Roma 15 maggio 2010 – (Adn kronos) Massoneria: Raffi (GOI), Fratelli-Coltelli? Storia vecchia non ci crede più nessuno. Nulla di nascosto, la lezione della comunione è più profonda.

“Fratelli, coltelli? Roba davvero vecchia, non ci crede più nessuno. Si è trattato di una ribollita, neanche ben fatta”. Dopo l’inchiesta di ‘Panorama’ sulla maggiore obbedienza massonica italiana, Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia parla così all’ADNKRONOS di quelle che definisce “accuse infamanti e soprattutto infondate all’Istituzione, smentendo categoricamente contenuti e ‘retroscena’ di una ricostruzione giornalistica non verificata che campeggia sulle pagine di un settimanale”.

“Tanto clamore – sottolinea il numero uno del Vascello – riguarda in realtà cose trite e ritrite, dando fiato ad argomentazioni coperte da anonimato e veicolate attraverso siti internet altrettanto anonimi, peraltro aperti all’estero, che durante la campagna elettorale per la Gran Maestranza non hanno guardato le regole dell’etica”.

“Stando a questi gossip mal riusciti – aggiunge l’avvocato ravennate dal 1999 alla guida di Palazzo Giustiniani – il vero segreto della Massoneria sarebbe rappresentato da un’auto con autista a disposizione del Gran Maestro? Suvvia, siamo seri: la secolare lezione della Massoneria è altra e ben più profonda”.

“Tanto per la cronaca, quale esempio che le accuse fatte sono parole al vento – precisa Palazzo Giustiniani – non ho mai disposto di auto o autisti al mio servizio, cosa che tutti sanno e mi sembra – sorride Raffi – perfino ridicolo rimarcarlo”.

“Ho aperto le porte del Tempio – fa notare Raffi – a tutti coloro che hanno voluto e vogliono confrontarsi con i Fratelli in un cammino di Luce, Sapienza e Bellezza e non c’è nulla di nascosto. Indietro però non si torna, perché il tempo delle catacombe è finito”.

“Alle calunnie volgari – rimarca il Gran Maestro del Goi – si può rispondere solo con il disprezzo e nelle aule di giustizia, quando magari finalmente, se ne avranno il coraggio, si potrà guardare negli occhi chi sparge veleno abbaiando alla luna ed evitando di assumersi responsabilità col rifugiarsi nell’anonimato”.

Perciò, annuncia Raffi, “il Grande Oriente d’Italia si riserva di adire alle vie legali per tutelare in ogni sede l’onorabilità dell’Istituzione e delle persone che la rappresentano. Abbiamo nel cuore una lezione della fratellanza universale: con il fango vecchio non si cementano pietre. Questo è un attacco strumentale portato a segno, ma non riuscito nel suo intento di destabilizzare la comunione, in un momento in cui nel Goi sono in corso le elezioni regionali”.

“Noi – assicura il Gran Maestro – continuiamo nel nostro progetto di ‘Nuova Primavera’, rendendo sempre più il Grande Oriente d’Italia una casa di vetro, in confronto costante con la società, scuola di umanità e laboratorio di idee. Quanto agli altri – taglia corto Raffi – o sono poco credibili: continuino pure a incrociare il microfono con le loro ossessioni. La verità è altra cosa rispetto alle loro urla da cortile e dai teoremi su complotti che non esistono o su gestioni che nulla hanno di grigio. Sappiamo, per dirla con Marguerite Yourcenar, che il tempo è sempre un gran signore e per far verità rispetto all’ennesimo polverone alzato ad arte non temiamo carte bollate né aule di tribunale, pronti sempre al confronto a viso aperto su ogni questione”.

“Come abbiamo detto alla Gran Loggia a Rimini, conclude Raffi, da tempo ci siamo fatti le domande appropriate rispetto al nostro tempo ed abbiamo scelto di volare alto come le aquile, lasciando così ad altri il volare basso: come i polli. Una scelta di vita e un percorso da veri massoni. Iniziati alla forza della Vita”.

(Adn Kronos) 15 MAG 2010



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.