Manifesto XX Settembre 2013

Italiani, Fratelli d’Italia,

Molte persone, di fronte alle incertezze del nostro tempo e a una crisi esistente che non è solo socio-economica ma valoriale, hanno scelto di guardare il futuro attraverso le cupe lenti della rassegnazione, ponendosi in balia degli eventi e dei potentati. Ma chi conosce l’Uomo sa che occorre reagire: l’Uomo libero può sempre trovare dentro di sé e nella relazione con gli altri la chiave per aprire la porta di un futuro luminoso. Solo ricercando nel profondo dell’essere umano e del suo mistero, si possono rinvenire le risorse per guardare al domani con fiducia, nonostante tutto.

Il primo strumento utile è la cultura, cioè la capacità di vedere la realtà, di coglierne l’essenza in uno sguardo di insieme, logico, coerente e simbolico. Uno sguardo capace di dare un senso al vissuto, di trovare soluzioni ai problemi, di saltare gli ostacoli che la vita mette sul cammino, di aprire varchi in quelli che sembrano vicoli ciechi, costruendo così una nuova coscienza civile e una storia aperta.

L’essere umano non è un’isola e trova il meglio di sé quando esce dalla gabbia del solipsismo e incontra l’altro. Un ‘altro’ in cui scopre quell’eguaglianza profonda che supera ogni diversità e rende l’estraneo familiare, Fratello del proprio tempo di vita e di ricerca. Scoprendo anche che nell’Italia in cui viviamo il male non è la fragilità delle Istituzioni ma la crisi delle coscienze, la fiacchezza di sentimenti, l’assenza di fede vera nella libertà. Sotto l’apparenza della libertà, domina l’animo del servo e il vuoto interiore. Non è questa la libertà che il XX Settembre 1870 annunciava.

Si può e si deve invertire la rotta, costruendo anche sulle rovine. Cultura e Fratellanza sono due strumenti con cui si può ancora cambiare il mondo. E costruire il Tempio dell’Umanità.

Gustavo Raffi
Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.