EVENTI 2020, 28 GIUGNO. Reggio Calabria, XIV edizione della Borsa di studio Logoteta. Un appuntamento con gli studenti

Da sinistra Maurizio Maisano presidente del Collegio dei Maestri  Venerabili della Calabria, Demetrio Zema presidente della Logoteta, Angelo Di Rosa, il Gran Maestro aggiunto del Grande Oriente d’Italia, Antonio Seminario e Leo Taroni Sovrano Gran Commendatore del Rito Scozzese Antico Ed Accettato 

Il 28 giugno a Reggio Calabria, nella splendida cornice verde del giardino di Villa Blanche, si è svolta la cerimonia di premiazione della XIV Borsa di Studio Giuseppe Logoteta riservata agli studenti delle scuole secondarie della Calabria. Organizzata dall’associazione Logoteta che porta il nome del martire della rivoluzione napoletana del 1799, con il patrocinio del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, del Collegio dei Maestri Venerabili della Calabria e del Rito Scozzese Antico Ed Accettato, la Borsa Logoteta è diventata un punto di riferimento importante nel percorso culturale d’incentivazione e di crescita degli studenti calabresi. 

L’apertura della cerimonia

Nonostante il disagio causato dalla pandemia, anche in questa edizione è stata elevata la partecipazione degli istituti. Sono stati oltre 170 gli elaborati tra prove letterarie, poetiche, artistiche e multimediali – che sono stati presentati alla commissione esaminatrice della Logoteta. Molto azzeccata la scelta del titolo della Borsa che recitava: “Web. Liberi di… Liberi da…”.

Il Gran Maestro Aggiunto Antonio Seminario consegna il premio a Francesco Cristian Spanò – Liceo Scienze Umane e Linguistico “T. Gulli” Reggio Calabria, lo studente primo classificato della sezione Letteratura del Premio Logoteta

La cerimonia alla quale hanno presenziato 500 persone con larghissima partecipazione dei docenti e dei familiari degli studenti premiati, si è svolta nel pieno rispetto delle norme di sicurezza grazie agli ampi spazi disponibili che hanno reso possibile il distanziamento e la gestione dell’evento nella sua articolata modalità. 

In mostra le opere artistiche degli studenti che hanno partecipato al premio

I lavori, moderati dal giornalista Angelo Di Rosa, si sono aperti con l’inno nazionale ed a seguire è stato osservato un minuto di silenzio in memoria delle migliaia di vittime della pandemia. 

Nel portare i saluti agli intervenuti,  Demetrio Zema, presidente dell’Associazione “G. Logoteta” – ha sottolineato come pur nella situazione di emergenza sanitaria sia stato possibile realizzare l’evento grazie alla sinergia con le scuole e alla sensibilità e attenzione dimostrata dai loro dirigenti e docenti. Tutti, insieme, orientati al raggiungimento di un unico scopo, quello che poi caratterizza la Borsa di Studio, ossia la cultura e lo stimolo per una coscienza civile e una dignità, dirette a creare e mantenere una società libera. 

Leo Taroni, Sovrano Gran Commendatore dello Rsaa consegna il premio Riccardo Segre a Maria Angela Spagnuolo – Liceo Classico di Cosenza “G. Telesio”

Zema, dopo essersi soffermato sul tema della Borsa di Studio – i social e il legame che questi hanno con la libertà – ha concluso citando un aforisma dello scrittore, storico, letterato Prof. Nicolae Petrescu Redi che recita: “Nel Tempio delle cultura entriamo per imparare a non inginocchiarci”.

Successivamente hanno portato i loro saluti: Maurizio Maisano, Presidente del Collegio dei Maestri Venerabili della Calabria, Leo Taroni, Sovrano Gran Commendatore del Rito Scozzese Antico Ed Accettato e Antonio Seminario, Gran Maestro Aggiunto del Grande Oriente d’Italia. Fra i presenti anche il Gran Maestro onorario Ugo Bellantoni.

Toccante e molto significativo l’intervento e l’appello rivolto ai giovani calabresi da parte del Gran Maestro aggiunto Antonio Seminario: “Reggio Calabria è ormai parte del nostro vissuto massonico – ha detto l’alto esponente della Giunta del Goi – e rappresenta da anni la sede di incontri culturali prestigiosi. Ogni anno ci accoglie con affetto, regalandoci non solo preziosi momenti di confronto intellettuale ma soprattutto la possibilità di approfondire varie sfaccettature della nostra cultura. La Calabria rappresenta ancora per l’Italia un diamante grezzo, essendo una terra dall’enorme potenziale, ma sulla quale occorre lavorare per poterne apprezzare completamente la bellezza. In tale contesto, Reggio rappresenta sì un’eccezione, ma ci conferma che, una volta affinato e lavorato con amore, passione e zelo, quel diamante potrà iniziare a brillare. Appuntamenti come quello della Logoteta sono proprio l’inizio di quell’opera di pulizia della pietra grezza calabra, poiché conferiscono ulteriore lucentezza non solo alla città che ci ospita, ma a tutta la nostra meravigliosa Regione. In un Paese come il nostro, dal tessuto sociale così delicato, le Istituzioni, il mondo della cultura, le agenzie educative e la Massoneria del Grande Oriente d’Italia, devono indicare e offrire, soprattutto ai giovani, modelli positivi. Il nostro compito è quello di sostenere la cultura; una cultura del legame e della coesione tra tutte le persone disposte a dare il proprio contributo e le proprie energie per la realizzazione di una cittadinanza attiva e responsabile, che promuova lo sviluppo del senso civico e del bene comune. Inoltre, manifestazioni pubbliche come questa mostrano che la Massoneria non ha nulla da nascondere ed è una parte attiva della società. Siamo uomini del dubbio che sanno vivere e fare scelte. Vogliamo affrontare i problemi dell’Uomo e della sua dignità, della sua verità e libertà. Fra i temi posti al centro del lavoro del Grande Oriente d’Italia,  ci sono il dialogo, il confronto tra le culture, le vie verso la condivisione e l’integrazione. Ed è qui che s’impone il nostro dovere di educare e formare le giovani generazioni, preparandole alla vita e insegnando loro a conoscere in primis se stessi. Il luogo istituzionale dove tutto questo può concretizzarsi è la Scuola. È la Scuola la prima palestra di vita. È qui che i giovani imparano a diventare se stessi, nel confronto con gli altri. Affinando la Conoscenza, si preparano a vivere socialmente, in forza dei valori di Tolleranza, Libertà, Uguaglianza e Fratellanza. Sono questi i nostri valori  massonici, ancora forti e attuali, eternamente attuali e fulcro del nostro operato. Voi cari studenti cercate di essere voi stessi, crescete  nella Libertà e difendete quella degli altri. Rivendicate con forza intellettuale i vostri diritti, ma ricordatevi anche i vostri doveri. Avete un obbligo nei confronti della vostra terra: ricordatevi della vostra Calabria e rispettate, onorate ed elevate le vostre origini”. 

