Il sangue dei Fratelli di Maurizio Mariani e Vito Ronchi

Italia. 26 ottobre 1925. Poche settimane prima della promulgazione delle leggi “liberticide” che metteranno al bando la Massoneria e le altre libere associazioni che potrebbero essere di ostacolo alla dittatura del Duce. E’ questo lo scenario in cui si svolge la trama del libro “Il sangue dei Fratelli”, l’appassionante romanzo a quattro mani di Maurizio Mariani e Vito Ronchi pubblicato da SBC edizioni.

Gli eventi coinvolgono una non specificata, e immaginaria, città dell’Emilia, nella quale le camicie nere si stanno definitivamente impadronendo del potere e imponendo con la forza il proprio volere. Una squadraccia fascista irrompe nella locale Casa Massonica, devastandone il Tempio, e cercando di impossessarsi della lista degli aderenti. E sarà proprio nei locali della Loggia che, il giorno successivo, verranno ritrovati i cadaveri di due camicie nere.

Ad occuparsi delle indagini è l’integerrimo Commissario di Polizia Italo Neri e i suoi due colleghi: il disincantato veterano Pietro Gualandi e il giovane ed entusiasta Nicola Artuso. In un clima arroventato dalla lotta tra le diverse anime del Partito Fascista, i tre poliziotti si ritrovano così immersi in un complicato scenario in cui si intrecciano politica, interessi personali e malaffare e dove non sempre le cose e le persone sono come appaiono in superficie.

Il romanzo è arricchito dalla Prefazione del Gran Maestro Stefano Bisi e da una postfazione dell’ex Gran Maestro Gustavo Raffi. Il ricavato delle vendite verrà devoluto all’Onlus Asili Notturni Umberto I. Maurizio Mariani è nato a Lugo nel 1977, si è laureato in Scienze Politiche all’Università di Bologna. Dopo alcune esperienze come operatore e come volontario della Croce Rossa Italiana ha collaborato come giornalista pubblicista per alcune testate locali. Svolge attività di improvvisazione teatrale. Vito Ronchi è nato a Faenza nel 1976, si è laureato a Bologna in Storia e specializzato in Beni Culturali a Ravenna e Modena. Ha lavorato per anni come operatore dei beni culturali. Ora svolge attività di consulente. Libero Muratore dal 2010 Loggia “La Pigneta” (676) di Ravenna.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.