Plutarco e l’arte di ascoltare (e di tacere)

Racconta Plutarco che il tiranno Pittaco, dovendo inviare al re d’Egitto le carni migliori e le peggiori per il sacrificio, scelse di mandargli la lingua, “l’organo fonte dei beni, ma anche dei mali maggiori”. Attraverso aneddoti esemplari, nei due brevi opuscoli L’arte di ascoltare (e di tacere, Garzanti traduzione di Alessandro De Blasi) tratti dai “Moralia” e qui raccolti, Plutarco smaschera la natura ambigua e pericolosa della parola, criticando la vuota retorica che furoreggiava nelle piazze del suo tempo e l’incapacità di porgere l’orecchio alle parole altrui e di ponderare le proprie. Quanto attuali siano i temi trattati sarà del resto subito chiaro al lettore, che si riconoscerà – suo malgrado – in queste pagine.



Un commento a “Plutarco e l’arte di ascoltare (e di tacere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.