Per il Grande Oriente d’Italia è incostituzionale la clausola sulla Massoneria del Contratto stipulato tra le parti del futuro esecutivo. E chiede l’intervento del Presidente della Repubblica

I Massoni del Grande Oriente d’Italia giurano solennemente fedeltà alla Repubblica Italiana. Lo fanno sulla Carta Costituzionale e s’impegnano a rispettarne le norme e le leggi. L’idea di inserire  una clausola antimassonica nel contratto stretto tra Lega e M5S è contraria ai principi costituzionali. Ricorda le leggi fasciste che i Massoni hanno sempre denunciato e che sono la conseguenza di una pericolosa deriva liberticida. Gli articoli 2, 3,18 e 21 della Costituzione sono molto chiari e non ammettono patti negoziali che impediscano a categorie di cittadini di esercitare la libertà di partecipazione, d’espressione e d’associazione in tutte le sue forme. Chi pensa per fini politici di sfruttare una campagna contro i Massoni  e di impedire l’esercizio dei diritti primari commette un abuso e deve assumersene ogni responsabilità.

Questa odiosa discriminazione non solo reca offesa alla storia d’Italia, al cui farsi come Nazione e al cui progresso civile i Massoni da Garibaldi a Carducci, da Mameli a Crispi, da Fermi a Ruini, a Quasimodo, hanno dato un contributo fondamentale; ma procura anche inquietudine nell’opinione pubblica di tutte le grandi Democrazie Occidentali, dagli Stati Uniti all’Inghilterra, alla Francia, nelle quali l’appartenenza alla Massoneria è sinonimo di attaccamento patriottico e lealismo costituzionale. Ricordiamo a tutti i Deputati e Senatori neoeletti e in modo particolare ai leader ed ai Parlamentari delle due formazioni che si candidano a reggere le sorti della nostra Nazione che essi devono rappresentare tutti i cittadini e li invitiamo a ri-leggere qualche utile pagina di storia partendo dal Risorgimento e finendo all’Istituzione della Repubblica Italiana.

I Liberi Muratori del Grande Oriente d’Italia  hanno inviato una lettera al Capo dello Stato, garante di tutti gli italiani, in cui chiedono che vigili perché la Costituzione sia applicata nella sua interezza e senza discriminazioni.

La Giunta del Grande Oriente d’Italia

Roma, Il Vascello 18 maggio 2018

 



27 commenti a “Per il Grande Oriente d’Italia è incostituzionale la clausola sulla Massoneria del Contratto stipulato tra le parti del futuro esecutivo. E chiede l’intervento del Presidente della Repubblica

  1. Concordo con quanto afferma la giunta del GOI. Questo “contratto” mi sembra uscito da un film già visto nel lontano 1925..!!!!!!!

  2. Condivido tutto e ritengo di procedere secondo tutte le vie democratiche per fare rispettare tutti i principi di libertà .

  3. Ritengo che questa richiesta debba essere sottoscritta non solo da tutti i massoni del GOI e d’Italia ma anche da tutti i cittadini italiani che vogliono essere garantiti nelle loro libertà costituzionali e nei diritti che la Costituzione italiana riconosce e tutela (associazione, pensiero, lingua, religione e lavoro). Sarei propenso a tanto.

  4. Sono lieto di non aderire neppure col pensiero e tanto meno col voto a schiere di simili “Barbari” (v. Financial Times)

  5. Si concordo con tutto quello scritto sopra, credo sia opportuno instaurare dei rapporti diplomatici, discutere di presenza , sensa, mandarlo a dire o per mezzo di proclami. Credo fermamente nella democrazia e sopratutto nei rapporti diplomatici. Larry Milazzo

  6. “Questa così vana prosunzione d’intendere il tutto non può aver principio da altro che dal non avere inteso mai nulla, perché, quando altri avesse esperimentato una volta sola a intender perfettamente una sola cosa ed avesse gustato veramente come è fatto il sapere, conoscerebbe come dell’infinità dell’altre conclusioni niuna ne intende”
    GALILEO GALILEI!

  7. Credo che ogni Massone condivida quanto denunciato dalla Giunta del GOI.
    Piuttosto,ma non sarebbe opportuno sapere che l’intervento richiesto al Capo dello Stato avviene anche con specifica sollecitazione che non sia solo quella affidata alla pubblicazione sul sito web del GOI ?
    Non si potrebbe per esempio dare risalto alla iniziativa attraverso una conferenza stampa per esprimere il nostro disagio alla intera comunità nazionale visto che l’lintervento di cui si parla,anche se compiutamente fatto, potrebbe rimanere solo su qualche scrivania di qualche ufficio al Quirinale ?
    È il legittimo, modesto parere su un modo fattivo di tutela della ns immagine…. ed ai due dioscuri cosa intendiamo dire ?
    Grazie!

