta molti dei luoghi comuni sul rapporto fra esseri umani e tecnologia; Stefano Moriggi, anche lui filosofo della Scienza specializzato in teoria e modelli della razionalità e in fondamenti della probabilità, docente presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, conosciuto al grande pubblico attraverso la trasmissione TV E se domani di Rai 3.

Modalità di accesso

Affinché i Lavori al Palacongressi si svolgano nel modo migliore e per semplificare le procedure d’ingresso, nel pieno rispetto delle normative previste, come lo scorso anno verrà utilizzato il sistema della registrazione online. Con pochi e semplici passaggi potrai registrarTi utilizzando il seguente link:

https://rnmanager.vivaticket.com/registrazionefast?o=GOI22&tipo=PARTECIPANTI

Questo Ti permetterà di generare un biglietto con codice univoco (QR-code) che potrai stampare o scaricare direttamente sul Tuo smartphone e che dovrai esibire all’ingresso. La registrazione è personale e va fatta direttamente da tutti coloro che desidereranno accedere al Palacongressi, anche solo per visitare una mostra o assistere ai vari appuntamenti aperti al pubblico.

Per accedere al Palacongressi, oltre al QR-code, sarà necessario esibire il Super Green Pass.

In questo momento, la collaborazione di tutti ci aiuterà a svolgere i nostri Lavori con serenità, e nel pieno rispetto delle normative in vigore.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.