Milano 22 Novembre 2007 – Garibaldi: anche Giannelli, Altan, Bucchi, Forattini e Staino ne celebrano il Bicentenario.

Il Convegno di studi “Libertà e solidarietà: la lezione di Garibaldi”; il documentario “Garibaldi oltre il mito”; la mostra “Alla garibaldina” vignette e caricature di artisti tra i quali Giannelli, Altan, Bucchi, Forattini, Staino: è una vera e propria full immersion dedicata all’Eroe dei Due Mondi quella prevista domenica prossima 25 novembre dal Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani e dalla Società Umanitaria per celebrare il Bicentenario della nascita di Garibaldi.

Ad aprire le iniziative – alle ore 16 (Sala Facchinetti – Società Umanitaria, via Daverio 7) il Convegno di studi al quale interverranno, presieduti da Piero Amos Nannini, presidente della Società Umanitaria, Cosimo Ceccuti, università di Firenze, “Garibaldi: un mito che vive”; Zeffiro Ciuffoletti, della stessa università, “Il volontariato garibaldino”; Annita Garibaldi Jallet, università di Bordeaux, “Garibaldi e la solidarietà ai popoli oppressi”; Marco Novarino, università di Torino “L’associazionismo laico in Piemonte”; Paolo Gastaldi, università di Pavia e presidente del Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Lombardia; Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani “Garibaldi e la Massoneria”.

La Società Umanitaria ospiterà anche dal 25 al 30 novembre una mostra di vignette e caricature di artisti contemporanei dal titolo “Alla garibaldina” organizzata dalla stessa Umanitaria e dalla Fondazione Riccardo Bauer. Dopo il convegno sarà proiettato il documentario “Garibaldi oltre il mito” di Angelo Bonfadini con la consulenza dello storico Arturo Colombo.

Sulla figura di Garibaldi che, come noto, fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, l’avvocato Gustavo Raffi sottolinea: “la sua adesione alla Massoneria fu meditata e consapevole e nacque dal desiderio di costruire uno stato laico e democratico. Il sogno garibaldino, l’idea di una società civile, libera e democratica conserva ancora una grande attualità e rappresenta l’ideale di tutti i Liberi Muratori”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.