Procuratore Roberti distingue Massoneria ufficiale da quella occulta e deviata. Gran Maestro Bisi: “Parole importanti, per noi veri massoni una salvaguardia”

Il procuratore nazionale Antimafia,  Franco Roberti, ospite il 25 giugno del programma di approfondimento condotto dalla giornalista Maria Latella su Skytg24 ha parlato nel corso di una lunga intervista anche della Massoneria operando una importante distinzione fra la Massoneria ufficiale e quella occulta o deviata.

Il Gran Maestro Stefano Bisi ha commentato positivamente la dichiarazione del Procuratore Roberti: “Quando si analizzano le cose con  grande equilibrio, senso del dovere e facendo i necessari distinguo, allora si può ben dire che si è sulla strada giusta per capire il vero e prezioso ruolo della Massoneria all’interno della società. Le parole del procuratore nazionale Antimafia, dottor Franco Roberti, che nell’intervista su Skytg24 alla giornalista Maria Latella, ha opportunamente fatto chiarezza separando la Libera Muratoria ufficiale e regolare, di cui il Grande Oriente d’Italia è da oltre 200 anni la più antica espressione nel Paese, da quella “occulta” e “deviata”, sono importanti e costituiscono per noi veri massoni una salvaguardia e una speranza. Spesso nell’ambito di inchieste giudiziarie e di notizie pubblicate dai media si parla genericamente di Massoneria, facendo di tutta l’erba un fascio, con conseguenze negative per l’onorabilità degli iscritti al Grande Oriente d’Italia. Speriamo che anche altri soggetti comprendano la complessità del fenomeno Massoneria, dove non esiste un copyright, e che la nostra istituzione venga tutelata e preservata da arbitrarie e lesive generalizzazioni. Noi ribadiamo con forza la nostra trasparenza, e l’alto ruolo iniziatico della nostra missione che ci vede portatori di principi e valori sani che elevando l’Uomo combattono le mafie”.



5 commenti a “Procuratore Roberti distingue Massoneria ufficiale da quella occulta e deviata. Gran Maestro Bisi: “Parole importanti, per noi veri massoni una salvaguardia”

  1. La “massoneria deviata” non è Massoneria, bensì un sodalizio a fini delinquenziali mascherato.

  2. Condivido le parole del Procuratore Roberti e quelle del Gran Maestro Bisi che opportunamente ne evidenzia il contenuto chiarificatore: sarebbe a mio avviso necessario insistere, con riguardo alla visione collettiva, sulla distinzione fra il nobile ed utile ruolo di crescita umana e sociale svolto dalla massoneria ufficiale e regolare, e quello della massoneria deviata, assai meno elevato ma più diffuso nell’immaginario collettivo

  3. Credo fermamente nella giustizia Italiana… col tempo fa sempre chiarezza. Spesso si fa molta confusione a volte per strumentalizzare altre per mancanza di cultura appropriata. Bene fa il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi ad evidenziare con forza e determinazione la trasparenza della missione della vera massoneria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *