Francesco Maria Santinelli e la Lux Obnubilata. Il 9 settembre a Pesaro il fascino dell’alchimia nel Seicento

Trecentocinquanta anni fa Francesco Maria Santinelli pubblicava la sua opera di maggiore interesse: la “Lux Obnubilata”, poema considerato compendio della cultura alchemica del Seicento. Il 9 settembre una mostra e un convegno a Pesaro parleranno di Santinelli e dei suoi scritti.

Il genio è figlio del libero pensiero, sempre. Se poi il genio si evidenzia come il delta di un fiume per esprimersi da avventuriero e diplomatico, alchimista e poeta, seduttore e cortigiano, scrittore e uomo d’arme, allora si chiama Francesco Maria Santinelli, conte della Metola, marchese di San Sebastiano, nato a Pesaro nel 1627, vissuto 70 anni tra incredibili successi e contraddizioni, dalla natia Sant’Angelo in Vado alle corti imperiali più potenti. Per onorare i 350 anni dalla prima edizione di “Lux Obnubilata”, opera guida di Francesco Maria Santinelli, il Collegio circoscrizionale delle Marche del Grande Oriente d’Italia, il Circolo Voltaire di Pesaro, la Provincia di Pesaro e l’Ente Olivieri Biblioteca e Musei Oliveriani organizzano il 9 settembre una mostra e un convegno.

La mostra “Opera e manoscritti di Francesco Maria Santinelli”, a cura di Brunella Paolini, sarà inaugurata alle ore 12 presso la Biblioteca Oliveriana di Pesaro (via Mazza 97). Il convegno inizierà alle 15,30 presso la Sala Pierangeli della Provincia. I lavori saranno aperti dal saluto del presidente circoscrizionale delle Marche, Fabrizio Illuminati. Seguiranno gli interventi di Marco Rocchi (Università di Urbino) sulla biografia di Santinelli e i lasciti della “Lux Obnubilata”; di Davide Riboli (Accademia di Urbino) che leggerà brani della “Lux” e del “Carlo Quinto”, altra opera significativa di Santinelli che sarà poi analizzata, nell’ottica alchemica, da Elisabetta Cerigioni (Università di Urbino). Porteranno altri contributi Francesco Sberlati (Università di Bologna) su “La poesia alchemica, Giovanni Caputo (Università di Urbino) su “Santinelli, Jung e l’alchimia”, David Gullentops (Università di Bruxelles) su “Alchimia poetica in Santinelli e Cocteau”, il Grande Oratore del Grande Oriente d’Italia Claudio Bonvecchio (Università Insubria di Varese) che parlerà di “Alchimia antica e moderna”.

poster-low

 

ALLEGATI


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.