70 anni fa entrò in vigore la Costituzione. Alla sua stesura contribuirono anche i liberi muratori

La Costituzione della Repubblica Italiana è la legge fondamentale dello Stato italiano e occupa il vertice della gerarchia delle fonti nell’ordinamento giuridico della Repubblica. Fu approvata dall’Assemblea Costituente il 22 dicembre del 1947 e propromulgata dal capo provvisorio dello Stato De Nicola il 27 dicembre seguente, fu pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 298, edizione straordinaria, dello stesso giorno, ed entrò in vigore il 1º gennaio 1948. Consta di 139 articoli e di 18 disposizioni transitorie e finali. A elaborarla fu una commissione ad hoc, costituita da 75 membri, presieduta dal grande giurista e massone Meuccio Ruini (Reggio Emilia 14 dicembre 1877- Roma, 6 marzo 1970), che nel 1953 divenne presidente del Senato e dal 1963 senatore a vita. Essa si fonda su valori, come libertà, uguaglianza e fratellanza, per i quali i liberi muratori si sono sempre battuti. Il testo originale è conservato a Palazzo Giustiniani, storica sede del Grande Oriente d’Italia.



1 commenti a “70 anni fa entrò in vigore la Costituzione. Alla sua stesura contribuirono anche i liberi muratori

  1. Ritengo, ma non ne sono certo, che anche Pietro Pancrazi
    Letterario e critico Cortonese
    A cui si deve la sua consulenza fu richiesta dall’Assemblea Costituente al fine di trascrivere in lingua formalmente e stilisticamente corretta la Costituzione della Repubblica Italiana.
    Sia stato una emerita’ personalita’ sicuramente vicina alla massoneria da essere mensionato.
    Un po’ come Fra Elia Coppi che tradusse per gli umani la regola di San Francesco ed a cui e’ opportunamente titolata la Casa Massonica di Cortona,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *