Ferrara. Convegno pubblico “I valori dell’Occidente”

Il Grande Oriente d’Italia si interroga sui Valori dell’Occidente, a Ferrara, sabato 16 novembre, ore 15 e 30, presso la Sala Imbarcadero 2 del Castello Estense. Sarà l’occasione per ricordare gli importanti contributi che la libera muratoria ha dato allo sviluppo di quel patrimonio di valori che contraddistingue la ricchezza ideale e morale dell’Occidente e che può essere facilmente ricondotta a quei principi di matrice illuministica che sfociarono nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino. La massoneria intende anche rivendicare il proprio ruolo di garante di quei valori fondanti dell’Europa e dell’intera cultura occidentale; non solo orgogliosa del proprio passato, ma anche moderna e propositiva che, nel solco della tradizione, trova uno spazio di incontro proponendosi come luogo ideale di dialogo e mediazione, all’insegna di quel principio di tolleranza che rappresenta uno tra i suoi riferimenti ideali. Non solo tolleranza intesa come difesa dei principi di libertà di opinione, di parola e di espressione, ma anche come processo attivo attraverso il quale ci si pone nelle migliori condizioni per comprendere il punto di vista dell’altro. Una massoneria che, ben salda nelle proprie radici, è più che mai vitale e che continua a dare frutti per il bene e il progresso dell’umanità.
All’appuntamento del 16 novembre, moderati da Stefano Mandrioli della Loggia G. Savonarola (104) di Ferrara, porteranno contributi: Marco Veglia dell’Università di Bologna (Un “passaggio a Occidente”. La massoneria e il nomos della terra); Francesco Sberlati, sempre dell’Università di Bologna (Genesi dello stato di diritto. Le costituzioni della Repubblica Cisalpina); Antonio Cecere dell’Università di Roma Tor Vergata (Il diritto di esistenza e la costruzione della città dell’uomo); Marco Rocchi dell’Università di Urbino (I liberi muratori, esploratori nelle nuove frontiere dei diritti). Introduce Mario Martelli, presidente del Collegio Circoscrizionale dell’Emilia Romagna.
Ingresso libero al convegno.

ALLEGATI


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.