L’insolita partenership tra la Massoneria e il Coni/L’Unione Sarda

Cagliari L’insolita partenership tra la Massoneria e il con

Massoneria sarda da una parte, Coni dall’altra: partnership insolita per un progetto che unisce prevenzione e solidarietà. La prima ha donato undici defibrillatori destinati ad associazioni o impianti sportivi che ne sono sprovvisti e non hanno la possibilità di accollarsi il costo, la seconda è pronta a sostenere le spese per i corsi di formazione necessari al loro utilizzo. Conferenza stampa storica per il collegio circoscrizionale dei Maestri venerabili del Grande Oriente d’Italia. Forse l’unica finora tenuta: una svolta dalla tradizionale riservatezza.

SOLIDARIETÀ E PREVENZIONE. «Il pregiudizio fa più notizia dell’incessante opera filantropica che rappresenta una delle componenti della nostra attività», premette Giancarlo Caddeo, presidente del Collegio dei Maestri Venerabili. È lui a illustrare i dettagli dell’iniziativa “Un’Isola nel cuore”, che prevede la donazione al Coni di undici dispositivi salvavita, del valore complessivo di quasi quindici mila euro. Sarà il Comitato regionale a distribuirli ad altrettante società, associazioni, o impianti. «L’obiettivo è creare una sana cultura sportiva», sottolinea Caddeo. «Il Grande Oriente d’Italia ha sempre sostenuto l’aspetto educativo e formativo dell’attività sportiva, che concorre allo sviluppo di coerenti comportamenti relazionali e rappresenta un prezioso supporto per il bene e il progresso dell’umana famiglia». Al suo fianco il presidente del Coni Gianfranco Fara: «Abbiamo accettato con entusiasmo questa importante donazione. Adesso ci adopereremo con apposito bando a individuare le società alle qualiconsegnarli. Troppi ragazzi continuano a morire per arresto cardiaco».

PREGIUDIZI E APERTURA. Firmato il protocollo manca solo la consegna, prevista per il 10 maggio, sempre nella sede della Casa massonica, in piazza Indipendenza. «Abbiamo deciso di incontrarci qui per dimostrare che è una casa aperta a tutto ciò che agevola l’umanità, e non un contenitore al cui interno si stringono accordi a danno dell’uomo», chiarisce Caddeo. «I tempi ci obbligano a rendere noto ciò che facciamo: non comunicare significa farsi relegare all’angolo del pregiudizio che ci consegna a situazioni omertose e oscure. Siamo vittime di pregiudizi, è innegabile, così come il fatto che su novecento iscritti alla Massoneria in tutta l’Isola mi è capitato il medico avido, l’avvocato cinico, il commercialista spregiudicato, o l’ingegnere volutamente non accorto nelle progettualità. Ma succede in qualsiasi associazione», evidenzia. «In una giornata come questa cerchiamo di essere ricollocati in una forma di pregiudizio tollerabile». Sara Marci

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.