Gran Maestro Raffi: al fianco della Comunità Ebraica romana ricordiamo la tragedia della deportazione nazista. Testimonianza e impegno contro l’inferno della ragione

“Testimoniare è un dovere: siamo al fianco della Comunità Ebraica di Roma che domani ricorda i 69 anni della deportazione degli ebrei romani. Rinnoviamo il nostro impegno di memoria e di lotta contro ogni inferno della ragione, fanatismo e razzismo. Ricordare la tragedia della Shoah vuol dire mantenere viva, soprattutto nelle giovani generazioni, la memoria di quell’immane tragedia che ha negato l’Uomo. Dobbiamo unirci e continuare a credere che il dialogo e la conoscenza possano vincere contro l’odio e l’intolleranza”.

E’ quanto afferma Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, ricordando il 16 ottobre 1943, quando durante l’occupazione nazista della capitale oltre mille ebrei furono presi e deportati nel campo di concentramento di Auschwitz. Soltanto un esiguo numero, 16 persone tra cui una sola donna, tornarono alle loro case. Come ogni anno dal 1994, a Roma si terrà un ‘pellegrinaggio della memoria’, affinché tutti non dimentichino la deportazione avvenuta durante l’occupazione nazista.

Roma, villa il Vascello 15 ottobre 2012



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.