Il 23 aprile festa mondiale del libro. Sul web inedita maratona di letture tratte dai grandi capolavori

Nel 1995 su iniziativa dell’Unesco il 23 aprile si festeggia in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Libro e del diritto d’autore. Un’idea, nata in Spagna nel 1926, dove a lanciarla fu lo scrittore valenziano Vincent Clavel Andrés, che convinse il re Alfonso XIII, a istituire la ricorrenza. Inizialmente fu scelta come data il 7 ottobre, ma poi, già dal 1931 si decise di fare coincidere l’omaggio alla lettura con la popolare festa catalana di San Giorgio e cominciò a prendere piede tra i librai della Catalogna l’usanza di donare rose alle signore che acquistavano libri.  Il 23 aprile, per altro, è il giorno in cui nel 1616 l’umanità perse  tre grandi protagonisti della letteratura mondiale lo spagnolo Miguel de Cervantes (1547-1616), l’inglese William Shakespeare (1564-1616) e il peruviano Inca Garcilaso de la Vega (1539-1616). Di qui la scelta della data fatta dall’Unesco. Va detto, comunque, che  Cervantes e Garcilaso de la Vega sono morti il 23 aprile secondo il calendario gregoriano mentre Shakespeare è morto il 23 aprile secondo il calendario giuliano, all’epoca ancora in vigore in Inghilterra, e quindi dieci giorni dopo.

In questi tempi di coronavirus il mondo festeggerà i  libri online. Tra le molteplici iniziative, segnaliamo la imperdibile la maratona letteraria che si terrà in streaming  a partire dalle ore 11 sulla piattaforma www.capolavoridellaletteratura.org.

Un evento organizzato dalla Fondazione De Sanctis con il Centro per il libro e la lettura del Mibact, che coinvolgerà numerosi esponenti della cultura italiana come Corrado Augias, Maurizio de Giovanni, Nicola Lagioia, Claudio Magris, Marco Missiroli, Emanuele Trevi, Sandro Veronesi, e al quale a dare inizio saranno il Presidente del Senato della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati, il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, il vice Ministri per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale Marina Sereni, l’Ambasciatore degli Stati Uniti d’America in Italia Lewis M. Eisenberg, l’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania in Italia Viktor Elbling e l’Ambasciatore britannico in Italia Jill Morris.

Intanto una pioggia di libri attende i fratelli che parteciperanno alla prossima Gran Loggia, Uniti nelle diversità, che si terrà l’11, il 12 e il 13 settembre. Opere. Una vera full immersion nella cultura, a firma del Servizio Biblioteca del Grande Oriente, che toccherà come sempre vari settori dall’esoterismo, alla storia, alla filosofia, alla letteratura. (Vedi Erasmo n. 3 Aprile 2020)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.