Roma 12 aprile 2010 – (ANSA) Pedofilia: Raffi (GOI), Attacchi a Papa? Massoneria non c’entra. ‘Calderoli non accenda roghi inutili.

Il ministro Calderoli “non accenda roghi inutili. Non c’è la Massoneria dietro gli attacchi al papa”. Così l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia (GOI), replica al ministro per la Semplificazione normativa Roberto Calderoli, che ieri ha parlato di attacchi della Massoneria dietro lo scandalo pedofilia.

“Nella sua esternazione – afferma Raffi – Roberto Calderoli vede l’ombra della Massoneria dietro gli attacchi al Papa. E’ un fumo che sarà rimasto negli occhi del ministro ‘terminator’ che forse non ha ancora messo a terra il lanciafiamme imbracciato il 24 marzo scorso in una caserma dei vigili del Fuoco delle Capanelle per accendere il ‘rogo’ delle leggi inutili”.

“Stavolta, però – continua – il ‘fumus persecutionis’ rischia di alimentarlo nei confronti della Massoneria, dimenticando, crediamo in buona fede, che il Grande Oriente è la prima vittima di generalizzazioni che spesso diventano luoghi comuni”.

“Coerentemente – conclude Raffi – la Libera Muratoria non alimenta scandali, non complotta e non attribuisce al massimo esponente della Chiesa di Roma le colpe vergognose di chi si è reso indegno dell’abito talare”.

(ANSA) 12 APR 10



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.