Piombino. La loggia XX Settembre ricorda il fratello Lotto

I fratelli della XX Settembre all’Oriente di Piombino hanno appreso con dolore che il fratello Primo Lotto è giunto al cospetto del suo Grande Architetto dell’Universo. “Primo -hanno ricordato- fu uno dei fratelli fondatori, nel lontano 1969, della nostra Officina all’Obbedienza del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, e per oltre quarant’anni fu il protagonista dei suoi lavori e della sua attività amministrativa, ricoprendo ininterrottamente l’incarico di segretario. Disponibile con tutti, generoso fino all’altruismo, costantemente sereno e sorridente, è stato un esempio di massonismo vero, infondendo in tutti i suoi fratelli, e trasportando nel mondo profano, quegli ideali di libertà, uguaglianza e fratellanza che furono il perno su cui ruotò tutta la sua vita. Un uomo carico di dignità, che ha dato molto a tutti, senza chiedere mai nulla in cambio. La morte che ha spezzato la vita di Primo, non spezzerà il legame che ci ha sempre legato alla sua figura, e lascia in ognuno di noi un vuoto incolmabile, la sensazione di una figura insostituibile, pur nella sua forzata assenza orma legata all’età e alle sue condizioni di salute. I gesti, le parole, i pensieri non moriranno, e Primo sarà sempre presente quale esempio nel percorso di coloro che lo hanno conosciuto, e che saranno capaci di tramettere il suo esempio di massone. Oggi i fratelli della XX Settembre, si stringono più forti che mai nella simbolica catena d’unione, unendosi al dolore di tutta la sua famiglia”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.