Padova 10 dicembre 2011 – (ANSA) Crisi: Raffi (Grande Oriente), laici facciano propria parte. Concluso a Padova convegno su Laicità e Pensiero

“I laici vivono, sono sopravvissuti a tutte le tempeste. In un momento come questo di grandi difficoltà, tutti devono fare la propria parte. La Massoneria, luogo di confronto e laboratorio di idee, è esempio di ciò che unisce oltre ogni appartenenza”. Lo ha detto Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, concludendo oggi a Padova il talk show ‘Laicità e pensiero. Radici e futuro dell’Italia unita’. “Questo è il tempo della responsabilità – ha osservato Raffi – non della fuga. Basta privilegi di casta, di qualsiasi natura, sia che si tratti dei professionisti della politica sia di quelli della religione. Nel momento in cui si chiedono sacrifici, il Parlamento decida e abbia il coraggio di eliminare i privilegi e di essere generoso con chi non ha neppure i minimi per la sopravvivenza. Parlo dell’Ici, dell’Imu come dell’8 per mille”.

“Oggi – ha sottolineato il Gran Maestro di palazzo Giustiniani – c’è una storia profonda da cogliere. E’ possibile una ricerca e una scoperta per tutti se ci manteniamo aperti al vero. Occorre superare i confini dell’egoismo – ha aggiunto Raffi – andare oltre le ideologie e i mezzucci del particolare, uscire dall’omertà e dal servilismo, e farsi costruttori di storie di cambiamento possibile. Il vero orizzonte della modernità si vede nella dignità che essa conferisce alla ricerca e all’istruzione, nel compito mai spento o definitivo di formare uomini liberi e coscienze ribelli”. Raffi ha annunciato infine che “il prossimo incontro della rassegna di celebrazioni del Grande Oriente sarà intitolato ‘Cuore e ragione, l’Italia che vuole farcela’”.

(ANSA) 10 DIC 2011



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.