Cassazione: nessuna diffamazione dal Gran Maestro Onorario Perfetti, l’ex procuratore di Palmi Cordova dovrà pagare le spese

Dopo sei  anni di processi in vari gradi di giudizio si è conclusa la vicenda che ha visto imputato per diffamazione a mezzo stampa Antonio Giancarlo Perfetti, Gran Maestro Onorario del Grande Oriente d’Italia  nei confronti del magistrato Agostino Cordova, l’’ex procuratore capo di Palmi che negli anni ’90 coordinò un’inchiesta che riguardava la massoneria in tutta Italia. Ancora una volta, oggi,  presso la prima sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, la difesa dell’avvocato Antonio Perfetti, rappresentata dagli avvocati Enzo Belvedere del foro di Cosenza e Renato Vigna del foro di Palmi, ha dimostrato che non vi fu diffamazione in quanto Perfetti nel criticare, pur aspramente, l’operato del Cordova, è rimasto nei limiti del diritto di critica, nel caso di specie giudiziaria, la cui esimente è prevista dall’articolo 51 del codice penale. La Suprema Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso proposto dal difensore dell’ex procuratore Cordova, condannando lo stesso alle spese di giudizio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.