“L’Arte della Bellezza. La Bellezza dell’Arte”, al via le celebrazioni per il XX Settembre e l’Equinozio d’Autunno

Il Grande Oriente ha dato via il 18 settembre alle celebrazioni dell’anniversario della Breccia di Porta Pia e dell’Equinozio d’Autunno con l’inaugurazione di una mostra dal titolo Al Vascello con Leonadro, dedicata al massimo genio italiano, di cui quest’anno ricorre il cinquecentesimo anniversario della morte, avvenuta in Francia ad Amboise il 2 maggio 1519. “L’Arte della Bellezza. La Bellezza dell’Arte” è il tema generale della manifestazione che proseguirà fino al al 21 settembre  al Vascello, sede nazionale del Grande Oriente al Gianicolo, che vedrà alternarsi nomi di grande risonanza del mondo del giornalismo, della politica, della cultura, dell’arte. Ferruccio de Bortoli, Luciano Violante, Maria Latella. Francesco Rutelli, Andrea Purgatori,  Umberto Croppi, Gianfranco Maraniello, Vittorio Sgarbi, Peppe Servillo, solo per citarne alcuni, saranno i protagonisti di incontri, dibattiti, spettacoli.

Tutti gli eventi in programma sono a ingresso libero.

Ecco il Calendario degli appuntamenti

18 settembre

Omaggio a Leonardo con una mostra

Ore 18. Apertura delle celebrazioni del XX Settembre e dell’Equinozio d’Autunno con l’inaugurazione della mostra, dal titolo “Al Vascello con Leonardo”, visitabile fino al 29 settembre, eccetto domenica 22, con ingresso libero e gratuito (9:30-13 e 14-17), allestita su iniziativa del Grande Oriente d’Italia in collaborazione con  il  Mumec,  il  Museo  dei  Mezzi  di Comunicazione di Arezzo e arricchita anche da un prezioso catalogo. Interverrà  il curatore  Fausto Casi, direttore scientifico del museo aretino, che si soffermerà in particolare a illustrare i 60  disegni, che  Leonardo eseguì per l’opera  “De Divina Proportione” del frate francescano Luca Pacioli, poliedri “solidi, vacui, tagliati e stellati”, una selezione dei quali, riprodotta in legno e accompagnata dalle rispettive tavole, sarà esposta nella sede del Grande Oriente. Casi, nel corso della sua conferenza, illustrerà anche la vite aerea di Leonardo, di cui sarà  messa in mostra una  riproduzione. 

19 settembre

Libri al Vascello con lo storico Zarcone e la scrittrice Cibrario. E ancora in scena Leonardo con lo spettacolo- conferenza di Vittorio Sgarbi

Ore 17,30.  “La mezzaluna e il compasso. Islam e massoneria dall’attrazione all’avversione” dello storico Thierry Zarcone è il volume di cui insieme all’autore parleranno il professore e iconologo Mino Gabriele, l’italianista Eugenio Viola e l’editore Alessandro Orlandi. Si tratta di uno studio che offre anche scoperte importanti sulla elaborazione di una Massoneria islamica e sull’introduzione del Corano nelle logge.

Ore 19.  La scrittrice Benedetta Cibrario presenterà  il volume “Il rumore del mondo”, con il quale è arrivata finalista al Premio Strega 2019. Interverrà il maestro Marcello Panni e  introdurrà il bibliotecario del Grande Oriente d’Italia Bernardino Fioravanti, Gran Maestro Onorario.  Il libro racconta la saga di una donna inglese che si trasferisce a vivere in Italia e accetta di occuparsi del setificio del suocero. La storia si divide tra due paesi, l’Inghilterra della rivoluzione industriale e l’Italia del Risorgimento. È una narrazione di ampio respiro, in cui la scrittrice parla di anelito all’indipendenza e tenere amicizie, di lotta politica e svolte economiche. Un romanzo,  che, come “Il Gattopardo”, descrive il mondo di ieri per aiutarci a comprendere quello di oggi. Ingresso libero ad entrambi gli incontri.

Ore 21. Vittorio Sgarbi porterà in scena il suo Leonardo, raccontando in una sorta di spettacolo-conferenza le opere più celebri del grande artista e scienziato fiorentino.  La partecipazione è aperta a tutti.

20 settembre

Cerimonie al Gianicolo e a Porta Pia. Conversazione con Francesco Rutelli. Dibattito con De Bortoli, Violante, Latella

Ore 12. Tradizionale cerimonia a Porta Pia. Una rappresentanza del Grande Oriente d’Italia guidata dal Gran Maestro Stefano Bisi si ritroverà presso la lapide nelle Mura Aureliane che ricorda la storica battaglia della presa di Roma, simbolo dell’Unità d’Italia.

Ore 16. Celebrazioni del Grande Oriente presso i monumenti equestri ad Anita e Giuseppe Garibaldi sul Colle Gianicolo. Sarà presente il Gran Maestro.

