I pilastri della Costituzione. Conversazione a Rimini con il presidente emerito della Consulta Flick/Il video

“Eguaglianza e diversità nella Costituzione: il difficile cammino verso la pari dignità sociale”. E’ il tema che affrontò durante la Gran Loggia 2019 il presidente emerito della Consulta Giovanni Maria Flick in una conversazione con il giornalista Alessandro Barbano.

La costituzione, ebbe a ricordare Flick, non è un mero contratto tra le parti, ma è un documento, scritto con una semplicità sconcertante, un documento che non è piovuto dall’alto ma è salito dal basso, nato dalla fame, dal freddo, dal sacrificio, dalla Resistenza, dalla liberazione dal nazismo e dalla rimozione – che non è stata facile- del fascismo. Un documento, scaturito dal dialogo e dal confronto.

Nel salutare il celebre giurista, il Gran Maestro ricordò i grandi liberi muratori del passato come Meuccio Ruini, che presiedette la commissione dei 75, che ebbe l’incarico dall’Assemblea Costituente di scrivere la Costituzione e il grande Piero Calamandrei, che nel suo famoso discorso sulla Costituzione disse: “Finché ci saranno ostacoli alla dignità dell’uomo, la Carta sarà incompiuta”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.