  8. Nel “contratto” viene gravemente offesa là onorabilità di ognuno di noi : siamo infatti stati equiparati ai corrotti . GOI de e promuovere una class action

  9. Secondo me già è sbagliato parlare di contratto perché il contratto prevede obbligazioni tra le parti con conseguenze per inadempimento che in questo caso non esistono e non possono esistere. Si dovrebbe parlare di accordo su due diversi programmi e non mi pare che in uno dei due programmi fosse previsto una qualche clausola contro i massoni. Fatto benissimo la Giunta ad allertare il Capo dello Stato.

  10. Vorrei fare un comunicato stampa per informare i miei elettori della cosa e invitarli a non votare lega e 5 stelle nelle prossime consultazioni comunali inquanto non garantiscono la libertà di pensiero

  11. A tutti i livelli dobbiamo contrastare la deriva autoritaria del sostituendo governo nazionali. Oggi si punta il dito contro i Massoni e pochi si indignano, domani contro chissà chi e sarà troppo tardi

  12. Adesso vediamo quale sarà la replica del Presidente della Repubblica cone garante della costituzione. Liberté Égalité Fraternité

  13. Approvo completamente la decisione della Giunta di scrivere al Presidente della Repubblica, garante della Costituzione e primo destinatario dei nostri Brindisi alle Agapi. Confido nella presenza lungimirante del Capo dello Stato

  14. NO PASARAN ! La Costituzione Italiana è un testo “sacro” consegnatoci dai Padri Fondatori della Repubblica. Non la si può aggredire a colpi di “contratti” incostituzionali.
    Confidiamo nella sapienza e saggezza del Presidente della Repubblica, che è il sommo Garante di tutti i Cittadini italiani.
    Dario Seglie
    Consigliere dell’Ordine

  15. Un groviglio di stupide affermazioni dove la politica non deve avere dubbi sulla massoneria come istituzione ma dell’uomo. Cercate di gestire questa differenza giacché in ogni ambito esiste il marcio come in politica nella regione ecc. Nessuno condanna gli altri poteri ma sa puntare il dito verso ciò che fa comodo. Perché a un credente religioso che commette delitti o irregolarità verso lo stato e altri organi istituzionali non viene dato il veto ad occupare incarichi dello stato o pubblica amministrazione ecc.???? Perché in quel caso si guarda l’uomo e i suoi carichi pendenti o se è sotto indagine….. E allora convergere il veto verso l’uomo non verso il suo credo o verso la sua appartenenza a circoli o altro. Evitate di dare in pasto una tradizione nobile per colui che ignora la conoscenza. Evitate di sconcludere con accostamenti infelici cercando di lavorare per chi è onesto magari massone convinto e fiero che la mattina si alza va a lavorare e vive dignitosamente ed onestamente. Fatevelo voi un esame di coscenza.

  16. Solidarieta’ ai Fratelli Italiani contro questo inaudito attacco alla liberta’ di pensiero ed Associazione.

  17. Chiediamo tutti la doppia cittadinanza alla ambasciata del Regno Unito o Americana motivandola con la conventio ad escludendum e la possibilita’ di ulteriori persecuzioni, dichiarandoci tutti perseguitati. E vediamo cosa accade …

  18. Bene ha fatto la Giunta del GOI a chiedere l’intervento del Presidente della Repubblica. Dobbiamo tenere sempre alta la guardia…..ora più che mai.

  19. Regole e limiti dovuti all’ignoranza (dal verbo ignorare, absit iniuria) di chi ignora la Massoneria, la sua storia e la sua realtà attuale. Come i bambini hanno paura di ciò che non conoscono, così essi, che ignorano cosa realmente sia la nostra Comunione, ne hanno paura. Sta a noi farci conoscere per quali siamo, e benissimo procede in questo senso il nostro Gran Maestro assieme a chi più strettamente collabora con lui. Ad essi vada tutta la nostra collaborazione ed il nostro sostegno.

  20. Da profano sono totalmente d’accordo con l’iniziativa della Giunta del GOI. Evidentemente, nella migliore delle ipotesi, ci si trova di fronte a soggetti dal curriculum scolastico semifallimentare che hanno continuato a non leggere libri nemmeno da adulti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *