(Vivere Jesi) Il convegno ‘Pitagora, esoterismo dei numeri come forma dell’infinito’ fa il pieno di pubblico

“Questo teatro gremito soprattutto da giovani è la prova della vitalità e dell’alto livello culturale della massoneria italiana, capace di far vibrare con la purezza dei suoi esempi e dei suoi gesti il monocorde della storia”.

Con queste parole Stefano Bisi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, ha concluso il convegno “Pitagora, esoterismo dei numeri come forma dell’infinito” in occasione del meeting nazionale delle logge pitagoriche organizzato dal Circolo Ernesto Nathan con il patrocinio del Collegio dei Venerabili delle Marche, al Teatro Valeria Moriconi con personalità del calibro di Alessandro Cecchi Paone. Stefano Vannini, venerabile della Loggia Pitagora di Jesi, ha aperto i lavori ringraziando i presenti e ricordando che il teatro Moriconi, dove oggi campeggia una lapide a memoria di Giordano Bruno, fu un tempo sede dalla locale Inquisizione. Il professor Cecchi Paone, moderatore del dibattito, ha sottolineato l’attualità della lezione Pitagorica come codice aureo di comportamento morale per tutti gli uomini che decidono di intraprendere il cammino iniziatico. ( continua a leggere l’articolo completo su “Vivere Jesi” )



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.