Roma 15 settembre 2009 – (ANSA) Massoneria:Raffi, 150° Unità porti riflessione no polemiche. Grande Oriente, da venerdì annuale celebrazione Porta Pia.

“Non avremmo mai pensato che il 150° dell’Unità nazionale potesse finire, nel nostro Paese, al centro di polemiche e politiche tanto sconcertanti”.
Così Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, nel tradizionale manifesto redatto in occasione delle celebrazioni del 20 settembre che inizieranno venerdì prossimo.

Il 50° anniversario, nel 1911, “fu salutato – sottolinea Raffi nel documento – da esposizioni memorabili che culminarono a Roma nella consacrazione del Vittoriano”.
Nel 1961, l’Italia del boom confermava i valori fondanti della coesistenza unitaria, “e oggi? Dovremo tornare ai dialetti, ai vessilli regionali, alla celebrazione dei Borbone o degli Asburgo”, chiede. “Crediamo – scrive ancora – che una classe dirigente complessivamente incapace di dar vita ad un autentico programma pedagogico di educazione nazionale, in grado di restituire dignità e orgoglio a noi tutti e a nostri figli, possa difficilmente dar prova di quella capacità di visione, d’immaginazione creativa, di cui l’Italia ha una disperata necessità”.
Le celebrazioni del 2011 dovrebbero condurre “non alla facile retorica”, conclude, ma “alla riflessione comune per progettare quello che dovremo essere. Tutti insieme”.

La ricorrenza del 20 settembre e dell’equinozio d’autunno prenderanno il via venerdì 18 a Villa Il Vascello, sede del Grande Oriente d’Italia.
Previsti due convegni: “1859 la rinascita della Massoneria e l’inizio dell’unificazione dell’Italia: due percorsi a confronto” (venerdì alle 18.30) e “Il Sacro e la Ragione. Percorsi e confronti anche alla luce dell’Enciclica Caritas in Veritate” (sabato 19 alle 10,30).

Sempre sabato alle 19, il Gran Maestro Raffi pronuncerà l’“allocuzione” in gergo massonico, sugli impegni e sulle iniziative della istituzione nei prossimi mesi. Infine domenica 20 a Porta Pia è prevista la deposizione di una corona di alloro davanti al monumento che ricorda la “breccia”, “valore irrinunciabile della laicità”.

(ANSA) ore 16:57 17:37



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.