Massofobia in Italia. La solidarietà della Gran Loggia del Cile

Non si spegne l’eco della denuncia di massofobia in Italia presentata a Panama, due mesi fa, dal Gran Maestro Stefano Bisi in occasione della Conferenza Mondiale delle Gran Logge Massoniche Regolari. Il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia aveva fatto un appello contro la discriminazione e la limitazione di libertà, in termini anticostituzionali, che i Liberi Muratori vivono nel nostro paese. Il risultato fu subito unanime: un lungo interminabile applauso dei delegati massonici di tutto il mondo sancì la partecipazione e il sostegno internazionale, così come fu immediata la solidarietà della Conferenza Massonica Interamericana che ha condannato quella che ha definito una vera e propria violazione dei diritti umani. Con una lettera del 9 gennaio il Gran Maestro della Gran Loggia del Cile Sebastián Jans Pérez  ha voluto ancora una volta esprimere, a nome suo e dei massoni cileni, la vicinanza e il sostegno della sua Comunione per questo momento così difficile per la Massoneria italiana. “Lo scorso novembre, – scrive il Gran Maestro Pérez al Gran Maestro Bisi – durante l’Assemblea delle Grandi Logge massoniche Regolari del mondo, svoltasi a Panama, alla quale avete partecipato, i rappresentanti della nostra Gran Loggia firmarono un documento di sostegno al Grande Oriente d’Italia per i difficili momenti che avete vissuto negli ultimi tempi”. “In questa occasione – scrive ancora – desidero esprimere la mia massima solidarietà al vostro Grande Oriente per la persecuzione della quale è stata oggetto, manifestando il nostro impegno ad appoggiarvi in ciò che considererete pertinente, e al tempo stesso, sperando in un veloce superamento di queste incomprensibili situazioni. Vi abbraccio fraternamente a nome di tutti i Massoni del Cile”.

La Massoneria cilena ha grandi tradizioni in Sud America. Fondata nel 1862 e costituita da circa 12mila iscritti distribuiti in 240 logge, la Gran Loggia del Cile è fortemente impegnata sul piano culturale e sociale con vari progetti educativi e umanitari riconosciuti e apprezzati dalle istituzioni pubbliche. Più volte massoni della Gran Loggia cilena sono stati alla guida del paese. L’ultimo in ordine di tempo, e sicuramente il più conosciuto e apprezzato, è Salvador Allende.

L’intervento del Gran Maestro Stefano Bisi a Panama

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.