Francia, raid contro tempio massonico a Tarbes. Il ministro dell’Interno ha condannato l’episodio

Nella notte tra sabato e domenica scorsi un gruppo di “gilet jaunes”, secondo quanto ha riferito il quotidiano Le Figaro, si sarebbero introdotti in un tempio massonico, devastandolo. Un episodio, che il prefetto des Hautes-Pyrenees, Brice Blondel, ha condannato con forza definendolo “un’aggressione contro la Repubblica” e sul quale è stata aperta un’inchiesta.

Si tratta di “un atto di vandalismo” e “sarà fatto tutto il possibile per trovare gli autori e sanzionarli con severità”, ha sottolineato ancora il prefetto, dopo il sopralluogo al tempio, nel corso del quale ha anche consegnato un messaggio di sostegno . “E’ un’aggressione contro la Repubblica. Dinanzi a un attacco a un’istituzione come questa dinanzi non si può restare passivi”, ha detto ai giornalisti.

Secondo le ricostruzioni della stampa locale il raid è stato messo a segno verso mezzanotte “mentre c’erano solo un centinaio di giubbotti gialli nel centro di Tarbes”. Un uomo mascherato ha divelto il citofono dalla loggia massonica del Grande Oriente di Francia. Prima di entrare nell’edificio ha aperto il cancello, poi ha infranto le finestre. 

Il sindaco di Tarbes, Gérard Trémège, ha stigmatizzato il gravissimo gesto contro quello che ha definito “un luogo simbolico come lo sono i cimiteri degli ebrei o l’Arco di Trionfo”. Quello che è accaduto  sabato sera è “un calcio dato alla Repubblica”, ha osservato. Immediata anche la reazione del Ministro degli Interni francese Christophe Castaner che ha condannato l’accaduto con un tweet: “Dopo gli ebrei, i massoni … quando la stupidità rivaleggia con la più sporca intolleranza…”, sono state le sue prime parole.

http://www.lefigaro.fr/flash-actu/temple-maconnique-degrade-a-tarbes-une-agression-contre-la-republique-prefet-20190311?fbclid=IwAR1Qd5B1lpx-tuokQBnZRJGKrASKCEvBa3g5RzF40a7VeYt8Wuj2zZcDF-g



2 commenti a “Francia, raid contro tempio massonico a Tarbes. Il ministro dell’Interno ha condannato l’episodio

  1. Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare»

  2. Ahi, Ahi ricominciamo : all’inizio del fascismo e del nazismo si sono già viste queste cose: ATTENZIONE stiamo prendendo una china MOLTO PERICOLOSA. Bisogna istruire i giovani facendogli studiare bene la storia e le cause che hanno portato ai totalitarismi di ogni specie e forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.