La festa di San Giovanni Evangelista, i Solstizi e la Massoneria

Il 27 dicembre è la festa di San Giovanni Evangelista, uno dei due  patroni della Massoneria insieme a San Giovanni Battista, la cui ricorrenza cade il 24 giugno. Figure simboliche che nella concezione esoterica coincidono con la conclusione rispettivamente del Solstizio d’inverno e del Solstizio d’ estate, eventi astronomici che durano alcuni giorni e che insieme agli Equinozi scandiscono  i lavori rituali massonici nell’arco di un anno segnando il ritmo delle attività degli uomini e la loro ricerca di armonia con il cosmo.

Il fenomeno del sole che apparentemente (perché è la terra a muoversi) raggiunge il punto di declinazione minima ( o massima in estate) sull’orizzonte est del pianeta e pare  fermarsi , sol sistere, appunto , per poi riprendere il suo cammino ascendente (o discenente),  è stato osservato e studiato fin dall’antichità e celebrato in tutto il mondo con feste e riti speciali. Tra le raffigurazioni artistiche piu celebri di tutti i tempi dei due Giovanni quello di Cimabue (San Giovanni Evangelista – Duomo di Pisa 1301- 1302) e di Leonardo da Vinci (San Giovanni Battista 1508-1513 Louvre).

Per approfondire leggi Erasmo n. 11 Dicembre 2020



2 commenti a “La festa di San Giovanni Evangelista, i Solstizi e la Massoneria

  1. Meraviglia assoluta, è da poco che mi sono imbattuta nei segni, nei simboli alchemici o forse sono sempre stati sotto i miei occhi e la vita mi ha dato una seconda possibilità di vedere e ricordare … Grazie. Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.