Ore 17. Frammenti di storia. Ernesto Nathan, Ettore Ferrari e Mario Rutelli nella Roma del primo ‘900. E’ questo il tema della Conversazione con Francesco Rutelli. Con l’ex sindaco della capitale, nipote dello scultore Mario Rutelli, autore di moltissime opere che si trovano in Italia e all’estero, tra cui la fontana delle Naiadi in piazza Esedra a Roma e il monumento ad Anita Garibaldi al Gianicolo, si ricostruirà la storia di Roma attraverso i monumenti, l’arte e le politiche pubbliche dello Stato laico dopo la caduta dello Stato pontificio.

Ore 18 . Ripensare il Futuro. Dibattito con Ferruccio de Bortoli e Luciano Violante. Modererà Maria Latella. La discussione trae spunto dalle riflessioni contenute in due interessanti pubblicazioni dei protagonisti di questo incontro che esaltano il ruolo della democrazia: “Ci salveremo. Appunti per una riscossa civica” (Garzanti) di de Bortoli, ex direttore del Corriere della Sera e del Sole 24 Ore, e “Democrazie senza memoria” (Einaudi) di Violante, ex magistrato, già presidente della Camera dei Deputati e della Commissione Parlamentare Antimafia. Entrambi, attraverso una lucida analisi del meglio e del peggio d’Italia, lanciano la sfida di un futuro tutto da conquistare senza mai perdere la memoria di quando eravamo meno liberi e più poveri.

Ore 20. Esibizione in concerto del soprano Anne-Marie Faniel.

21 settembre

Dibattito su Arte,  Cultura e Società con Purgatori, Croppi, Maraniello. Cerimonia del Premio Treves.  Peppe Servillo on stage. E l’allocuzione del Gran Maestro Stefano Bisi

Ore 10,30. “Arte, Cultura, Società. Il Segno dei Tempi“ è il tema del dibattito che avrà come protagonisti  esperti in varie discipline. Porteranno contributi: Andrea Purgatori, giornalista e scrittore; Umberto Croppi, presidente della Fondazione La Quadriennale di Roma; Gianfranco Maraniello, storico dell’arte e direttore del Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto. Le conclusioni saranno del Gran Maestro Stefano Bisi.

Ore 17,30. Cerimonia di consegna delle borse di studio del Premio Giacomo Treves giunto alla 13esima edizione, rassegna biennale del Grande Oriente d’Italia che promuove studi specialistici inediti sulla Massoneria. Molte le opere in varie discipline valorizzate in questi anni. Il Premio è dedicato al massone Giacomo Treves, che partecipò all’impresa dannunziana di Fiume, le cui carte sono state donate al Goi dai figli Eugenia e Giorgio.

Ore 18. Musica e Parole, Peppe Servillo on Stage. L’attore darà vita a una performance tra musica e poesia all’interno della quale farà un omaggio a Totò con la lettura di una delle sue più celebri poesie ,“’A Livella”.

Ore 19. L’allocuzione del Gran Maestro Stefano Bisi.

ALLEGATI


11 commenti a ““L’Arte della Bellezza. La Bellezza dell’Arte”, al via le celebrazioni per il XX Settembre e l’Equinozio d’Autunno

  1. L’arte della Bellezza e la Bellezza dell Arte. Certo, non si poteva scegliere un tema più attuale….. L’arte e la Bellezza salveranno il mondo. E la massoneria italiana e sempre all lavoro!

    1. Sono d’Accordo ma appartiene solo a pochi eletti che camminano soli come i leoni tanti sono pecore che indossano maschere e privi di morale e di buon senso e di veri valori con un target sulla fronte e in vendita al miglior offerente

  2. In attesa della diffusione del programma vorrei sapere se dal 18 al 21 è di carattere pubblico e quindi se possibile aderire ai festeggiamenti. Grazie

    1. Gli eventi sono tutti pubblici e pertanto tutti possono partecipare. Il programma completo è ora on line. Grazie per l’attenzione

  3. Anche noi a Siena per il XX settembre 2020 (150° Presa Porta Pia) cercheremo se non di uguagliarvi certamente di imitarvi. Vogliamo Inserire nella toponomastica della nostra città la targa del XX settembre 1870 data dell’Unità d’Italia. Questo desiderio ha due motivazioni: manca nella toponomastica di Siena e di Siena era il Bersagliere Trombettiere Caporale Niccolò Scatoli che suonò la carica e per primo superò la breccia di Porta Pia nonostante fosse ferito fino alla successiva mutilazione della gamba sinistra. Questa orgogliosa storica commemorazione ci spinge alla opinabile riuscita della manifestazione nel contesto del 2020. Procederemo negli sviluppi e, se possibile, a notificare gli stati di avanzamento del progetto. W l’Italia, W la Massoneria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *