Giordano Bruno e la fiamma della libertà. Videomessaggio del Gm

In un videomessaggio in cui si rivolge ai Fratelli, il Gran Maestro Stefano Bisi ricorda Giordano Bruno, arso vivo per eresia in Campo de’ Fiori a Roma il 17 febbraio del 1600, invitando tutti i liberi muratori  a rievocare in catena d’unione il martire del libero pensiero e ad accendere una candela alla sua memoria alle 21 del giorno dell’anniversario del rogo. “Questa candela -ha detto il Gran Maestro- deve alimentare il fuoco della libertà. Il coraggio non trema e questa fiamma della libertà non la spegneranno gli inquisitori del terzo millennio”,



3 commenti a “Giordano Bruno e la fiamma della libertà. Videomessaggio del Gm

  1. Giordano Bruno eroe e martire della libertà di pensiero. Esempio luminoso di volontà, coerenza, personalità fino alla estrema conseguenza della propria vita: non certo un ipocrita occultato dietro alla censura di un “politicamente corretto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.