Primo maggio. Grande Oriente d’Italia: il lavoro bene supremo da mettere al centro di ogni agenda futura

E’ un primo maggio segnato da forti preoccupazioni per il futuro quello che celebriamo quest’anno. L’epidemia Covid 19 che ci troviamo ad affrontare è infatti un’emergenza gravissima non solo sanitaria, che sta falcidiando vite umane, devastando interi comparti dell’economia mondiale, mettendo seriamente a rischio migliaia di posti di lavoro e minando valori fondamentali come la dignità, la speranza di autorealizzazione e la sicurezza sociale. Valori che fanno anche parte del patrimonio della Libera Muratoria, che continuerà a difenderli in ogni modo.

In questa giornata, fortemente simbolica, ribadiamo la nostra vicinanza a tutti i fratelli e a tutti coloro che si trovano in difficoltà e il nostro impegno a contribuire a dare impulso nuovo all’Italia e  a far sì che non ci si dimentichi mai di porre al centro di ogni agenda futura l’uomo e il lavoro, che è un bene prezioso, un diritto sancito dalla nostra Carta Costituzionale e un dovere di ogni cittadino.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.