Nel segno di Ipazia, ricerca e laicità il segreto del nostro tempo. Seminario a Catania con Silvia Ronchey

C’era urgente bisogno che la laicità si procurasse un simbolo: un’icona degli ideali di tolleranza, di non faziosità, di rifiuto delle fedi e delle ideologie pervasive. L’ha trovato in un’eroina di quindici secoli fa: la filosofa Ipazia, matematica e astronoma, cattedratica nell’antica accademia platonica di Alessandria, massacrata dal fanatismo della prima Chiesa cristiana. Fu bellissima e amata dai suoi discepoli, pur respingendoli sempre. Fu fonte di scandalo e oracolo di moderazione. La sua femminile eminenza accese l’invidia del vescovo Cirillo, che ne provocò la morte, e la fantasia di poeti e scrittori di tutti i tempi, che la fecero rivivere. Fu celebrata e idealizzata, ma anche mistificata e fraintesa. Della sua vita si è detto di tutto, ma ancora di più della sua morte. Fu aggredita, denudata, dilaniata. Il suo corpo fu smembrato e bruciato sul rogo.

In un momento storico e culturale in cui si aprono molteplici riflessioni sul nuovo ruolo della laicità per il nostro tempo, la R. L. G. Garibaldi n 315 all’Oriente di Catania, organizza il 24 novembre alle 16, a Catania, in collaborazione con il Servizio Biblioteca del Grande Oriente di Italia, un seminario scientifico – letterario riguardante la presentazione del volume Ipazia, di Silvia Ronchey, docente all’Università di Siena.

Dopo il saluto introduttivo, in programma l’intervento del M.V. A.Torrisi R. L. G. Garibaldi n 315 Oriente di Catania. Alla presenza dell’autrice, i lavori saranno coordinati da E. Iachello, preside facoltà di Lettere Università di Catania

Introduzione: il filo della cultura tra Roma e Catania
B. Fioravanti, Gran Bibliotecario del GOI
S. Pulvirenti, Gran Ufficiale del GOI

Relatori: Il femminile e la conoscenza
F. Testa, M.V. della R. L. ” G. Pizzarelli”
Lucrezia Vitetta, psichiatra, scrittrice
Silvia Ronchey,Università di Siena, autrice del volume

Interventi programmati
Giorgio Morelli, critico letterario, Università di New York City
Carlo Trupi, preside Facoltà di Architettura Università di Siracusa

Conclusioni
Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.