Gran Loggia 2018. Il Gran Maestro presenta ‘Massofobia’: “La vicenda dell’Antimafia non ha scalfito la nostra forza” | video

“Massofobia. L’Antimafia dell’Inquisizione” è il libro-documento scritto dal Gran Maestro Stefano Bisi, edito da Tipheret, che racconta la complessa e articolata vicenda dell’indagine dell’Antimafia sulla Libera Muratoria associata alla mafia, del pretestuoso sequestro – da parte della Commissione – degli elenchi degli iscritti di Calabria e Sicilia e delle iniziative legali intraprese dal Grande Oriente d’Italia, in sua difesa, a livello europeo. Il Gran Maestro lo ha presentato al Palacongressi di Rimini il 7 aprile, secondo giorno di lavori della Gran Loggia 2018 Liberi di Conoscere realizzata nella città romagnola dal 6 all’8 aprile. La presentazione si è svolta nell’ambito della rassegna ‘Incontri con l’autore’ curata dal Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia.

“La vicenda dell’Antimafia non ha scalfito la nostra forza”, ha specificato il Gran Maestro spiegando anche il perché di questo libro che ha detto di aver scritto per ‘elaborare un trauma’. Il trauma di una ingiustizia che va superata all’interno anche se gran parte dell’opinione pubblica rivela comprensione e dimostra vicinanza al Grande Oriente d’Italia. Tanto da chiedere in tanti, nel 2017, di farne parte. “Sono ben 500 le domande arrivate lo scorso anno tramite il web – ha detto Stefano Bisi – e questo mi ha colpito”. “C’è chi da noi è andato via – ha aggiunto – ma questo è per lo più da imputare a una scarsa consapevolezza del proprio essere massone”. Il Gran Maestro ha poi spiegato che la “Massofobia” non è presente solo in Italia e proprio per questo le Massonerie, in particolare europee, dovrebbero studiare insieme nuovi modi per superare queste preclusioni che storicamente, ancora oggi, si presentano nei periodi di crisi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.