Oltre il coronavirus. Il Gran Maestro Stefano Bisi intervistato da Giuliano Bertelli di Mgo Visual Studio/Video

Che cos’è la Libera Muratoria? Qual è stato il suo ruolo nel Risorgimento e qual è il suo ruolo oggi? Come ci si sente alla guida di quell’enorme vascello spirituale che è il Grande Oriente d’Italia, la principale istituzione  massonica italiana? Ma soprattutto, che cosa dobbiamo aspettarci dalla nuova era che si profila all’orizzonte dopo la fine dell’emergenza Covid-19? Sono alcune delle domande poste al Gran Maestro Stefano Bis nel corso dell’intervista i realizzata in collegamento telefonico da Giuliano Bertelli per Mgo Visual. Di previsioni, ha detto il Gran Maestro, soffermandosi sul difficile momento che stiamo attraversando, ne sento tutti i giorni e tante. Invidio coloro che hanno certezze su quello che succederà. Bisogna non farsi prendere dalla ricerca delle certezze in una fase di assoluta incertezza come questa. Dobbiamo piuttosto riscoprire e coltivare, è stato il suo invito, l’arte della pazienza, la pazienza attiva, che ci permette di superare i problemi di ogni giorno. Le tornate rituali delle logge sono sospese, ha riferito poi Bisi, soffermandosi a parlare del modo in cui il Grande Oriente sta vivendo questa fase. Ma i fratelli, ha sottolineato, continuano a sentirsi. Usano le nuove tecnologie per restare in contatto.  Molti  si sono impegnati in iniziative solidali e certo la preoccupazione per quello che sarà il futuro di ciascuno è diffusa. C’è preoccupazione, ha proseguito il Gran Maestro, ma vedo anche tanta voglia di fare e continuare il percorso massonico e tutti siamo  nell’attesa che ci dicano che possiamo ricominciare e riprendere la nostra normale attività e nell’attesa dell’appuntamento con la prossima  Gran Loggia, che si terrà l’11, 12 e 13 settembre.

Replicando a Bertelli,  Bisi ha  ripercorso la storia della Massoneria italiana dal Risorgimento alle persecuzioni subite durante il fascismo fino  alla P2 e raccontato di come e quando entrò nel  Grande Oriente, sintetizzando attraverso le parole del fratello Mario Calvino, padre di Italo, gli scopi della Libera Muratoria, che sono soprattutto, ha ricordato, difendere il Libero Pensiero e  operare per il bene dell’Umanità.  La Massoneria, ha anche spiegato il Gran Maestro , non è schiava del tempo, ma opera nel suo solco. E’ per questo che è sempre attuale e continua ad avere appeal. Anche in questi giorni, ha riferito, c’è chi si mette in contatto con noi attraverso il nostro sito perché vorrebbe far parte della nostra Comunione.



5 commenti a “Oltre il coronavirus. Il Gran Maestro Stefano Bisi intervistato da Giuliano Bertelli di Mgo Visual Studio/Video

  1. Bella intervista, sempre piacevole e misurato il Gran Maestro Stefano Bisi, ma veramente esemplare e professionale il giornalista Giuliano Bertelli che ha posto domande pertinenti e molto interessanti per coloro che vogliono porsi in ascolto dei differenti punti di vista nell’affrontare questo periodo imprevisto e alquanto anomalo ,che fa rivalutare come il solo poter uscire a fare una passeggiata senza doversi coprire il volto e munirsi di un’autocertificazione valida a giustificare la propria uscita ,non è una cosa da darsi per scontata a priori.

  2. L’assoluta – e ripeto “assoluta” – libertà di pensiero che rappresenta uno degli obiettivi principali della formazione massonica è la garanzia di un lavoro teso alla conquista dei migliori risultati nel procedere della vita di tutta l’umanità, grazie anche alla coerenza della diffusione del lavoro massonico in tutto il mondo. E’ questo obiettivo quello che viene attualmente percepito dall’umanità contemporanea nella prospettiva di un periodo di “dopo virus” che si presenta del tutto imprevedibile, foriero di nuovi problemi e- con la loro soluzione – di nuove opportunità. E’ un momento stupendo per la massoneria contemporanea, pur nella segregazione cui è costretta con la chiusura delle logge, perché la ricchezza ed il coraggio delle idee conquistati con la costanza di un lavoro continuo e privo di condizionamenti dovuti alla pressione del denaro, del potere, della convenzionalità sociale. Sono convincenti a questo proposito le parole del Gran Maestro Bisi, la cui competenza professionale di giornalista rende ancora più facile la lettura degli avvenimenti nella loro essenza attuale e nella loro dinamica futura. Grazie, Gran Maestro, per la ricchezza del messaggio che ci hai lanciato in questa intervista !

  3. Sono perfettamente d accordo con Il GMV . È la prima volta ,dopo 80 anni, che gli italiani vedono e scoprono un nemico Nella propria Nazione, nella propria Regione nella propria città,nella propria casa e questo ha destabilizzato il loro tran tran quotidiano. Solo oggi , pur avendo vissuto in un mondo Perennemente in guerra da quelle più vicine dei Balcani a quelle arabe a quelle silenti dell Africa, ci si accorge di cosa significhi difendersi ma nel contesto specifico la mancanza visiva di un nemico in carne ed ossa molti perdono il senno sulla luna. Gridano in molti com i dannati di Dante frasi e desideri da tempo di pace. In tal situazione , Con i molti, che per una ragione o per l altra, soffiano sul fuoco delle sterili polemiche e richieste spero ,come Stefano, che il Comandante del veliero sappia governare con saga ia e pazienza la nave. Perché oggi ci vuole discernimento,solidarietà e pazienza per uscire da questa guerra.

    invisibile lasciando la

    L accertamento dei vari “complottismi” ad una seconda stagione quando,cioè, il sole sorgerà di nuovo ad est.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.