La Cappella Sansevero e il suo celebre Cristo velato come testimonianza di un principe ricco di cultura/L’Attacco

Raimondo di Sangro, principe di Sansevero (Torremaggiore, 30 gennaio 1710 Napoli, 22 marzo 1771), è stato un nobile, esoterista, inventore, anatomista, militare, alchimista, massone, mecenate, scrittore, letterato e accademico italiano, originale esponente del primo Illuminismo europeo. Personalità estremamente eclettica e poliedrica, Raimondo si dedicò a sperimentazioni nei più disparati campi delle scienze e delle arti, dalla chimica all’idrostatica, dalla tipografia alla meccanica, raggiungendo risultati che apparvero “prodigiosi” ai contemporanei. Conosciuto anche per antonomasia come “il Principe”, il nome di Raimondo è indissolubilmente legato alla Cappella Sansevero, il mausoleo di famiglia che riorganizzò e abbellì, in cui l’opera d’arte più significativa è certamente il celebre Cristo velato di Giuseppe Sanmartino. La Cappella Sansevero e il suo celebre Cristo velato come testimonianza di un principe ricco di cultura

ALLEGATI


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.