Roma 21 settembre 2007 – Massoneria: Il Grande Oriente d’Italia processa Garibaldi. Domani sabato 22 settembre a Villa Il Vascello “Processo a Garibaldi”.

Aver invaso, senza alcuna dichiarazione di guerra, un Regno legittimo, sovrano ed indipendente provocandone l’annessione ad un altro, con notevoli danni morali, civili ed economici per le popolazioni del mezzogiorno; aver compromesso lo sviluppo socio-economico delle floride regioni padane, gravandole del peso derivante dall’annessione delle arretrate regioni del Mezzogiorno; essere stato per decenni il principale punto di riferimento di tutti i tentativi ispirati all’empio proposito di mettere fine, con il ricongiungimento di Roma all’Italia, al plurisecolare potere temporale dei Papi : sono questi i principali capi di accusa che saranno mossi all’imputato Garibaldi Giuseppe nel corso del “Processo” che si svolgerà sabato prossimo 22 settembre, alle ore 10,30, a Villa il Vascello, sede del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

Un processo che vedrà quale Pubblico Ministero Roberto Gervaso, mentre il Collegio giudicante sarà presieduto dal senatore Valerio Zanone e composto, quali giudici a latere, dagli storici Massimo Teodori, e Fulvio Conti. La difesa dell’imputato sarà affidata allo storico Santi Fedele e allo scrittore Alessandro Meluzzi.

L’iniziativa si inserisce nelle celebrazioni per il XX settembre e per l’Equinozio d’Autunno – nel calendario massonico data di ripresa dei lavori nelle Logge – che il Grande Oriente d’Italia dedica quest’anno proprio a Garibaldi.

Garibaldi, sicuramente il Massone più famoso dell’ottocento, aderì alla Liberamuratoria a metà della sua esistenza, quando in esilio trovò solo nello Logge un clima di libertà e di solidarietà, e divenne nel 1864 Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia. Insieme ai Liberi Muratori fu impegnato nelle file del movimento pacifista e nella battaglia, che vide ovunque i massoni in prima fila, per promuovere la costituzione di organismi di arbitrato a livello internazionale che scongiurassero il ricorso alle guerre. Così come la Massoneria di quegli anni, si prodigò per l’affermazione del suffragio universale, per l’emancipazione femminile, per la diffusione dell’istruzione obbligatoria, laica e gratuita e per diffondere in Italia l’idea e la pratica della cremazione

“Garibaldi – sottolinea il Gran Maestro Gustavo Raffi – rappresenta la storia di ogni singolo italiano. Nella sua veste di edificatore della Nazione, per la sua umanità e per i suoi principi, diventò un punto di riferimento per coloro che volevano creare un’Italia unita, libera e giusta. E lo è ancora: il sogno garibaldino ossia l’idea di una società civile libera e democratica conserva ancora oggi una grande attualità e rappresenta un obiettivo che incarna gli ideali massonici. E’ un mito vivente nel cuore degli italiani e della Massoneria :è vivo perché è la nostra profonda coscienza democratica”.

Le celebrazioni per il XX settembre e per l’Equinozio d’Autunno proseguiranno nel pomeriggio di sabato 22 settembre, sempre a Villa Il Vascello con il “Concerto per Garibaldi”; la proiezione del film “Il Piccolo Garibaldino” e con l’allocuzione del Gran Maestro Gustavo Raffi.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.