Bari. Premio “Franco Balacco” a due studenti del Conservatorio Piccinni

Lunedì 28 ottobre nella Saletta dell’Auditorium del Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari intitolata al grande Maestro Nino Rota, si è svolta la Cerimonia di consegna delle due Borse di Studio offerte dall’Associazione “Franco Balacco” di Bari, Loggia appartenente al Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

Alla presenza di un folto pubblico, la commissione, formata da eminenti personalità del campo musicale italiano, insieme al Dott. Dino Arnese maestro venerabile della “Franco Balacco” e di Luigi Fantini Presidente del Collegio Circoscrizionale della Puglia hanno consegnato due Borse di Studio del valore di € 1.000,00 ciascuna a due studenti del Conservatorio Piccinni che hanno presentato elaborati inerenti il tema assegnato nel bando “Il percorso massonico dei musicisti pugliesi”.

Fra gli elaborati pervenuti sono risultati vincitori l’italiana Stefania Maria Teresa Gianfrancesco con “Una lettura de IL Mondo della Luna” di G. Paisiello e il cinese Ma Yumeng con “Aspetti massonici negli Zingari in fiera” sempre del tarantino G. Paisiello.

Nel secolo dei Lumi la massoneria rappresentò il più nobile slancio verso la conoscenza e la filantropia. La rete creata dalla committenza massonica interessò ogni campo dell’arte e del sapere e assicurò una straordinaria circolazione di idee. La curiosità per la ricerca fu uno dei tratti salienti e, allora come oggi, contrassegna l’impegno delle Logge mirato all’ampliamento della conoscenza.

 In Italia la ricerca musicologica si pone come una delle eccellenze riconosciute in tutto il mondo e duole constatare che i pochi premi ad essa rivolti non sono più attivi (premio città di Latina, premio Silvestro Sasso di Bari, premio Principe Ruspoli di Vignanello).

Il premio ”Franco Balacco” risulta viepiù prezioso in quanto ad oggi rappresenta l’unico riconoscimento per le nuove leve della ricerca musicologia e l’averlo istituito fa onore alla Loggia “Franco Balacco” di Bari, al Collegio Circoscrizionale della Puglia e al Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.