Attraverso i Pensieri di Marco Aurelio alla riscoperta della spiritualità occidentale

Il libro dei Pensieri di Marco Aurelio, capolavoro dell’Imperatore Filosofo, ultimo epigono del neostoicismo romano, è un bestseller evergreen, che resta sempre saldo nella top ten della classifiche dei libri più venduti in tutto il mondo. Le sue sono riflessioni morali, rivolte a sé stesso (Τὰ εἰς ἑαυτόν), che invitano al raggiungimento dell’equilibrio, alla realizzazione di una sorta di cittadella o tempio interiore, nel quale cercare riparo dagli agenti esterni (gli eventi del fato) e interni (le passioni), che sono sempre causa di sofferenza e turbamento se non vengono controllati e accettati dalla ragione.

Perenne attualità dei contenuti e immediatezza della forma espressiva hanno garantito nei secoli fama costante a questa opera letteraria, che è un vero e proprio capolavoro,  che Marco Aurelio (121 d.C  180 d.C) scrisse in greco,  e che ripercorrono gli ultimi 12 anni della vita interiore dell’autore, che esamina – in un quadro di riferimento etico e filosofico di impostazione stoico-cinica – il passato, la propria condotta, la corrispondenza delle azioni da lui compiute con i princìpi che le ispiravano. Gli slanci verso l’infinito, le angosce esistenziali, i bisogni metafisici alimentati o incrinati dalle consapevolezze terrene, l’ansia di liberazione spirituale, il desiderio di interiorità come “rifugio” nella temperie della vita sono segni eloquenti di un intimo colloquio dell’anima con se stessa.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.