Perugini illustri, 21 storie sono a portata di smartphone/Il Messaggero

LA MEMORIA

Da Santucci a Grecchi, da Lupattelli a Ciabatti. Le storie di 21 perugini illustri a portata di smartphone grazie al progetto Memoria digitale. Annunciato nell’ambito delle iniziative per il XX Giugno, rappresenta il primo censimento di tombe di particolare rilevanza presenti al cimitero monumentale della città. Su quelle inserite nel progetto, è stato installato un Qr Code che rimanda ad una serie di informazioni sul personaggio.

L’obiettivo? Mantenere vivo «il ricordo di chi ci ha preceduto affinché si conservi e cresca grazie alle nuove modalità digitali’. Il progetto è stato presentato lunedì alla presenza. fra gli altri, del sindaco Andrea Romizi, del prefetto Armando Gradone, del presidente del consiglio comunale Nilo Arcodi. 11 Comune ha sviluppato il progetto con l’aiuto di due ragazze del servizio civile, cosi «è stata avviata un’attività che porterà a definire percorsi tentatici». spiega l’assessore ai Servizi civici Edi Cicchi, ringraziando per il contributo l’assessore al digitale Gabriele Giottoli. Ideato nel 2020, il percorso è stato avviato dall’unità operativa Servizi al cittadino, sotto la supervisione della dirigente Anastasia Ciarapica e della responsabile dì posizione organizzativa Nicoletta Vinti, con l’ufficio Comunicazione-grafica. l’unità operativa Manutenzioni, con l’area Governo del territorio e Sniart city. Fondamentale l’apporto delle volontarie del Servizio Civile, Francesca Vadal à e Valentina Lenticchia. Sono state loro a spiegare che ora si punterà a creare vere e p roprie «visite virtuali» del cimitero monumentale per valorizzarne appieno anche le ricchezze storico-artistiche. L’idea è quella di sviluppare «un archivio informatico tematico dei manufatti cimiteriali e dei personaggi storici. La scelta è anzitutto caduta su chi ha svolto un ruolo attivo nella lotta al nazifascismo e, per tale motivo, viene ricordato nelle celebrazioni del XX Giugno».

Il progetto è fruibile anche su https://www.comune.perugia.it/pagineimemoria-digi tale e presto sarà sviluppato con la Sempre nell’ambito del XX Giugno, inaugurata la restaurata lapide a Francesco G uar dabassi, patriota morto nel 1871, affissa nell’omonima via al civico 12, Presenti alla cerimonia il sindaco Andrea Romizi, il vice sindaco Gianluca Tuteri, l’assessore Gabriele Giotioli. Carlo Dalla Chiesa della ditta finanziatrice del restauro Tim ed Andrea Galli in rappresentanza della loggia F.Guardabassi del Grande oriente d’Italia. il restauro è stato eseguito tecnicamente dallo studio Forme snc di Riveli&C. «Uno dei personaggi più illustri della città a livello politico tanto che fu da molti definito il babbo dei perogini», ha detto Giottoli. Ri.Ga.

ALLEGATI


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.