I massoni sfidano l’antimafia: ridateci gli elenchi o chiederemo i danni | Globalist

Il Grande Oriente d’Italia ha mandato una lettera in cui si minacciano azioni legali. La nota, apparentamente algida e formale, è in realtà un atto di sfida verso un’istituzione parlamentare che ha i poteri dell’autorità giudiziaria. Ma è evidente che si tratta di una battaglia politica che è appena cominciata e sulla quale la massoneria italiana (anche nei differenti Ordini) pensa di contare su una serie di appoggi trasversali.
Il Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani ha infatti fatto sapere che è stata inviata, tramite posta certificata, una istanza di revisione alla Commissione Antimafia “finalizzata alla richiesta di annullamento e/o di revoca del provvedimento di perquisizione e sequestro emesso dalla Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle associazioni criminali, anche straniere, a firma della Presidente Rosy Bindi ed eseguito lo stesso giorno dal Servizio centrale di investigazione sulla criminalità organizzata (Scico) della Guardia di Finanza”…. continua su Globalist



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.