Roma 2 dicembre 2010 – Corruzione: Raffi (Goi), Vescovo Pennisi chiarisca a chi indirizza accuse di commistioni tra Massoneria e poteri criminali

Parli con i fatti, assumendosi responsabilità civili o penali, o taccia

“Lanciare accuse senza fondarle in precisi riscontri fattuali, più che da ‘pastori’ ci sembra un comportamento da ‘banditori'”. Così Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, replica alle dichiarazioni di monsignor Michele Pennisi, vescovo di Piazza Armerina (Enna), che legano la Massoneria a oscure trame di potere.

“Se sua Eccellenza Pennisi – spiega Raffi – è a conoscenza di coinvolgimenti dei Liberi Muratori del Grande Oriente d’Italia in qualche torbida storia di corruzione o di attività criminali, faccia nomi e cognomi, indichi le circostanze e si rechi senza indugi alla Procura della Repubblica, assumendosi ogni responsabilità civile e penale. Altrimenti faccia silenzio, legga qualche bel libro e predichi l’avvento, ma non parli del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani che con questa spazzatura nulla a che fare e impunemente viene accostato nelle sue ‘denunce’ a forme occulte di potere, espressione della criminalità organizzata quali la mafia, la camorra o la ‘ndrangheta’”.

“Il Nazareno mi sembra dicesse: ‘Sì, sì, no no sia il vostro parlare. E il più viene dal maligno’. Il tunicato rilegga qualche pagina di vangelo”, taglia corto l’avvocato ravennate alla guida della più antica obbedienza massonica italiana.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.