A Crotone due giorni dedicati a “Pitagora”, meeting delle logge e un convegno

Venerdì pomeriggio 9 ottobre presso la sala convegni del complesso “Convivio di Hera” in cui è stato appositamente allestito il Tempio, si è svolta la tornata rituale delle logge intitolate a Pitagora provenienti da tutta Italia e dalla Romania. All’incontro hanno partecipato circa 200 Fratelli tra i quali i Gran Maestri Onorari del Goi Ernesto d’Ippolito, Giuseppe Lombardo e Antonio Perfetti, il Presidente del Collegio della Calabria Marcello Colloca, molti altri Grandi Dignitari e Maestri Venerabili. Durante i lavori è stata illustrata la suggestiva tavola Ade Pitagorico di Carlo Ripolo e Francesco De Siena accompagnata dalla magia musicale del flauto di Antonio Santoro con il coinvolgimento di 10 tra dignitari e ufficiali della Loggia che l’hanno declamata agli astanti. Numerosi sono stati gli interventi che hanno sottolineato la profondità e l’originalità del lavoro, e la esoterica atmosfera creatasi in quella bellissima sala e che ha accompagnato tutta la tornata. L’ex maestro venerabike Pasquale Scalise ha esortato le logge pitagoriche a non interrompere questa catena di incontri stante il perdurante stato di grave crisi dei valori etici, sociali e religiosi. Il Maestro Venerabile ha consegnato il pregevole Gioiello di Loggia coniato per l’occasione da un noto maestro orafo crotonese a tutte le Logge Pitagoriche presenti e ai Gran Dignitari del GOI e ha chiuso i lavori alle 21.00. Ai lavori rituali è seguita una originale agape sissiziale alla quale hanno partecipato anche gli accompagnatori dei Fratelli.Una delegazione di 10 persone della loggia “Pitagora”  (968)  di Jesi ha partecipato al meeting. Grande soddisfazione per maestro venerabil Flavio Federici e dell’ex Stefano Vannini che lo scorso anno avevano organizzato con successo a Jesi la prima edizione del raduno. Due giorni intensi.  Ora si attende di sapere dove di terrà l’attesissima terza edizione.
Il giorno successivo, sabato alle 18.30, presso il Teatro Apollo della città, in una sala gremita da oltre 600 persone, nonostante le avverse condizioni meteorologiche, si è tenuto il convegno dal titolo “Pitagora riparte da Crotone. Attualità del pensiero pitagorico e sua proiezione nel futuro” con il patrocinio del Goi, della Regione Calabria, della Provincie e del Comune di Crotone. Dopo il saluto alla bandiera con una emozionante scenografia, il Maestro Venerabile ha aperto i lavori sottolineando la relazione tra Pitagora e il suo territorio che, ad oggi, non è ancora riuscito a dare il giusto risalto al Grande Maestro conosciuto da tutto il mondo e richiamare nel suo nome un flusso di turismo culturale che darebbe una sferzata all’economia locale. L’ex Maestro Venerabile e coordinatore del comitato organizzatore Pasquale Scalise ha invitato a riannodare quel filo tra Pitagora e il territorio che ha ospitato la sua scuola. Il Sindaco di Crotone. Peppino Vallone, ha portato il saluto della Città e ha convenuto  sulla necessità di dare risalto al nostro personaggio anche per riconvertire la locale economia da industriale e turistico-culturale. Il Presidente della Regione Calabria  Mario Oliverio e l’Assessore regionale all’Ambiente Antonella Rizzo hanno inviato un messaggio di saluto a tutti i convegnisti. Anche il maestro venerabile della gemellata “Pytaghoras” (8) di Atene ha fatto sentire la vicinanza dei Fratelli greci.Il tema del convegno è stato affrontato e svolto dai relatori moderati dal Presidente del Collegio calabreseMarcello Colloca intervallato dalla musica di quattro musicisti diretti da Antonio Santoro.Inoltre, a cura dell’Associazione Italiana di Filatelia Massonica, è stato realizzato, per l’occasione, un annullo speciale con relativa busta celebrativa della manifestazione. Alle 21.30, dopo la chiusura dei lavori, si è tenuta una cena di gala presso Il Lido Degli Scogli alla quale hanno partecipato fratelli, accompagnatori, relatori e autorità. L’incontro conviviale è terminato alle ore una.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.