Massoneria. Grande Oriente, “Antimafia è gip e pm” “Tanta gente a incontri è risposta a chi ci vuole cancellare”/ANSA

(ANSA) – ROMA, 18 OTT – “Riteniamo che la Commissione Antimafia abbia commesso un abuso nei nostri confronti. Come ha detto pochi giorni anche Davide Monti, un magistrato in servizio, gli elenchi non si sequestrano a nessuno, a nessuna associazione. I parlamentari di questa Repubblica e anche i parlamentari europei dovrebbero riflettere su questo strumento”. Lo ha detto in visita a Scampia, ieri sera, il Gran Maestro del Grande oriente d’Italia, Stefano Bisi. “La commissione antimafia – ha affermato Bisi – ha gli stessi poteri e limiti dell’autorità giudiziaria, ma solo in teoria. Se infatti il potere dell’Autorità Giudiziaria, che è costituita dal Pm, che esercita l’azione penale nei confronti delle persone indagate, e dal giudice che valuta le accuse mosse dal Pm, ascolta la difesa e decreta se debba essere celebrato il procedimento oppure no, è bilanciato, quello delle commissioni d’inchiesta, che possono anche utilizzare la polizia giudiziaria, come ha stabilito una storica sentenza della Consulta, è senza limiti. L’Antimafia è gip e pm al tempo stesso. C’è un corto circuito”. “E’ per questo”, ha ribadito il Gran Maestro, “che ci siamo presentati anche davanti alla corte europea”. “Vogliamo tutelare e difendere – ha detto – non solo la nostra Istituzione, ma la libertà di tutti i cittadini. Non si tratta di essere garantisti o giustizialisti, che sono due categorie dello spirito che respingo, il problema è un altro. Abbiamo una Costituzione che va rispettata”. “Accadde qualcosa di simile – ha ricordato il Gran Maestro – agli albori del Fascismo, che perseguitò la MASSONERIA definendola il “cancro della società” e nel 1925 la mise al bando con una legge, che assomiglia molto alle proposte presentate nei mesi scorsi, che riguardava appunto le associazioni. Noi continuiamo a fare il nostro lavoro – ha concluso Bisi – a organizzare momenti di cultura. Ai nostri incontri viene tanta gente, c’è sempre tanta partecipazione. Sono la nostra risposta a chi ci vorrebbe cancellare”. (ANSA).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.