Un secolo di Massoneria. Milano: la R.L. “Giosuè Carducci” compie cento anni.

All’interno della cornice in stile simil impero con contaminazioni di art nouveau della sala Washington del Marriott Hotel di Milano, nella mattinata di sabato 9 novembre, la R.L. “Giosuè Carducci” n° 25 all’Oriente di Milano, in collaborazione con il Collegio Circoscrizionale dei MM.VV. della Lombardia, ha festeggiato il suo primo secolo di vita con una Tornata rituale in grado di Apprendista fortemente suggestiva.

Più di 390 Fratelli sono convenuti da diversi Collegi Circoscrizionali d’Italia: Piemonte – Valle d’Aosta, Trentino – Alto Adige, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Campania – Lucania, Puglia, Calabria e Sicilia, oltre alla Lombardia quale circoscrizione ospitante ed anche alcuni Fratelli dal vicino Canton Ticino, tra cui il Carissimo ed Illustrissimo Primo Gran Sorvegliante della Gran Loggia Svizzera Alpina, Fr. Mauro Rossi. Particolarmente numeroso anche l’Oriente, con quasi quaranta Carissimi ed Illustrissimi Maestri Venerabili, gli Ispettori Circoscrizionali, i Membri del Tribunale Circoscrizionale della Lombardia, l’Oratore del Collegio Circoscrizionale dei MM.VV. della Lombardia – Fr. Ugo Maspero, il vice Presidente del Collegio – Fr. Marco Finotti, il Presidente del Collegio – Fr. Enzo Liaci, il Consigliere dell’Ordine – Fr. Giorgio Mondina, diversi Garanti d’Amicizia, un Membro della Corte Centrale – Fr. Riccardo Fusco, alcuni Grandi Ufficiali, il Gran Segretario – Fr. Alberto Jannuzzelli, il Gran Tesoriere – Fr. Piero Lojacono, il Grande Oratore – Fr. Morris L. Ghezzi ed infine il Gran Maestro onorario – Fr. Pietro L.V.E. Spavieri.

Poco dopo l’apertura dei Lavori, un Fratello si è sentito poco bene. Immediatamente soccorso dai numerosi Fratelli medici presenti, è stato trasportato dal 118 presso il pronto soccorso dell’Ospedale san Carlo di Milano, dove dopo essere stato sottoposto a diversi esami, è stato dimesso nella serata.

Ripresi i Lavori e ricomposto l’eggregore, il M.V. della R.L. “Giosuè Carducci” n° 25 all’Oriente di Milano – Fr. Massimo E. Pica, che ha condotto i Lavori insieme a tutti i Dignitari ed Ufficiali dell’Officina, ha tracciato un breve excursus della storia della “Carducci” di Milano ed ha evidenziato uno dei significati che potrebbe avere il “Tesoro di Loggia” dopo cento anni dalla fondazione, mettendo in luce alcuni insegnamenti che si possono trarre dai FFr. Guido Ferraguti (primo M.V.), Vito Morgese, Pietro Bosio e Mario Tiengo, tutti membri della “Carducci” di Milano. Quale segno di continuità e di tradizione è da notare che ai Lavori hanno partecipato anche i Carissimi FFr. Andrea ed Edgardo Campane, nipoti di Edgardo Campane già membro della “Carducci” ed il Carissimo Fr. Giuliano Rotunno, figlio di Ettore che nel piè di lista del 1946 era Apprendista della “Carducci” di Milano. Al termine dell’intervento del M.V., la parola è stata concessa a quattro FFr. che hanno delineato i tratti principali che hanno contraddistinto la vita del Carissimo Fr. Giosuè Carducci, supportati dalle immagini curate dal Carissimo Fr. Gianfranco Brusa.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.