Il Gran Maestro Bisi: “Il barbaro assassìnio a Palmira del professor Khaled Al Assaad è un attacco alla Cultura ed al cuore della Civiltà”

“Non ci sono più parole ormai per commentare la barbarie criminale dell’Isis. L’uccisione del professor Khaled Al Assaad è un attacco alla Cultura ed al cuore della Civiltà. Hanno voluto colpire un insigne studioso, l’angelo custode del sito archeologico di Palmira che è patrimonio dell’Umanità  per colpire tutti noi. Ma non è cercando di cancellare la storia e i suoi simboli secolari o trucidando personalità come Al Assaad che questi disumani uomini neri del terrore potranno portare avanti il loro progetto di tirannia e di morte. Il Grande Oriente d’Italia partecipa al dolore della comunità internazionale e in base ai suoi principi universali di pace, dialogo e tolleranza si opporrà sempre a chi vuole riportare il mondo nel caos e confinarlo nella terra di mezzo dell’orrore”. Queste le parole del Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi dopo la tragica notizia arrivata da Palmira e che ha provocato sdegno e rabbia nel mondo. Il Grande Oriente d’Italia con una nota era già intervenuto per sensibilizzare le coscienze nel momento in cui lo scorso mese di maggio le milizie dell’Isis avevano conquistato la zona di Palmira e si erano verificati i primi saccheggi del sito archeologico che dal 1980 è patrimonio dell’Unesco. Ecco cosa avevamo scritto il 22 maggio con il titolo Palmira: difendiamo tesoro dell’Umanità e simbolo della cultura universale: ”I luoghi del sapere rappresentano per noi massoni-costruttori un inestimabile tesoro dell’Umanità. Aver appreso che l’antica città siriana di Palmira è caduta nelle mani dei fanatici del terrore è motivo di sgomento per la barbara uccisione di soldati e civili e di grande apprensione per le sorti di quello che  è considerato uno dei siti archeologici più importanti non solo del Medio Oriente. Palmira è dal 1980 città patrimonio dell’Unesco. È menzionata nella Bibbia come Tadmor, la città del deserto che fu fortificata da Salomone, ed è citata negli archivi dei re Assiri. Nell’antichità era uno dei punti di sosta per le grandi carovane che attraversavano il deserto. La cultura per noi è universale e Palmira è la cultura con il suo fiorente passato e ciò che è rimasto della città che ebbe un potente sviluppo nel periodo romano. Chi ha visitato il sito archeologico sa bene che quelle colonne hanno un valore immenso. Permettere di distruggerle sarebbe delittuoso per chi ha un solo obiettivo: eliminare tutti i grandi simboli della civiltà, cancellare la storia dell’uomo e dare vita al nero simbolo del terrore e della intolleranza. Noi massoni del Grande Oriente d’Italia invitiamo tutte le nazioni a impedire la distruzione di Palmira, vera e propria culla della civiltà, e il saccheggio delle preziose rovine romane. La convenzione del 1954 sulla protezione del patrimonio dell’Umanità durante i conflitti stabilisce che i siti archeologici non devono essere usati per scopi militari. Bisogna evitare che allo scempio perpetrato nelle assire Nimrud, Hatra e Ninive in Iraq, ora si aggiunga quello di Palmira. Il mondo non può perdere questo prezioso e straordinario scrigno che unisce il passato al presente”. Il professor Khaled Al Assaad  ha cercato di farlo pagando con la propria vita. Tocca ora a tutti gli uomini far sì che il suo sacrificio non sia stato vano.



3 commenti a “Il Gran Maestro Bisi: “Il barbaro assassìnio a Palmira del professor Khaled Al Assaad è un attacco alla Cultura ed al cuore della Civiltà”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *