Firenze 24 febbraio 2007 – (APCom) Governo/Massoneria: inaccettabile piattaforma politica da Chiesa. Grand’Oriente di Italia: Lo Stato deve essere laico.

E’ inaccettabile che la Chiesa proponga una propria piattaforma politica”: questa l’opinione di Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, che ha parlato a margine di un convegno sui rapporti fra massoneria e Chiesa. “Io non contesto agli alti esponenti della Chiesa – ha spiegato Raffi, rispondendo ad una domanda sull’influenza vaticana nella crisi di Governo – di esprimere la loro visione sui vari problemi, coerentemente con i loro principi: quello che contesto è quando queste valutazioni vengono tradotte in un progetto politico, perché una piattaforma politica è inaccettabile”..

Secondo il Gran Maestro “noi viviamo in un Paese dove c’è una contrapposizione tra due blocchi che arrivano sul filo di lana: allora il problema non è tanto della Chiesa, ma di una classe politica che è disposta a dare molto di più di quello che le viene chiesto, a spese dei cittadini. Vi sono dei diritti che afferiscono le persone, che uno Stato deve tutelare. Lo Stato deve essere laico”.

Raffi non ha voluto commentare la decisione di escludere i Dico dai 12 punti programmatici su cui si muoverà il Governo Prodi: ai giornalisti che gli chiedevano se ravvisava un’influenza della Chiesa in questo senso, ha risposto che “noi non ci occupiamo di politica, e auspichiamo che anche la Chiesa non si occupi di politica, perché le regole sono le regole, e la distinzione è tra laici credenti e non, e intolleranti credenti e non”.

(Apcom) 24 FEB 07



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.