Si è poi proceduto alla consegna dei premi ai vincitori della Borsa Logoteta e ai loro insegnanti che li hanno seguiti nell’elaborazione dei progetti. Le opere esposte sono state molto apprezzate dal folto pubblico presente. Una giornata culturalmente intensa e feconda,  che si è conclusa con l’arrivederci da parte degli organizzatori alla quindicesima edizione.

Ecco tutti i premiati 

La cerimonia di premiazione della XIV edizione della Borsa di studio Giuseppe Logoteta ha visto i seguenti vincitori:

 SEZIONE LETTERARIA: 

Premio Provinciale “Giuseppe Logoteta”

1° posto: Francesco Cristian Spanò – Liceo Scienze Umane e Linguistico “T. Gulli” Reggio Calabria- Borsa di studio € 1000,00

2° posto: Stefania Occhiuto  –  Liceo Scientifico Statale ‘Leonardo da Vinci’ Reggio Calabria – Borsa di studio  € 500,00

3°posto: Annalisa Palumbo   – Liceo Scientifico Statale ‘Leonardo da Vinci” Reggio Calabria – Borsa di studio € 300,00

Premio Regionale Riccardo Segre

1° posto: Maria Angela Spagnuolo  – Liceo Classico di Cosenza “G. Telesio” – Borsa di studio  € 1000,00

2° posto: Chiara D’Aprile – I.M. Licei “Tommaso Campanella” di Belvedere Marittimo (CS) – Borsa di studio € 500,00

3°posto: Beatrice Elisabetta Virardi – Liceo Classico “G. Garibaldi” Castrovillari (CS) – Borsa di studio € 300,00

Premio Regionale Poesia  “Riccardo Segre” 

1° posto: Rocco Galletta – Ist.to d’Istruz. Sup. “L. Nostro-L. Repaci” Villa S. Giovanni (RC) – Borsa di studio  € 200,00

2° posto: Valentina Volpe  –  Liceo Classico “G. Telesio” di Cosenza – Borsa di studio  € 100,00

SEZIONE ARTISTICA 

Premio Regionale “Paolo Mallamaci

1° posto: Vanessa Morabito – Liceo Artistico “M. Preti – A. Frangipane” Reggio Calabria – Borsa di studio € 1000,00

2° posto:  Sarah Cosentino – Istituto d’Istruzione Superiore “L. Nostro-L. Repaci” Villa S. Giovanni (rc) – Borsa di studio  € 500,00

3° posto:  Ramona Mihaela Rocan – IIS “I. Oliveti -P. Panetta” – Liceo Artistico ‘Pitagora’ Siderno – Borsa di studio € 300,00

Premio Regionale Opere Multimediali Sezione Foto “Riccardo Segre”

1° posto: Sephora Cristina Catalano – IIS “I. Oliveti -P. Panetta” – Liceo Artistico ‘Pitagora’ Siderno (RC) – Borsa di studio  € 200,00

Premio Regionale Opere Multimediali Sezione Video “Riccardo Segre”

1° posto: Pietro Cimino – Liceo Scientifico “F. Bruno” Reggio Calabria – Borsa di studio di € 200,00

Premi alle Scuole (finalizzati a solidarietà interna):

1° Scuola Classificata Premio” Giuseppe Logoteta” – Liceo Scienze Umane e Linguistico “T. Gulli” Reggio Calabria –

€ 300,00

1° Scuola Classificata Premio “R. Segre” – Liceo Classico ‘G. Telesio’ Cosenza – € 300,00

1° Scuola Classificata Premio “P. Mallamaci”- Liceo Artistico “M. Preti – A. Frangipane” Reggio Calabria – € 300,00

1° Scuola maggiori partecipanti Sezione Artistica – IIS “I. Oliveti -P. Panetta”, Liceo Artistico ‘Pitagora’ Siderno Reggio Calabria – € 200,00

1° Scuola maggiori partecipanti Sezione Letteraria Liceo Scientifico Statale ‘Leonardo da Vinci’ Reggio Calabria -€ 200,00 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.