“Il tempo e l’acqua”. Il futuro del mondo secondo lo scrittore Andri Snær Magnason

Se le previsioni degli scienziati si rivelano esatte sul futuro degli oceani, dell’atmosfera e del clima, dei ghiacciai e degli ecosistemi delle coste di tutto mondo, dobbiamo chiederci quali parole potranno contenere questioni di tale portata. Quale ideologia può includerle? Che cosa dovrò leggere? “La letteratura ecologista – scrive il New York Times- ha trovato una nuova voce: Andri Snær Magnason, che con una prosa lucida ed essenziale unisce meraviglia, rigore scientifico e umorismo. Uno scrittore grandioso”, che combatte il cambiamento climatico, aggiunge il Guardian, con la forza delle parole.  Si intitola “Il tempo e l’acqua” il libro dell’autore islandese (in Italia appena pubblicato da Iperborea con la traduzione a firma di Silvia Cosimini), che racconta di Okjökull, un ghiacciaio che da tempi immemorabili si ergeva su quasi venti chilometri quadrati del suo del suo paesee, oggi misera striscia di ghiaccio inerte…Intrecciando storie di famiglia, conversazioni future tra figlie e pronipoti, interviste al Dalai-lama, incursioni nella poesia scaldica e in quella romantica, scoperte di nessi inaspettati, come quello tra Auðhumla e Kamadhenu, mucche ancestrali di mitologie tra loro lontane, Magnason ci illustra i dati scientifici, li immerge nel patrimonio culturale comune per investirli di senso, e aiutarci a fare un piccolo passo più in là.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.